Terreni argillosi

Caratteristiche dei terreni argillosi

I terreni argillosi sono di vario tipo in base alla loro composizione chimica che non è omogenea su tutta l’area e varia in relazione alla profondità. Esiste una vasta gamma di terreni argilloso – sabbiosi e argilloso – calcarei, in cui le variabili sono relative al contenuto di sabbia, argilla e calcare che però hanno in comune la compattezza, la durezza e la difficoltà di lavorazione causate dalla presenza predominante dell’argilla con valori elevati che possono variare dal 30% al 40% della parte solida. Questi terreni sono inoltre accomunati dalla scarsa presenza di humus, con conseguente bassa fertilità. Di per sé un terreno di tipo argilloso potrebbe essere anche ricco di sostanze nutritive ma per la sua scarsa capacità di assorbirle e indirizzarle, non può essere definito fertile. La presenza di oligo-elementi e nutrienti infatti non garantisce una buona attitudine alla coltivazione se non sono diluiti e distribuiti dall’acqua, che nei terreni argillosi è assorbita con difficoltà e tende a stagnare per la debole permeabilità, che limita anche la circolazione di aria e ossigeno, altrettanto importanti per la potenzialità produttiva del terreno.
Screpolature superficiali dei terreni argillosi

Rain Bird ZEHTMR - Programmatore timer rubinetto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 47€


Coltivazioni adatte ai terreni argillosi

La bietola si adatta ai terreni argillosi Pur in presenza di caratteristiche sfavorevoli quali la difficoltà di lavorazione e la scarsa produttività, i terreni argillosi possono essere utilizzati per particolari coltivazioni sfruttando al meglio le caratteristiche che, per la maggior parte delle piante rappresentano un notevole ostacolo. Si deve ricorrere comunque a tecniche e strategie adeguate per contrapporsi con successo alle difficili condizioni. Nella vasta gamma di piante, floreali e orticole, disponibili sul mercato se ne possono individuare alcune che si possono adattare al suolo duro e pesante perché dotate di radici forti e con diramazioni laterali, che riescono a penetrare il terreno e andare in profondità: tra le orticole il pero, la cicoria, le barbabietole, i cavoli e le carote, nel settore floreale le rose, il ranuncolo, i narcisi e gli ibischi. Nella coltivazione occorre comunque applicare alcune strategie come dissodare il terreno senza andare troppo in profondità per mantenere in superficie gli elementi maggiormente nutritivi, preparare aiuole che abbiano un buon drenaggio, preferire la semina su file rispetto a quella a spaglio, proteggere la superficie con la pacciamatura.

  • Vaso in argilla I vasi d’argilla, hanno un origine antichissima, si pensi infatti che già nell’antica Grecia venivano forgiati. Innanzitutto è importante specificare che allo stato naturale non è possibile fare un va...
  • Classiche zucchine verde scuro La zucchina (Cucurbita pepo) è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia botanica delle Cucurbitaceae. Ha portamento strisciante o rampicante ed i suoi frutti sono raccolti e consumati imm...
  • Colori argilla L'argilla è un materiale naturale ricavato da un particolare tipo di terreno o roccia a grana fine, che unisce uno o più minerali argillosi con tracce di ossidi metallici e materia organica. L'argilla...
  • Terreno argilloso ll terreno argilloso contiene oltre il 40% di argilla, composizione che lo rende compatto e di difficile lavorazione da parte dell'uomo. L'argilla presente nel terreno può essere sotto forma di materi...

PIANTA ALBERELLO DA FRUTTO ALBERO DI PERA NASHI 190

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,9€


Strategie di miglioramento a ciclo breve

Importanza della pacciamatura Sono indispensabili alcuni interventi sul terreno argilloso prima e durante la coltivazione per renderlo meno ostico. La preparazione va iniziata sei mesi prima di iniziare le semine, rivoltando il terreno durante la preparazione delle aiuole, miscelandolo con ghiaia a pezzatura medio – piccola, terriccio, letame maturo e terra compostata. Le aiuole vanno rialzate, rispetto alla base del terreno e provviste di canaletti di scolo dell’acqua. La stessa ghiaia va usata, nel caso servano buche, sul fondo delle stesse, per limitare la stagnazione dell’acqua in profondità. Per migliorare l’areazione, l’ossigenazione e diminuire l’acidità del terreno si può utilizzare la calce spenta, aggiunta ad una certa profondità o in superficie, con l’attenzione di non impiegarla contemporaneamente all’uso del letame maturo e nella coltivazione di piante acidofile, come la cipolla, la zucca e le zucchine. Sono inoltre indispensabili continui e ripetuti interventi di pacciamatura per proteggere la superficie del terreno e limitare la formazione delle caratteristiche crepe del suolo argilloso, a seguito del surriscaldamento causato dal sole.


Terreni argillosi: Metodi di miglioramento a lungo termine

Operazioni di modifica del terreno argilloso È possibile intervenire su un terreno argilloso con una serie di operazioni, per uno o due anni, per scomporre la sua struttura, arricchirlo di humus rendendolo disponibile alla coltivazione di una maggiore varietà di piante, migliorandone anche la produttività qualitativa e quantitativa. Sono utili aggiunte di materiali con struttura compensativa di quella iniziale, tenace e compatta dell’argilla, come ad esempio la marna, ricca di calcio che aiuta ad aumentare la porosità, diminuendo la compattezza e la impermeabilità e quindi i fenomeni di stagnazione, la sabbia, la cui maggiore dimensione granulometrica compensa la finissima dimensione delle particelle argillose, il letame, i composti e i terricci. Fondamentale diventa poi un paziente lavoro periodico di rimescolamento e rivoltamento del terreno che contribuisca ad arieggiarlo e frantumarlo, esponendolo all’azione naturale degli agenti atmosferici. Raggiunto un discreto equilibrio strutturale si possono iniziare le coltivazioni non dimenticando l’uso contemporaneo di tutti gli accorgimenti (composto, pacciamatura, sovescio, terricciati) utili a mantenere l’equilibrio umifero e fertile del terreno.



COMMENTI SULL' ARTICOLO