Ardisia

Piantare il giardino

Il giardino, per chi la fortuna di possederne uno, è uno dei luoghi più preziosi della casa: esso infatti permette a chi lo vive di concedersi ogni volta che si vuole (e che si può) un “bagno di natura”, ovvero un momento di totale relax, indotto soprattutto dal fatto di trovarsi totalmente immersi in un angolo tranquillo di natura. Ecco infatti che studi clinici e scientifici hanno dimostrato la stretta correlazione genetica tra un periodo trascorso circondati dalla natura e il miglioramento di umore e serenità: è quasi come se il corpo si ricordasse (ma è ovviamente tutto scritto nei geni) dei milioni di anni di evoluzione vissuti nella culla severa ma sempre attenta della natura, la quale ci ha sempre donato tutti i mezzi per diventare ciò che siamo. Quei minuti che trascorriamo al parco, quelle gite in montagna del fine settimana, quella gioia mista a stupore classica delle passeggiate in giardini di fiori sono tutti effetti pratici di quanto abbiamo appena detto. Ovviamente, si intendeva già ad inizio stesura ma è meglio precisarlo, per natura in questo momento ed in questa sede intendiamo la natura vegetale: la legislazione non solo impedisce di ricrearsi zoo privati in giardino, ma è poi evidente che il silenzio, i profumi ed i colori della natura sono la vera autostrada del relax.
ardisia con bacche

Vivai Le Georgiche Hypericum Hidcote

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9€


Piante perenni

ardisia in vasoTutti sanno che la cura del giardino è tutt’altro che assimilabile ai minuti di relax stesi sull’amaca a godersi le nostre piante preferite; il lavoro di manutenzione che bisogna dedicare al giardino è impegnativo sia dal punto di vista fisico che da quello psicologico, infatti si tratta di una serie di movimenti vari e inusuali, oltre che ripetuti per un certo numero di volte consecutive, e contemporaneamente si tratta di avere bene in mente un piano di azione, uno con scadenze e date, per far sì di curare al meglio ogni pianta. Una cosa che ci può alleggerire il lavoro è il piantare in giardino delle piante perenni: con questa denominazione si classificano quelle specie vegetali il cui ciclo di vita non si esaurisce in un anno solare, bensì può prolungarsi “ad oltranza” (ma dipende dalle specie) se le piante vivono nelle condizioni migliori ed in habitat quanto più simile all’originale. Ci sembra doveroso precisare che anche alle piante perenni bisogna dedicare le cura necessarie come la potatura, l’irrigazione, la rinvasatura e tante altre azioni comunque faticose, ma per lo meno si può essere certi che i risultati dureranno per qualche anno e non qualche mese.

  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Fiori di Pesco Il pesco è originario della Cina, dove tutt’ora lo si può ancora rinvenire allo stato spontaneo. Alessandro Magno, in seguito alle sue spedizioni contro i Persiani, portò il pesco in Grecia, mentre i ...
  • Pianta di Susino con frutti Il susino appartiene alla famiglia delle Rosacee, alla sottofamiglia delle Pruniodee, o Drupacee, ed al genere Prunus; le specie più importanti sono il susino europeo e quello giapponese.Il susino e...
  • Piantina di Fragola con frutti La fragola appartiene alla famiglia delle Rosacee ed al genere Fragaria, il quale comprende diverse specie: la fragolina di bosco (Fragaria vesca), Fragaria virdis, adatta in terreni calcarei, Fragari...

LIVEHITOP 2x328 Piedi Corda Canapa Naturale Filo di Iuta con 20 Pezzi Clip in Legno, Riutilizzabile Verde Jute Twine Spago per Giardini, Foto, Regalo, Fai da te Arti, Fiori, Decorazione, Albero di Natale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,99€
(Risparmi 11€)


Ardisia

Una delle piante perenni maggiormente diffuse nel mondo Occidentale è l’ardisia: il nome designa un genere comprendente un centinaio di specie, le quali si differenziano poco nella componente estetica (forma delle foglie e delle infiorescenze) ma molto nel comportamento, infatti ci sono quelle che hanno carattere arbustivo ed altre carattere arboreo. La pianta è originaria delle zone tropicali della Cina e dell’India ed è conosciuta ed amata per come riesce a decorare grazie alle sue bacche piccole ma molto colorate e caratteristiche. Purtroppo sia l’origine e sia caratteristiche intrinseche della specie Ardisia ne limitano la diffusione solo in luoghi interni o climatizzati come appartamenti e serre, almeno alle nostre latitudini ed ai nostri climi. Infatti la pianta in questione ha bisogno di poche cure ed attenzioni ma solo se si trova nel “range” di temperatura ottimale per essa, che è abbastanza stretto e compreso tra i sette ed i venticinque gradi centigradi. In pratica in Italia l’inverno è troppo freddo e l’estate troppo calda; ma non solo, anche negli appartamenti la vita non sembra facile in quanto soprattutto in estate le temperature si alzano.


Come coltivare

Riprendendo il discorso terminale del paragrafo precedente, possiamo dire che, per nostra enorme fortuna, il controllo della temperatura locale intorno alla pianta può essere facilitato grazie al controllo della umidità: il vecchio ma efficace trucco della vaporizzazione alla chioma permette di innalzare l’umidità intorno alla pianta e ciò contribuisce ad abbassare la temperatura in quanto l’acqua per evaporare assorbe calore dall’aria e perciò ne abbassa il grado di temperatura. Questa è la più importante e restrittiva caratteristica di coltivazione dell’ardisia, la quale poi ci ripagherà con fioriture nel periodo post-estate e soprattutto con la fruttificazione (intorno a novembre) di bacche di colore rosso acceso che possono durare anche fino alla fioritura successiva e decorare semplicemente un ambiente. Altra buona caratteristica dell’ardisia è il suo ridotto sviluppo nelle dimensioni: non arriva mai a superare i novanta centimetri di altezza ed i quaranta di larghezza, ha bisogno di una non eccessiva quantità di terriccio ed inoltre le sue numerose foglie (per lo più lanceolate con bordi ondulati) si mostrano di un colore verde intenso davvero gradevole, con anche un aspetto coriaceo che ben si sposa con il carattere arbustivo e con le bacche rosse. A tal proposito, le bacche non sono commestibili ed in alcune specie, dopo alcuni mesi dalla fruttificazione, tendono a scurirsi verso un colore bruno.




COMMENTI SULL' ARTICOLO