Ortensia blu

vedi anche: Ortensia

L'ortensia

L'ortensia è una pianta molto apprezzata sia nelle aiuole dei giardini che in vaso per abbellire i balconi, a causa della fioritura importante e della sua colorazione, che può variare dal rosso magenta, al blu e al rosa. L'ortensia è un arbusto perenne, resistente e facile da coltivare che appartiene alla famiglia delle Hydrangeaceae, originaria dell'Asia e dell'Himalaya. Sono costituite da un fusto robusto e da foglie ovali dai bordi dentate. Le infiorescenze hanno forma tondeggiante oppure allungata a seconda della specie e sono costituite da numerosi piccoli fiori il cui colore è determinato in parte dalla genetica della piante e in parte dal ph del terreno. Con un ph acido, di valore 5 o 5.5, siamo in presenza dell'ortensia blu, se il ph è compreso tra 5.5 e 6.5 il colore dei fiori sarà rosso magenta oppure lilla e infine se il ph è compreso tra 6.5 e 7 avremo i fiori dal colore rosa.
Cespugli caratteristici di ortensie blu

Fertiligene EBLEU8 - Concime con impregnante blu per ortensie, 800 g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,13€


Come ottenere l'ortensia blu

Ortensie blu nel loro habitat migliore, all'ombra di grandi piante. Dato che il colore blu dell'ortensia deriva in gran parte dalle caratteristiche del terreno è facile capire che basta agire sull'acidità della terra in cui la pianta è messa a dimora per influenzare il suo colore. Per fare questo ci si può basare sia sulle caratteristiche della terra originarie, quindi già presenti naturalmente, oppure sull'utilizzo di terriccio idoneo e l'aggiunta di fertilizzanti e componenti idonei a creare il valore di ph necessario allo scopo. Se siamo in presenza di ortensie rosa o viole e vogliamo ottenere l'ortensia blu è sufficiente iniziare ad irrigare la pianta con una miscela di acqua e zolfo, calcolando circa 130 gr di zolfo per metro quadrato. In alternativa si può aggiungere per ogni litro di acqua circa 3 grammi di solfato di alluminio. In poco tempo sarà possibile ottenere l'ortensia blu.

  • Lavello da giardino Per tutti gli amanti del verde, il giardino è ancor prima che decorativo un luogo da vivere appieno, nel quale trascorrere il proprio tempo libero e del quale prendersi cura. Ma prendersi cura del gia...
  • Esempio di vaso di legno fatto a mano I vasi in legno rappresentano una validissima alternativa a quelli interamente realizzati con la plastica o il cemento. Naturalmente ha delle caratteristiche diverse, ed è proprio questo che andremo a...
  • Mobili da giardino Il web si ritaglia ogni giorno spazio crescente nella quotidianità, divenendo strumento utile ed affidabile per compiere moltissime azioni differenti. Anche l’acquisto tramite il web si sta sempre più...
  • vaso da finestra. Il giardino di casa è per tantissime persone un angolo caratteristico di relax, solitudine, tranquillità e pace. Per questi motivi nella nostra cultura moderna, fatta di una società con ritmi compulsi...

ortensia blu, rosa & bianco gypsophila Posy da sposa bouquet

Prezzo: in offerta su Amazon a: 90,34€


Coltivazione delle ortensie

Dettaglio dell'ortensia blu L'otensia, indipendentemente dalla colorazione assunta dai fiori, è una pianta perenne che perde le foglie in inverno e riprende a vegetare in primavera, è molto resistente e non necessita di attenzioni particolari. Tuttavia ama l'umidità e le zone di penombra. Il suo habitat migliore è all'ombra di grandi piante che filtrano i raggi solari, riparandola dai raggi diretti soprattutto nel periodo estivo, e dove può crescere rigogliosa e regalare fioriture spettacolari. Durante le giornate calde estive è possibile notare le foglie affievolite ma di solito alla sera ed al mattino si riprendono. Se questo non accade potrebbe essere segno della necessità di irrigazioni più abbondanti, che non creino però ristagni d'acqua. Se si vuole ottenere l'ortensia blu la concimazione dovrebbe essere fatta utilizzando un fertilizzante che contiene elevate quantità di potassio e poco fosforo.


Ortensia blu: La potatura dell'ortensia blu

Crescita rigogliosa di una ortensia blu La potatura è una fase molto delicata che deve essere fatta con le dovute attenzioni, per un risultato ottimale ed una corretta crescita della pianta. Se quest'ultima si trova all'esterno, la potatura andrebbe effettuata a fine inverno nei climi più freddi, affinché i rami vecchi ed esterni proteggano quelli giovani interni dal freddo, mentre nei climi più miti si può procedere alla potatura al termine della fioritura. Se la pianta è coltivata in vaso e si trova all'interno, il periodo consigliato per la potatura è la fine dell'estate oppure l'inizio del'autunno, nei mesi di settembre/ottobre. La potatura deve naturalmente riguardare i rami più vecchi, secchi o rovinati per consentire un corretto sviluppo dei rami giovani, che si riconoscono perché presentano una gemma alla loro sommità, prestando attenzione a non tagliare i rami prima della fioritura che avviene alla sommità dei rami.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO