Pidocchi delle rose

Pidocchi delle rose

La rosa è una pianta che viene coltivata molto spesso grazie alla bellezza e alle colorazioni vivaci dei suoi fiori. Purtroppo le piante possono essere attaccate da diversi parassiti che possono provocare danni molto ingenti e portare alla perdita della coltivazione. Le piante possono essere attaccate dai pidocchi delle rose, dai Tortricidi, dal Megachile, dal Ragnetto rosso, dalla Sputacchina, da svariati coleotteri, dalla Cocciniglia delle rosa, da diversi bruchi, dalla Metcalfa e dalle Mosche delle rose. Queste tipologie di parassiti sono in grado di attaccare particolarmente le foglie e i boccioli dei rami in formazione, provocando dei danni che potrebbero essere ingenti e causare la morte della pianta. I pidocchi della rosa in particolare provocano danni succhiando la linfa della pianta.
Pidocchi delle rose

Bayer Garden 84468223 - Spray per piante ornamentali & rose Lizetan, pronto all’uso, 750 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,95€


Pidocchi delle rose

Pidocchi delle rose I pidocchi delle rose sono afidi che sono in grado di attaccare le piante e di nutrirsi della loro linfa. Il principale pidocchio delle rose è il Macrosiphum rosae, diffuso dove siano presenti coltivazioni intensive del fiore. Gli afidi hanno una lunghezza massima di qualche millimetro e hanno una colorazione verde o rosata che varia in base alla forma. Gli afidi possono essere sia di tipo alato sia prive di ali e vivono in colonie molto numerose in prossimità dei germogli più giovani o sui boccioli dei fiori che devono ancora schiudersi. Il danno che sono in grado di provocare viene determinato dalla punture di nutrizione per succhiare la linfa. Si potrebbero verificare deformazioni dei germogli con conseguente blocco della crescita e deformazioni dei boccioli che non sarebbero in grado di aprirsi oppure presentando infiorescenze irregolari.

  • Pidocchi delle piante E' con l'arrivo della bella stagione che il giardino inizia a rivelare piccoli premi per il lavoro preventivo fatto già nei mesi precedenti: le piante riprendono a crescere e a fiorire, decorando tutt...
  • colonia di afidi Molto spesso noi esseri umani ci sentiamo circondati da un grandissimo numero di “nemici” che la natura quasi ci impone e pertanto tendiamo a ribellarci; purtroppo le nostre considerazioni sono del tu...
  • afidi su pianta Il giardino e la sua cura è una delle passioni più diffuse al mondo; tantissime persone amano dedicar visi e molti altri, soprattutto scienziati, hanno provato a capire il perché di questo interesse. ...
  • Pidocchi delle piante rimedi naturali I pidocchi delle piante sono tra i parassiti più diffusi: noti anche come afidi, ne esistono circa 20 specie in grado di attaccare e indebolire le coltivazioni. Poche piante sanno resistere alla colon...

Bayer, Garden, Multirose2 - Spray pronto all’uso, anti-insetti e malattie, 1 l

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,34€


Danni causati dai pidocchi delle rose

Pidocchi delle rose Un ulteriore danno che potrebbe essere provocato dal pidocchio delle rose potrebbe essere dovuto all'abbondante produzione di melata che, ricoprendo la vegetazione, potrebbe provocare danni indiretti come le ustioni, l'asfissia, o la formazione di fumaggini, o danni diretti rovinando i fiori con conseguente problema sia estetico sia funzionale. Le ustioni potrebbero essere provocate quando la melata viene colpita dai raggi solari, l'asfissia è una conseguenza dell'occlusione dei pori con i quali le foglie scambiano ossigeno, le fumaggini trovano un terreno adatto alla loro proliferazione grazie all'alto contenuto zuccherino. Le infestazioni iniziano nel periodo primaverile, dopo che gli afidi hanno svernato come uovo, e proseguono durante tutto l'anno fino all'autunno, con diverse generazioni successive.


Lotta ai pidocchi delle rose

Pidocchi delle rose La lotta contro i pidocchi delle rose è di tipo chimico e dovrebbe essere effettuato alla comparsa dei primi segnali di infestazione. Prima di poter procedere con un intervento chimico massiccio si dovrebbe considerare che il Macrosiphum rosae possiede nemici naturali. Quindi si dovrebbe prima di tutto verificare quanto sia estesa l'infestazione e valutare se il numero di afidi non possa essere controllato utilizzando i suoi antagonisti. L'afide viene predato o parassitato dai Ditteri sirfidi e i cecidomidi, dai Coleotteri coccinellidi, dai Neurotteri crisopidi, dagli acari Trombididi o dagli Imenotteri Afididi. In caso il numero di antagonisti non risulti sufficiente si potrebbe intervenire con degli aficidi specifici o si potrebbero impiegare prodotti a base di Verticiullium lecanii, un fungo che è in grado di attaccare gli afidi.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO