Natalina pianta

Natalina pianta: informazioni generali

La pianta di Natalina è un esemplare appartenente alla famiglia delle cactacee e originaria delle regioni meridionali del Brasile. È una pianta perenne, sempreverde e si differenzia dalla lingua di suocera perché quest’ultima produce le sue infiorescenze per Pasqua, mentre la prima durante il periodo natalizio. La Natalina è una succulenta che non ha bisogno di cure colturali specifiche, occorre tuttavia coltivarla in un terriccio specifico, fare attenzione alle concimazioni e alle annaffiature. Nonostante sia un esemplare proveniente dal caldo Brasile, la Natalina si adatta col tempo a qualsiasi ambiente e può essere coltivata anche in vaso all’interno del proprio appartamento. La sua particolarità principale è data dalla struttura dei propri fiori. Conferendole il giusto apporto di sali minerali, acqua (povera di calcare) e provvedendo all’eliminazione delle parti secche o danneggiate, si potrà avere un esemplare sempre rigoglioso e in piena salute.
Esemplare di Natalina in vaso

Mini giardino di piante grasse finte DA0006

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,03€


Natalina pianta: descrizione

Esemplare di Natalina all'interno dell'abitazione La pianta di Natalina nota anche con il nome scientifico di Schlumbergena ed è una succulenta originaria del Sudamerica, dove la si può trovare crescere spontaneamente all’interno delle foreste tropicali del Brasile. Nonostante ciò, come già affermato in precedenza, può essere messa a dimora anche in vasi da posizionare all’interno della propria abitazione in quanto pianta molto decorativa. Le infiorescenze iniziano la loro comparsa durante il periodo natalizio con delle colorazioni che vanno dal rosa al fucsia. La struttura del verde fogliame è molto particolare: ogni foglia è unita alla precedente e alla successiva nella parte centrale. Quello che conferisce una certa particolarità alla regione aerea della pianta è proprio la direzione assunta dalle foglie succulente; esse non si sviluppano verso l’alto ma tendono a cascare verso il basso e producendo all’estremità un fiore molto particolare di colore rosa o fucsia.

  • esemplare di astrophytum Tutti noi sappiamo che se il mondo è estremamente vario e funzionale come lo vediamo oggi è grazie al processo che va sotto il nome di “evoluzione” concepito e compreso prima di ogni altro da quel fen...
  • Portulaca a fiori viola Appartenente alla famiglia delle Portulaceae, si tratta di una pianta grassa originaria dell'America del Sud, ma diffusasi allo stato selvatico anche in parte dell'America del Nord e in Australia; in ...
  • Zamioculcas zamiifolia in vaso Appartenente alla famiglia delle Araceae, la zamioculcas è una pianta succulenta originaria dell'Africa tropicale, più precisamente della Tanzania, divenuta popolare tra le piante da appartamento solo...
  • Crassula arborescens in giardino Appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, la crassula arborescens è una pianta succulenta e perenne, originaria dell'Africa meridionale, ma oramai diffusissima anche nel nostro continente, a deco...

T4U rotondo in plastica Piante Grasse Vaso Vasi fiori pianta decorazione per casa, ufficio o giardino, Marmo grigio, plastica, Dark Grey, small

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,93€
(Risparmi 14,26€)


Natalina pianta: coltivazione

Dettaglio fogliame Natalina Per quanto riguarda la coltivazione della pianta di Natalina occorre seguire qualche semplice regola e metterla in pratica nella giusta maniera. È bene sapere che la Natalina ama l’esposizione alla luce ma non ai raggi solari diretti, causa di disseccamento della parte aerea; le annaffiature devono essere regolari, praticate con dell’acqua povera di calcare e nella quantità tale da mantenere il terreno sempre ben umido (si ricorda che proviene da regioni a clima umido e caldo). Il terreno deve essere ricco di sali minerali e drenato in modo tale da evitare ristagni idrici con conseguente marciume radicale. La Natalina privilegia un ambiente con temperature minime di circa 15 °C, e deve essere periodicamente concimata con del fertilizzante liquido da somministrare almeno una volta al mese tra il mese di giugno e quello di settembre. Prendendo questi piccoli accorgimenti sarà possibile avere sempre un esemplare in salute, con una struttura aerea molto resistente, luminosa e rigogliosa.


Natalina pianta: malattie e riproduzione

Cocciniglia farinosa La riproduzione della pianta di Natalina avviene mediante talea. Durante i mesi di marzo o aprile si preleva la talea dalla pianta madre e si lascia all’aria per qualche ora in modo tale da velocizzare l’asciugatura del rametto. Successivamente si interra in un terriccio composto da una parte si sabbia a grana grossa, due di torba e una di terriccio universale. Appena la pianta figlia sviluppa un apparato radicale autonomo si procede con la messa in atto degli stessi trattamenti attuati sugli esemplari adulti. Tornando alla recisione della talea, occorre ricordare di utilizzare un coltello ben disinfettato, affilato e di praticare un taglio netto e privo di sfilacciature. L'attuazione di errate tecniche colturali può comportare l’insorgenza di malattie e aggressioni ad opera di parassiti molto dannosi per la Natalina. Se nel fusto si osservano delle macchioline simili a cotone, le quali con il passare del tempo rinsecchiscono la pianta, si è alla presenza di cocciniglia cotonosa. Questo parassita può essere eliminato mediante l’uso di un batuffolo di cotone imbevuto in acqua e alcol. Alla presenza di lumache, occorre rimuoverle immediatamente per evitare che distruggano la parte aerea della succulenta.



Guarda il Video
  • pianta natalina I cactus di Natale sono piante succulente, di origine brasiliana, appartenenti al genere schlumbergera (chiamato anche z
    visita : pianta natalina

COMMENTI SULL' ARTICOLO