Stramonio

La bellezza del diavolo: lo stramonio

La bellezza dei suoi fiori non deve trarre in inganno. Lo stramonio, o datura stramonio, è una delle piante europee più velenose. Potente allucinogeno, in certe parti del mondo le sue foglie vengono "fumate". La pianta non è tossica in maniera eguale in ogni sua parte. Più cariche dei potenti alcaloidi sono le foglie. Anche i semi sono allucinogeni, ma meno velenosi del fogliame. Antiche leggende, narrano che bevande a base di stramonio venivano usate nei sabba delle streghe. I suoi effetti non sono però solo negativi. Ben dosata viene utilizzata in erboristeria come cura contro la tosse, i reumatismi e le coliche. In minima dose è presente anche nelle sigarette anti-asmatiche. Originaria dell'America tropicale, è stata importata in Europa dopo il 1500. La possiamo trovare spontanea nei pressi di ruderi o giardini abbandonati. Pianta infestante e molto resistente.
Fiore di datura stramonio

Vivai Le Georgiche CUPRESSOCYPARIS SEMP. TOTEM (CIPRESSO)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,3€


Le varietà dello stramonio

Frutto e fiore dello stramonio Non sono molte le varietà della "datura", meno di dieci. La più famosa è, appunto, lo stramonio. È una pianta annuale che sviluppa un enorme cespuglio. I suoi fiori sono grossi e di forma imbutiforme. Il frutto, che viene chiamato anche "mela spinosa", cresce quando la pianta perde il fiore. La forma delle sue foglie ricorda vagamente quella della quercia, ma sono di un verde cupo e leggermente vellutate. Fiorisce dall'inizio della primavera a metà autunno. Altre varietà di datura sono la "metel", o trombetta del diavolo e la datura inoxia, che è di origine sudamericana. Per i loro aspetto ornamentale sono coltivate in parecchi giardini italiani. Ne è fortemente sconsigliata la coltura in presenza di bambini, che potrebbero inavvertitamente ingerire parti della pianta, con effetti disastrosi.

  • Fiore di Datura inoxia La Datura pianta conosciuta più comunemente con il nome di trombone d'angelo, comprende una decina di specie e varietà, appartenenti alla famiglia delle Solanaceae. Questi vegetali sono originari dell...
  • Pianta della Rosa di Natale La Rosa di Natale, si può trovare abbastanza facilmente nei boschi con terreno calcareo. Avendo però dalle caratteristiche particolari, non è sempre facile la loro piantumazione. Essendo originarie di...
  • Rosa di natale in natura Gli Ellebori (questo il vero nome della rosa di natale) fanno parte delle cosiddette piante perenni, cioè fanno parte di quella categoria di piante che vivono più di due anni, a differenza delle annua...

ACHILLEA MILLEFOLIUM SCHNEETA VASO DA 11CM Perenni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


Uso terapeutico della datura stramonio

Antica farmacia In passato veniva utilizzato, insieme ad altre erbe, per produrre sigarette che servivano a calmare gli attacchi asmatici e alleviare l'asma bronchiale. Tale pratica venne, pian piano abbandonata, in quanto si evidenziarono grossi problemi di dipendenza. La datura stramonio ha effetti anche allucinogeni, è bene, quindi, utilizzarla solo ed esclusivamente sotto lo stretto controllo del medico. Nelle farmacie dei conventi del 1500, era sempre presente e molto utilizzata. I frati medici confezionavano rimedi con le sue foglie ed i suoi semi. Dosandola perfettamente, la utilizzavano come calmante di forti tossi e problemi bronchiali, malattie molto diffuse all'epoca, data la scarsa propensione al riscaldamento degli ambienti. L'olio estratto dalle foglie dello stramonio, veniva poi usato per la fabbricazione di pomate contro scottature ed emorroidi.


Stramonio: Coltivare la datura stramonio

Frutto con semi di stramonio Una volta consapevoli della pericolosità di questa pianta, possiamo anche coltivarla. Si adatta abbastanza bene ai climi temperati; non ama gli eccessi, quindi andrà piantata in zone miste, ovvero non in pieno sole ma nemmeno in totale ombra. Le innaffiature dovranno essere regolari ma mai abbondanti, soffre i ristagni acquosi. Soffre anche il gelo, perciò se l'avete in vaso, durante la stagione invernale va messa a dimora in una zona riscaldata. Controllate sempre che nessuna sua parte possa finire in mano a bambini, è veramente molto velenosa. Dai suoi frutti, che ricordano i ricci del castagno, potrete ricavare i semi ed utilizzarli per riprodurre altre piante. La semina va effettuata all'inizio della primavera. La "datura arborea", invece, si riproduce per talea legnosa, e va realizzata a settembre utilizzando i rami dell'anno.



COMMENTI SULL' ARTICOLO