Pecan - Carya illinoensis

Generalità

Il pecan appartiene alla famiglia delle Juglandacee, al genere Carya ed alla specie illinoensis.

È un albero di notevoli dimensioni, alto fino a 40 m, molto longevo, le piante centenarie presentano un diametro al tronco di due, tre o più metri. Le foglie sono composte normalmente da sei coppie di foglioline, lunghe 8-10 cm e larghe 2,5-3,5 cm, più una apicale; la foglia completa misura mediamente 25-33 cm ed emana un odore di resina. La pianta è monoica, con fiori piccoli e privi di petali, quelli femminili si originano all'estremità dei germogli, quelli maschili sui rami dell'anno precedente e sono raccolti in amenti lunghi oltre 10 cm e flessuosi. La fioritura si verifica in primavera, l’impollinazione è anemofila. Il frutto è una noce di dimensione e forma variabile a seconda della varietà, a maturazione il mallo si apre lasciando cadere la noce e rimanendo attaccato per molti mesi alla pianta.

Seme di Pecan

30 semi anacardio di Apple impianto Anacardium occidentale piantagione di alberi semi freschi nuovi semi di frutta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10€


Clima e terreno

pecanIl pecan è originario e coltivato soprattutto negli Stati Uniti, a seconda del clima l’areale intero è suddiviso in tre sottozone: a clima caldo secco (regioni occidentali vicino al Messico), con piogge inferiori a 500 mm annui ed inverni freddi, a clima caldo umido (regioni sud-orientali), caratterizzato da precipitazioni frequenti, concentrate specialmente nel periodo caldo, e da inverni miti, a clima temperato (aree al di sopra del 35° parallelo Nord), con inverni rigidi, primavere tardive ed autunni precoci, per cui il ciclo vegetativo è breve. Generalmente la temperatura ottimale per lo sviluppo vegetativo e riproduttivo è di 24-29 °C, le piante tollerano le temperature invernali di dieci gradi sotto lo zero, le cultivar del clima temperato resistono fino a – 20 °C. L’albero teme le gelate primaverili (ricorrere a cultivar a germogliamento tardivo) ed autunnali, quest’ultime perché la lignificazione non è ancora completa. In fatto di terreno è una specie adattabile, nell’ambiente d’origine vegeta su suoli alluvionali, profondi, ricchi di sostanza organica e ad alta capacità idrica, dove il livello dell’acqua sotterranea si mantiene sotto i 2,5 m. Se la profondità è minore di 2 m le piante assumono dimensioni più ridotte, comunque il pecan si adatta ai terreni sabbiosi a bassa ritenzione idrica, cresce bene anche su quelli argillosi inondati; predilige pH subacidi però tollera i suoli moderatamente calcarei.

  • Albero di noce pecan Quado ci si accinge a scegliere tra i vari alberi latifolie, quello più adatto per il nostro giardino, la nostra scelta potrebbe orientarsi verso alberi che siano sia ornamentali che da frutto. Nel ca...
  • Gherigli di noci di pecan Le noci di pecan sono il frutto della carya illinoensis. Si tratta di una pianta appartenente alla numerosa famiglia delle junglandaceae ed originaria del continente nordamericano. Le noci pecan sono ...
  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Frutti di Asimina L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba. È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscag...

5 semi / Pack, RARE nano Longan Sri Chompoo alias Dragon Eye semi di frutta esotici

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10€


Varietà

seme pecan Le cultivar del pecan presentano caratteristiche diverse a seconda delle aree di coltivazione.

Le varietà occidentali sono adatte ai climi caldo-secchi (Texas, Nuovo Messico, ecc.), ma sensibili alla scabbia; quelle orientali prediligono ambienti caldo-umi¬di (Florida, Louisiana, ecc.), mentre le nordiche si adat¬tano alle aree fredde (Illinois, Kentucky, ecc.), dove il ciclo fioritura-maturazione è breve (intorno a 150-180 giorni), il loro fabbisogno in freddo è elevato, hanno una messa a frutto tardiva, sono meno prolifiche e producono una noce con guscio più spesso. Le principali cultivar occidentali sono Cheyenne, Kiowa, Chickasaw, Shawnee, Shoshoni, Sioux, Tejas, Western e Wichita; quelle orientali più importanti sono Barton, Caddo, Cape Fear, Candy, Curtis, Jackson, Mahan, Mohawk, Moreland, Stuart e Success. Tra le varietà nordiche si ricordano Colby, Giles, Hodge, Major e Posey, caratterizzate da una bassa resa in sgusciato.


Tecniche di coltivazione

La propagazione del pecan attualmente avviene prevalentemente per innesto, lo scopo è quello di trovare portainnesti uniformi e resistenti ad alcuni parassiti. Gli alberi, date le dimensioni che raggiungono da adulti, devono essere messi a dimora adottando spaziature ampie, in Messico sono raccomandati sesti non inferiori a 10 X 10 m, mentre negli Stati Uniti frequentemente sono di 12 X 12 m. Una volta che gli alberi sono adulti sulla fila viene diradata la metà delle piante in quanto necessitano di molta luce. Nella fase di allevamento si scelgono i rami dotati di un angolo ampio, che costituiranno le strutture principali, però le cultivar che producono sui rami con angolo d’inserzione stretto vanno assecondate. La conformazione scheletrica che si tende a dare alle giovani piante di pecan è quella di un asse principale sul quale, ad altezza diversa, si inseriscono le branche secondarie, che devono avere un diametro inferiore rispetto al tronco altrimenti possono essere soggette a rottura; nel caso si voglia ottenere una forma a vaso si elimina la cima del fusto.

La messa a frutto di solito avviene intorno al sesto anno. Il pecan tende a produrre branche sguarnite di vegetazione per lunghi tratti e con una rosa di rami all'apice (zampa di gallo), ciò ha un’influenza negativa sulla produzione dei rami più bassi. Mediante la potatura è necessario cimare i rami, durante il riposo vegetativo, in modo da ottenere due effetti: evitare la produzione delle "zampe di gallo" e stimolare lo sviluppo delle gemme sottostanti.


Pecan - Carya illinoensis: Cure colturali

Gli elementi nutritivi più importanti sono l’azoto e il potassio; la mancanza del primo provoca la formazione di rami corti, aborto dei fiori, produzione di poche noci e piccole, premature defogliazioni, mentre con carenze di potassio la pianta resiste meno al freddo e ai parassiti.

È importante promuovere un sostenuto accrescimento vegetativo, per¬ché si è visto che più lungo è il ramo, più foglie si hanno, più noci vengono prodotte. L’azoto va frazionato in almeno tre interventi, il primo, insieme a fosforo e potassio, prima della ripresa vegetativa, inoltre bisogna somministrare anche i microelementi se necessario. Il pecan necessita almeno di 1200 mm di acqua all’anno, infatti nei climi a caldo secco viene praticata l’irrigazione; prolungati periodi di siccità, oltre a causare aborto delle noci, si ripercuotono negativamente sulla fruttificazione dell'an¬no seguente, e ciò perché si riduce la formazione e l'immagazzinamento degli elaborati fogliari. Alberi di 10-20 anni producono 50-10 kg di frutti col guscio, oltre il 20° anno 100-200 kg di noci per pianta; la resa in sgusciato è del 45-60 %. I principali parassiti del pecan sono la scabbia, che provoca la defogliazione sulle varietà sensibili, il leaf blotch ed il leaf spot.



COMMENTI SULL' ARTICOLO