Cimice verde

La cimice verde

La cimice verde è originaria del continente africano, molto probabilmente dell'Etiopia, ma oggi è diffusa praticamente in tutto il mondo: la si riscontra in Asia e nelle Americhe, oltre che in Europa, ad eccezione delle regioni a clima più freddo. E' il freddo, infatti il nemico più acerrimo di questo insetto, poiché in natura non ha grandi nemici, per la verità. Probabilmente a causa delle sostanze repellenti che spruzza addosso ai predatori, attraverso apposite ghiandole odorifere poste sul torace. Sono ormai diverse decine di anni che la specie si è adattata a vivere a latitudini più a nord, nell'Italia settentrionale è possibile notarla nelle zone di pianura dove gli inverni non superano 1,5 °C. In autunno cerca riparo anche all'interno delle case, oltre che nei suoi ripari naturali.
cimice verde

Insetticida universale abbattente zapi 250ml clor quick

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,62€


La biologia della cimice verde

cimice verde su foglia La cimice verde si riproduce per anfigonia, ossia per via sessuale. Le uova, dalla caratteristica forma esagonale, vengono deposte a piccoli gruppi. Al variare delle temperature esterne, impiegheranno dai 5 ai 21 giorni per arrivare alla schiusura. Da loro avranno origine le ninfe che assomigliano, a grandi linee, agli adulti; a parte le ali di cui sono sprovviste. Le ninfe attraverseranno cinque stadi pre-immaginali. Gli adulti hanno la caratteristica forma a pentagono (infatti l'animale appartiene alla famiglia Pentatomidae) e colorazione verde. Negli esemplari più giovani, invece, il corpo è verde e nero, con puntinatura bianca e rossa. La lunghezza degli esemplari adulti si aggira sui 12 mm. Le foglie rinsecchite e i cespugli sono il rifugio naturale della cimice verde per l'inverno.

  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Ramo di Ulivo L’olivo appartiene alla famiglia delle Oleaceae comprendente circa 30 generi, tra cui Fraxinus, Jasminum, Phillyrea Syringa, Ligustrum ed Olea. La specie Olea europaea presenta diversi aspetti morfolo...
  • Mandorlo in Fiore Il mandorlo (Amygdalus communis) appartiene alla famiglia delle Rosacee ed alla sottofamiglia delle Pruniodee, o Drupacee; si divide nelle sottospecie amara (mandorlo amaro), sativa (mandorlo dolce co...

Vebi - Abanto Piretro Naturale 20ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,3€


Due cugine, stessi danni

cimice verde insetto La cimice verde, sia essa Palomena prasina o Nezara viridula, è presente ovunque nel nostro Paese ed attacca un gran numero di piante arboree e erbacee. Il danno che arreca alle piante è causato dalle sue punture ai diversi organi della pianta colpita. Le foglie e le gemme fiorali presentano necrosi nelle zone tutto intorno alle punture dell'insetto e successivamente vanno incontro a disseccamento. I frutti assumono tipiche punteggiature clorotiche a cui fanno seguito necrotizzazione dei tessuti e il cosiddetto cimiciato: uno sgradevole gusto che compromette irrimediabilmente le qualità organolettiche degli stessi, facendoli diventare immangiabili e quindi non idonei alla commercializzazione. Inoltre, soprattutto sulle piante giovani, i danni provocati dalle punture possono portare alla morte le piante stesse.


Cimice verde: Lotta alla cimice verde

Adulto di cimice verde La cimice verde è pericolosa per le piante che assale non solo per i danni diretti che provoca, ma anche per le batteriosi che si diffondono in seguito alle ferite che l'animale infligge tramite gli stiletti boccali.Pochi nemici naturali che attaccano le uova e quasi mai gli adulti, non sono di grande aiuto per il contenimento delle invasioni da parte di questo insetto. La lotta che si effettua è di tipo chimico, da effettuare non appena appaiono le forme mobili iniziali, prima che diventino adulte, con prodotti a base di Azadiractina (un estratto dell'albero del Neem), Chlorpyrifos, piretro o piretroidi come: Deltametrina e Cipermetrina.I trattamenti vanno effettuati nelle ore più fresche della giornata, possibilmente la sera, evitando di effettuare trattamenti durante il periodo della fioritura.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO