Parassiti piante grasse

Parassiti delle piante grasse

Solitamente le piante grasse quando si trovano nel loro ambiente naturale vivono in una condizione di equilibrio tra i parassiti e i loro predatori. Purtroppo quando le piante si trovano al di fuori del loro habitat non sono in grado di avere le adeguate protezioni, che possono venire meno anche dopo un utilizzo massiccio di insetticidi in ambiente naturale e che potrebbe provocare la morte di insetti e rettili utili come le coccinelle, le mantidi, i ragni, le lucertole. La debolezza delle piante grasse da coltivazione potrebbe infatti dipendere da un uso troppo invasivo di concimi, di fungicidi e di antiparassitari. La regola principale, comunque, per evitare infestazioni estese prevede che si allontanino le piante grasse colpite per poter essere curate evitando che creino problemi alle altre.
Afidi su pianta grassa

Compo 1692502005 Fazilo Pronto Uso, Insetticida per Piante, 750 ml, Trasparente

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,01€


Interventi contro i parassiti delle piante grasse

Parassiti su pianta grassa Le infestazioni che attaccano le piante grasse possono essere più o meno estese e a seconda dello stadio si potrebbe agire in maniera diversa. Un controllo accurato potrebbe decretare la salute futura delle piante, per esempio in caso di mancata crescita si potrebbe essere in presenza di un attacco a livello delle radici. Se l'infestazione fosse all'inizio si potrebbe provvedere ad eliminare manualmente i parassiti con un cotton fioc imbevuto con dell'alcool oppure un po' di insetticida, ma sarebbe da evitare l'uso di spruzzatori che potrebbero eliminare anche insetti utili. Oltre agli insetticidi che si potrebbero utilizzare direttamente sugli insetti, sarebbe possibile impiegare anche prodotti che vengono assorbiti dalla pianta e che quindi sarebbero in grado di operare sui parassiti quando si nutriranno della linfa.

  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Ramo di Ulivo L’olivo appartiene alla famiglia delle Oleaceae comprendente circa 30 generi, tra cui Fraxinus, Jasminum, Phillyrea Syringa, Ligustrum ed Olea. La specie Olea europaea presenta diversi aspetti morfolo...
  • Mandorlo in Fiore Il mandorlo (Amygdalus communis) appartiene alla famiglia delle Rosacee ed alla sottofamiglia delle Pruniodee, o Drupacee; si divide nelle sottospecie amara (mandorlo amaro), sativa (mandorlo dolce co...

300 W per proiettore per serra professionale crescita piante lampada luce pianta, 9 bande di frequenza

Prezzo: in offerta su Amazon a: 79,99€
(Risparmi 60€)


Parassiti delle piante grasse

Afidi e formiche Fra i numerosi parassiti delle piante grasse vi sono gli afidi che di solito è possibile vederli sulle parti più tenere della pianta come gli apici, le foglie più giovani, i germogli, i fiori e i boccioli. Gli afidi sarebbero in grado di attaccare le piante per succhiare la linfa, provocando deformazioni e successiva morte della parte colpita o indebolendo la pianta e provocando infezioni virali. Contro gli afidi risultano utili le coccinelle e sarebbe da evitare di utilizzare pesticidi che le uccidano. Alcune piante grasse potrebbero essere messe sotto l'acqua corrente per riuscire ad eliminare gli afidi. Gli afidi potrebbero anche essere portati dalle formiche che ne sfrutterebbero la secrezione di melata. Le formiche possono essere anche veicolo di virus che potrebbero colpire la pianta.


Parassiti piante grasse: Patologie delle piante grasse

Cocciniglia su pianta grassa Le cocciniglie sono insetti che potrebbero risultare particolarmente fastidiosi per le coltivazioni di moltissime piante e anche di quelle grasse. Presentano una dimensione molto ridotta, mostrano colorazioni variabili tra il bianco, il bruno, il giallo, il grigio con forme diversificate e protette da uno scudo. Le cocciniglie solitamente attaccano prima la parte bassa della pianta, che risulta essere la più fragile, spostandosi poi verso gli apici. Le cocciniglie si nutrono della linfa e rilasciano malata e lanuggine che potrebbero risultare successivamente un terreno fertile per la proliferazione di molte muffe e funghi. Le cocciniglie potrebbero essere eliminate manualmente con un cotton fioc o con uno spazzolino. In caso di infestazione estesa si dovrebbe provvedere ad utilizzare prodotti specifici.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO