Verbascum

Verbascum: caratteristiche della specie

Un tempo si usavano le foglie del verbasco, stoppose quando sono essiccate, per farne lucignoli delle lampade ad olio. Infatti, ci arrivano dal Rinascimento immutati i nomi volgari di "lucerna" o "candela" riferiti sempre al verbascum. I robusti fusti di questa specie servivano un tempo per accendere i forni del pane, per la grande infiammabilità degli steli fiorali opportunamente essiccati. Le massaie di un tempo usavano i fiori del verbascum per preparare una tintura gialla che peraltro era poco resistente. Vi è inoltre un'altra specie il verbascum blattarium a cui erano attribuite proprietà insetticide o per lo meno di tenere lontano dalle case insetti, un tempo, piuttosto diffusi. Esistono in commercio bellissimi ibridi di verbascum tra questi vi è: il "pink domino" a fiori rosa; il "golden bush" a fiori gialli con stami rosa; il "miss willmott" a fiori bianchi; il "mont blanc" anch'esso a fiori bianchi, stupendi.
un esempio di verbascum alpino

Fiore - Verbascum chaixii Giallo - 500 Semi - Confezione Grande

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,66€


Semina, trapianto, moltiplicazione

fiore di verbascum Il genere verbascum annovera specie numerosissime, circa 300, molte delle quali hanno proprietà medicinali. Il verbascum è una pianta diffusa nelle regioni temperate del Vecchio Mondo e nelle regioni costiere del Mediterraneo orientali. In Italia si incontrano spontanee un pò ovunque, sia in pianura che in montagna sino al limite superiore dei boschi di conifere e dei pascoli, spesso anche oltre i 2.000 metri di altitudine. Le proprietà medicinali del verbascum, in particolare del verbascum thapsus, si ricavano dalle foglie e dai fiori con azione depurativa, diuretica, emolliente. Data la sua alta diffusione in Italia il verbascum assume diversi nomi regionali e locali: tasso barbasso, levantone, caruga, tassu, cadumbulu. Quasi tutte le specie di verbasco sono biennali e si autodisseminano molto facilmente. La semina si effettua in aprile. Gli ibridi di verbascum, che si usano preferibilmente in giardino, sia per bordure che per aiuole, devono essere propagati per via vegetativa.

    St Johns Wort Infuso Di Olio - 1 Litro - Hypericum perforatum

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,95€


    Terriccio, annaffiatura, concimazione

    verbascum thapsus Il verbascum è una pianta che si adatta a qualsiasi terreno, anche sassoso, quindi ben drenato ed a pieno sole. Sono specie che non richiedono cure colturali particolari, cure che si esauriscono in una concimazione primaverile e in un'annaffiatura di soccorso in caso di siccità. Questa pianta ama il sole pieno, se a mezz'ombra le piante si allungano e si ripiegano. Il terriccio più adatto è, dunque, calcareo, sabbioso, asciutto. Il peggior nemico del verbascum è l'afide nero al momento della fioritura. La pianta, in caso, di attacco dei parassiti va trattata per evitare di perderla con prodotti specifici che, sarà possibile acquistare o in vivaio o nei negozi specializzati. Il verbascum può anche essere coltivato, seminandolo in semenzaio, in luglio e agosto, per trapiantare poi a dimora prima della stagione invernale.


    La fioritura

    la coturnice alpina si nutre di verbascum La fioritura del verbascum è tipica dei mesi estivi, quantunque alcune specie entrino già in fioritura ai primi di giugno. I fiori sono riuniti in lunghi racemi, simili a spighe gialle, bianche, rosa, rosa scuro e giallo crema sono i colori degli ibridi. Questa specie appartiene alla famiglia dei Scrophulariaceae. Nel campo dell'erboristeria il verbascum è molto utilizzato. Fiori e foglie di questa specie vengono impiegati per combattere la tosse, la faringite, la tracheite, la bronchite. Il verbascum, infatti, ha delle notevoli proprietà antinfiammatorie. Non molti sanno che però le parti di questa pianta hanno anche proprietà sedative e diuretiche. Il verbascum è quindi considerata una pianta officinale. Le foglie della pianta sono molto apprezzate da un uccello, dai colori stupendi, la Coturnice, che vive sulle Alpi.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO