Piante insettivore

Piante "mangianti"

Giusto un minuto di concentrata riflessione su come sia mai stato possibile che delle piante abbiano deciso di abbandonare l’alimentazione tramite radici nel terreno e passare a prendere le sostanze nutritive da insetti e piccoli invertebrati catturati come prede basterebbe per farci capire la straordinarietà dell’evoluzione. E’ un cambiamento radicale, forse non assimilabile ma paragonabile al fatto che degli animali decidessero di sviluppare una sorta di impianto radicale invece che cibarsi, quantomeno impensabile! Però è proprio questa la potenza delle piante e della loro natura, una straordinaria capacità di adattamento che li ha portati fino ad ora a sopravvivere per miliardi di anni sul nostro pianeta, avendo superato qualsiasi evento capitato su di esso, trasformandosi per adattarsi alle pessime situazioni come un terreno arido di sostanze ma un’atmosfera ricca di insetti.
bocche di dionea

Vendita calda Insettivori Piante 50pcs Nepente semi bonsai fiore del giardino di casa fai da te

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Piante insettivore

Le piante che “mangiano”, anche se il termine non è nell’accezione classica, sono le cosiddette piante carnivore, le quali sarebbero meglio definite come insettivore in quanto in un numero superiore al novantanove per cento dei casi si tratta di mangiare insetti. Esse sono frutto dell’evoluzione che le ha portate ad assimilare le sostanze nutritive attraverso la digestione di insetti invece che l’assorbimento dal terreno attraverso le radici. I metodi di cattura sono molto interessanti: ci sono le piante con trappola “a tagliola”, ovvero due lobi che si chiudono quando avvertono la presenza dell’insetto, oppure le piante con trappola “ad imbuto”, ovvero con i petali degenerati in un’unica superficie curva di forma cilindrica allungata che intrappola l’insetto essendo di forma stretta e contenente poi un liquido appiccicoso. Dopo la cattura, inondano la preda con succhi digerenti che la smolecolano per ottenerne le sostanze nutrienti.

  • Una bellissima collezione di piante carnivore. Le piante carnivore sono definite "insettivore" proprio a causa della loro particolare forma di procacciarsi il nutrimento. Le più comuni e famose, acquistabili in quasi tutti i vivai, appartengono al...
  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Frutti di Asimina L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba. È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscag...
  • Frutti di Corbezzolo Il corbezzolo appartiene alla famiglia delle Ericacee, al genere Arbutus ed alla specie unedo. È un piccolo albero sempreverde a lenta crescita, alto mediamente 5-7 m, con una forte attitudine pollo...

2016 vendita calda alto tasso di sopravvivenza 300Pcs Dionaea muscipula insettivore Semi Venere acchiappamosche Bonsai Supporto all'ingrosso greem

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Cattura insetti in casa

Le piante carnivore possono essere facilmente utilizzate per catturare gli insetti che disturbano girando per casa ed impedendo di riposare a causa del loro ronzio e dei loro morsi; parliamo nello specifico di zanzare e mosche. Le piante riusciranno sicuramente ad attrarle e ad eliminarle, ma c’è una considerazione da fare: una pianta carnivora, dopo aver mangiato una mosca, può stare anche due settimane senza mangiare perché è certo che impiegherà almeno una settimana per digerirla e riaprirsi. Ciò vuol dire che bisognerebbe avere un numero elevato di piante in modo che coprano tutto il tempo senza buchi di giorni o settimane per digerirle e rigenerarsi. Non solo, le piante carnivore hanno bisogno di specifiche accortezze climatiche e soprattutto di acqua decalca rizzata in quanto il calcio contenuto nell’acqua comune di rubinetto interviene in alcuni meccanismi vitali bloccandoli e portando la pianta alla morte.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO