Coltivazione timo

La pianta del timo

Il timo ha origini antichissime ed è molto diffuso nell'area mediterranea. Esistono circa 200 specie di timo. Gli arbusti possono raggiungere i 30 centimetri di altezza e con il passare degli anni possono estendersi a macchia. Le foglie sono tonde e ovali di piccole dimensioni, coperte da una sottilissima peluria grigiastra. I rami sono piuttosto sottili. In primavera gli arbusti si ricoprono di fiorellini che possono essere di colore lilla o azzurro. Alcune specie di timo producono molti fiori tanto che le macchie assumono l'aspetto di un cuscino floreale. Sia le foglie che i fiori del timo sono molto aromatici, per questo motivo trovano largo impiego in cucina. Possono essere utilizzate appena colte oppure essiccate. Le piante sono perenni e per questo vengono spesso utilizzate per abbellire i giardini.
La pianta del timo

Fioriera In Legno + Lavagna Coltivazione Basilico Prezzemolo Timo 34x12x53h Orto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Coltivazione del timo

Coltivazione del timo Per la coltivazione del timo si procede come per le altre piante aromatiche perenni come il rosmarino. La posizione migliore è quella che consente alla pianta di godere della luce diretta del sole. Teme i ristagni di acqua, infatti in inverno può rivelarsi necessario sospendere le operazioni di innaffiatura se le temperature diventano rigide, per evitare che la pianta marcisca e muoia nel giro di pochi giorni. Il timo appare come una pianta delicata, ma è molto resistente e si può trovare al bordo delle strade o in zone aride e sassose con terreni argillosi e drenanti. Le numerose ramificazioni legnose con il passare degli anni tendono a perdere le foglie nella parte bassa. E' consigliabile provvedere alla potatura dopo il periodo della fioritura, che avviene in genere verso il mese di giugno, per permettere ai germogli laterali di svilupparsi.

    Sprout-Set per coltivare erbe aromatiche, Fancyus Plantable-Matita con semi

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,29€


    Specie di timo

    Specie di timo In natura esistono moltissime specie di timo. Uno dei più conosciuti è il "thymus praecox" o timo selvatico che trova la sua collocazione nei giardini in quanto il fogliame è molto compatto e tende a formare un tappeto. E' perfetto per coprire i muretti delle ville e per impedire alla luce del sole di filtrare all'interno. Le foglie sono ricoperte da un leggero strato peloso che le fa sembrare carnose, mentre i fiori sono di colore fucsia. Un'altra specie di timo è il "thymus citriodorus"che presenta foglie più grandi e di colore giallo. L'aroma è intenso con forti note agrumate simili a quelle del limone. La varietà di timo più utilizzata in cucina è il "thymus vulgaris". Le piante di timo volgare tendono a morire in inverno se si trovano in zone caratterizzate da inverni umidi. Ha la caratteristica di essere ornamentale in quanto le ramificazioni sono rade.


    Coltivazione timo: Utilizzo del timo

    Utilizzo del timo Il timo ha note proprietà officinali. Nelle sue foglie è contenuto il timolo, una sostanza antisettica e antifungina. Il timo è spesso utilizzato per produrre farmaci che abbassano la pressione sanguigna e regolano l'aritmia cardiaca. Inoltre il timo è l'ingrediente principale di dentifrici, caramelle e prodotti che contrastano l'alitosi, oppure di sciroppi e collutori indicati per risolvere laringiti e faringiti. Alcuni gel a base di timo sono indicati per disinfettante le mani. I fiori e le foglie di timo essiccate possono essere utilizzare per preparare un infuso ottimo per contrastare il raffreddore e il primo mal di gola della stagione invernale. Dopo aver portato l'acqua ad ebollizione, aggiungere i fiori e lasciare in infusione per almeno 20 minuti. Filtrare e dolcificare con miele. Consumare possibilmente ancora caldo.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO