Giacinto significato

vedi anche: Fiori giacinto

Il significato del giacinto

La parola giacinto trova le sue origini nel termine greco "giak" che vuol dire "rosso cupo", cioè, si pensa, l'unico colore che il fiore aveva in origine. Nella sua opera "Metamorfosi", Ovidio racconta che Apollo cercò in tutti i modi di salvare l' amico dalla morte, ma non ci riuscì. Perciò trasformò le sue spoglie in fiori di colore rosso come il sangue, dando loro il nome di Giacinto. Nel linguaggio dei fiori il giacinto rosso ha dunque il significato di "dolore", mentre quello blu è simbolo di "coerenza"; il giacinto bianco vuol dire "bellezza" e il giallo "gelosia". Tuttavia, nonostante assuma diversi significati a seconda del colore, più in generale, per la capacità di far risplendere l'ambiente con la sua bellezza, questo fiore è icona di gioco e divertimento. Ideale da regalare quindi a qualcuno particolarmente simpatico e gioviale.
Primo piano di un giacinto rosso

La grafologia, i segni e i loro significati

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,5€
(Risparmi 1,5€)


Origine e utilizzo del giacinto

Giacinto orientale, bulbosa perenneQuesto bellissimo fiore primaverile nasce nelle regioni tropicali africane e del Mediterraneo orientale, ma oggi è diffuso anche in Asia e in Europa, dove ha ricevuto la massima attenzione delle corti (soprattutto a Vienna) durante il rinascimento. Ma a coltivarlo ci avevano già pensato i Greci e i Romani. Il giacinto, con il suo delizioso profumo, infatti, faceva già parte della tradizione spartana, secondo la quale per festeggiare le nozze di un parente, le donne di Sparta erano solite adornare i loro capelli con corone composte appunto da giacinti. Oggi l'impiego del fiore è molto diffuso, sia per decorare spazi esterni che interni. Molto utilizzato per le aiuole e per i bordi fioriti nei giardini, e (soprattutto nella stagione invernale) come pianta fiorita d' appartamento. Infine, grazie alla sua preziosa fragranza trova anche largo uso tra i profumieri.

    Profumo di glicine

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 10€


    Il giacinto orientale (Hyacinthus orientalis)

    Primo piano di un giacinto orientale blu Appartenente alla famiglia delle liliacee, il giacinto orientale (Hyacinthus orientalis) è la varietà maggiormente diffusa ed è oggi presente in diversi colori, grazie alla dedizione e al lavoro che nei secoli, hanno fatto generazioni di giardinieri (anche se in Italia è presente per lo più il giacinto bianco). La pianta del giacinto normalmente non supera i 20-30 centimetri, i suoi fiori si presentano con una forma a grappolo e possono raggiungere i 15 centimetri di lunghezza, mentre i singoli fiorellini sono di forma tubolare e hanno un' apertura a stella. Il fusto è sottile e privo di foglie, in quanto queste ultime partono dalla base; hanno un colore verde intenso e brillante, sono anch' esse sottili e nastriformi. I parassiti che possono arrecare maggiore danno a questa specie sono i funghi, è di vitale importanza infatti che non si creino ristagni d' acqua che permettano appunto ai funghi di formarsi danneggiando così i bulbi.


    Giacinto significato: Coltivazione del giacinto

    Giacinto blu piantato a terra Il giacinto è una bulbosa che si può coltivare facilmente sia in terra che in vaso. Per quest' ultimo tipo di coltivazione, il terriccio ideale per la piantagione non è altro che un miscuglio di sabbia grossolana, terriccio da piantagione e terra franca vegetale (ma va bene anche la comune terra da giardino). Sul fondo del vaso, essenziale per un buon drenaggio, avere cura di adagiare almeno 5 centimetri di argilla espansa. Fare attenzione che i bulbi affiorino leggermente in superficie. In genere la fioritura avviene a marzo, in un clima fresco e umido, ma se si desidera godere del profumo del giacinto anche in inverno, sono necessari dei bulbi detti "preparati", cioè bulbi che hanno già subito una variazione di temperatura, cosa che garantisce la fioritura subito dopo averli piantati. In casa e fuori, come fiori ornamentali, sono perfetti se abbinati a tulipani e narcisi.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO