Anemone

Piante da giardino

Il giardino è un luogo molto importante per tante persone, soprattutto per coloro che hanno la fortuna di possederne uno e che pertanto possono viverlo in tutte le sue positività; certo, avere un giardino di proprietà comporta dei sacrifici economici, per acquistarlo e/o comunque per mantenerlo, oltre ovviamente ai lavori pratici che necessita. Però i benefici che apporta sono di gran lunga superiori, ripagano grandemente: innanzitutto i lavori in giardino, da operazioni “dovute” per la manutenzione dello stesso, diventano operazioni “piacevoli”, perché ci si appassiona (il pollice verde tanto famoso, la passione per il giardinaggio) soprattutto notando come i lavoretti in giardino ci permettono di fare una non trascurabile attività fisica e che rilassano la nostra mente, distraendola e facendoci dimenticare lo stress che magari ci attanaglia continuamente. Nell’ambito dei lavoretti da giardino rientra di diritto la scelta e la cura delle piante da giardino: esse sono il cuore della natura del nostro giardino, ci soddisfano con i risultati del nostro lavoro (che siano fiori, frutti, figli non ha importanza) e ci rallegrano costantemente perché ricreano quell’angolo di natura tutto per noi che è poi la sostanza della bellezza di un giardino. Esse vengono spesso scelte in base a gusti estetici personali, perché molte delle piante da giardino sono piante bellissime ed altamente decorative.
anemone

Verdemax 2476 140 x 140 x 195 cm Anemone Serra

Prezzo: in offerta su Amazon a: 89€


Anemone

anemone colorato L’anemone è una diffusissima pianta da giardino, molto apprezzata per via dei suoi eleganti e piccoli fiori, dal profumo molto campestre e dalla durata non trascurabile. Nonostante questo nome sia maggiormente associato ad un abitante dei fondali marini e delle scogliere coralline, l’anemone è una pianta a carattere erbaceo che era conosciuta ed apprezzata già duemila e più anni fa. Infatti abbiamo testimonianze del suo apprezzamento anche da parte degli Antichi Greci, ed in modo particolare di un filosofo e scienziato naturalista che ha studiato questa pianta e le ha dato il nome: Teofrasto. Teofrasto, vissuto intorno al 300 a.c. (trecento avanti Cristo), era un colto filosofo che amava studiare le piante, e che decise di denominare “anemone” questa pianta oggi classificata nella famiglia delle Ranunculaceae perché questa parola vuol dire “fiore del vento”, in riferimento all’esilità del filo erboso che sorregge l’infiorescenza e che ondeggia vistosamente anche con piccola brezza. In generale l’anemone, a carattere erboso, raggiunge molto raramente il metro di altezza, mentre è più probabile trovare esemplari intorno ai venti centimetri. Ha una struttura semplice ed esile, con filamenti erbosi atti a sorreggere i fiori diversi da specie a specie, trovando sia un fiore per filamento che più fiori consecutivi.

  • anemone L’ambiente della natura è un ambiente che riesce ad avere un effetto davvero incredibile sull’essere umano; in effetti ciò che accade e che per molte persone è inspiegabile è che una volta che ci trov...
  • Fiori di anemone giapponese Col termine di anemone giapponese s'intende indicare una serie di anemoni che, alle nostre latitudini, regalano splendide fioriture concentrate nel periodo autunnale. Questi fiori sono originari dei p...
  • Anemoni rosa e porpora Appartenenti alla famiglia delle Ranunculaceae, gli Anemoni provengono dal Sud Africa e dal Sud America. Sono fiori dai colori sgargianti che vanno dalle tonalità del bianco al rosa, al blu, fino al v...
  • Un esempio di anemone di colore bianco Gli anemoni sono fiori che crescono su delle piante erbacee perenni e bulbose. Ne esistono tantissime specie e questi fiori possono essere di tanti colori, rossi, blu, rosa, bianchi o viola: sbocciano...

Anemone Coronaria De Caen

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,22€


Caratteristiche da giardino

L’anemone è una pianta che, come già accennato nel secondo paragrafo, riscuote grande successo tra i possessori di giardini perché ne permette un buon arredamento. Alcune delle caratteristiche apprezzate maggiormente per questo utilizzo sono soprattutto il carattere perenne della pianta: è vero che lavorare in giardino è un piacere, però se si riesce a trovare una pianta apprezzabile esteticamente che non bisogna ripiantare ogni primavera è di certo una cosa positiva, perché si risparmia lavoro e si ha la certezza che il giardino sarà bello anche in quel delicato periodo freddo (per noi l’inverno, in generale tra novembre e febbraio) in cui molte altre piante periscono. E’ questa una apprezzata caratteristica dell’anemone, che essendo perenne perde i fiori circa ad ottobre, ma le foglie e gli steli restano pressoché intatti, per tornare a fiorire già in primavera, presto o tardi a seconda della specie. Altro importante dettaglio è la bellezza del fiore dell’anemone; volendo essere severi, non è chiaramente quella specie i cui fiori ti lasciano sena parole per grandezza e bellezza, però le sue dimensioni piccole, l’aspetto filante e leggiadro, i colori delicati permettono di adattarlo ad ogni ambiente.


Coltivazione ed altri usi

La coltivazione dell’anemone è abbastanza semplice, essendo la sua origine erbacea e quasi spontanea (a tal proposito ricordiamo che è originaria delle zone a clima temperato di Sud America, Asia ed Europa, in cui cresce spontanea), quindi abbastanza resistente ai vari climi e dalle richieste di cura per nulla eccessive. Questa caratteristica, abbinata all’essere perenne, ha consigliato a tante persone l’idea di utilizzarlo in giardino, soprattutto per predisporre piccoli cespugli oppure ad esempio per creare dei corridoi di fiori e profumo all’interno del giardino stesso. Questa operazione è molto gettonata, perché aumenta l’ordine del giardino ed aiuta a tenerne intatta la pulizia anche se frequentato da molte persone, ma allo stesso tempo cura anche l’estetica, sempre importantissima, del giardino stesso e di tutto l’insieme casa. A tal proposito si ricorda che la sua moltiplicazione avviene per talea di radici, quindi può facilmente moltiplicarsi per estenderne la coltivazione in giardino. Altri usi dell’anemone, oltre che per la produzione di fiori recisi (apprezzatissimi in quadri di tipo rustico), sono quelli per piante ornamentali da interno, dove riescono a fiorire anche a fine inverno. Da ricordare è che l’anemone è leggermente velenoso, sia per l’uomo che per gli animali; ovviamente per ingestione, il profumo è sicuro ed anche al tatto.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO