Pratoline

Le necessità idriche

Le pratoline sono fiori graziosi che crescono sia allo stato selvatico nei prati che nei vasi, se coltivate. Nel primo caso, le pratoline sono in grado di farsi bastare l'acqua che ricevono dalle piogge, recuperando in questo modo tutte le risorse idriche di cui hanno la necessità. Le Pratoline, o "Bellis Perennis", che vengono coltivate in vaso, hanno invece la necessità di essere annaffiate con una certa regolarità. È comunque indispensabile che tra un'irrigazione e l'altra si lasci asciugare per bene il terreno circostante, dal momento che le Pratoline odiano i ristagni idrici. Le radici, infatti, potrebbero andare incontro a irreversibili marciumi radicali portandole alla morte. Mediamente, le annaffiature si eseguono 1-2 volte alla settimana durante la stagione estiva, diminuendole d'inverno.
Particolare pratolina

TooGet Petali di fiori e boccioli comprende crisantemo, peonia, pesco, dianthus caryophyllus, camelia, momordica grosvenorii, giglio, carthamus tinctorius, perfetto per tutti i tipi di artigianato

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€
(Risparmi 6,01€)


La coltivazione e la cura

Prato margherita fiore La coltivazione, così come anche la cura, delle Pratoline non è assolutamente un'operazione complicata. Si tratta, infatti, di un fiore dalle pochissime esigenze, a partire dalla tipologia di terreno ideale per proseguire con la coltivazione. Questo significa che il terriccio da giardino va benissimo. È importantissimo che il terreno risulti ben drenato, per cui è consigliabile alleggerirlo con un po' di pietra pomice ed una piccola quantità di sabbia. Al terreno deve possibilmente essere aggiunta un po' di sostanza organica. La riproduzione delle Pratoline si esegue per seme o per rizomi. In entrambi i casi, questa pianta garantisce un sicuro attecchimento. La riproduzione per seme si effettua piantando i semi durante la stagione invernale direttamente in appositi semenzai. L'asportazione dei rizomi, invece, avviene preferibilmente durante la stagione autunnale.

  • margherita2 Tutti ricordano il noto gioco amoroso del “m’ama non m’ama” fatto strappando ad una ad uno e delicatamente, i petali della margherita. “Margherita” è anche una famosissima canzone di Riccardo Cocciant...
  • fiore di margherita Tutto ciò che va a formare il nostro mondo quotidiano è opera della Natura; questo ente straordinario è il vero creatore della vita, e non siamo noi: l’arroganza del genere umano (fornitagli, ma non p...
  • Margherite al sole Le margherite necessitano di esser innaffiate in maniera regolare. Un suolo troppo bagnato o troppo secco non giova alle piante. Bisogna lasciare che il terreno si asciughi leggermente tra un'annaffia...
  • Panoramica Agrumi Gli agrumi sono alberi appartenenti alla famiglia delle Rutaceae e ai generi Citrus (come arancio, limone o pompelmo), Fortunella (cioè il Kumqat) e Poncirus. I tre generi comprendono 18 specie stabil...

Tovaglia di lino in cotone bianco piccolo motivo di crisantemo pastorale in stile giapponese fresco ristorante tavolo da pranzo copritavolo in tessuto confortevole traspirante KKY-ENTER ( dimensioni : 120*170cm )

Prezzo: in offerta su Amazon a: 52,04€


Concimazione

Fiore pratolina comune Per garantire alle Pratoline una vita più sana ed una fioritura di tutto rispetto, la concimazione è un'operazione indispensabile. Solo, infatti, integrando gli elementi naturali di cui il vegetale ha bisogno, si può ottenere il meglio dalle proprie piante. In particolare, nel caso delle Pratoline, è necessario provvedere alla somministrazione di appositi fertilizzanti per piante da fiore con una periodicità di circa 10 giorni. Il fertilizzante ideale deve preferibilmente essere diluito in acqua e somministrato contemporaneamente alle annaffiature. Le dosi sono importantissime per non bruciare l'impianto radicale delle Pratoline. Per questa motivazione, è indispensabile leggere con moltissima attenzione le indicazioni riportate sulle confezioni, cercando di non variarle, rispettando anche la stagionalità più indicata, ovvero quella vicina alla fioritura delle Pratoline.


Pratoline: L'esposizione e le malattie

Distesa di pratoline L'esposizione ideale per le Pratoline è sicuramente quella in luoghi molto soleggiati. Anche le condizioni di semi-ombra, comunque, sono ben tollerate. Queste piante non temono particolarmente nemmeno le temperature più fredde, al punto che moltissime volte le fioriture riescono ad avvenire anche in inverno. Le zone in cui le Pratoline crescono sicuramente meglio, a macchia d'olio, sono le praterie. Una delle maggiori problematiche per questo fiore è sicuramente rappresentata dal marciume radicale, che origina dagli eccessi d'acqua. Questo problema, se non eccessivamente avanzato, si può risolvere semplicemente somministrando periodicamente le corrette dosi di acqua. Gli insetti che infestano le Pratoline sono davvero pochissimi. Accade raramente che siano gli afidi a creare infestazioni.


  • margherite perenni Le margherite sono piccole piante erbacee appartenenti alle famiglia delle Asteracee. Sono piante che durante il loro pe
    visita : margherite perenni
  • pratolina fiore Le pratoline messe a dimora non hanno tante pretese, infatti soddisfano il loro bisogno di acqua con le precipitazioni a
    visita : pratolina fiore

COMMENTI SULL' ARTICOLO