Ortensie blu

vedi anche: Ortensia

Caratteristiche delle ortensie blu

La diversità nella colorazione delle ortensie dipende dal ph ambientale: affinché i fiori siano azzurri esso deve essere tra 4.5 e 5; un ph più alto determinerebbe infatti un colore rosa o rosso. Le ortensie blu, provenienti dall'Asia Orientale, comprendono diverse varietà, con fiori più o meno grandi. Come già anticipato, si tratta di una specie floreale molto resistente, da tenere preferibilmente all'ombra ma, senza esagerare nei tempi di esposizione, anche al sole. Sopportano bene anche il freddo dell'inverno, purché non sia troppo prolungato; per prosperare al meglio richiedono un terreno acido, grasso e ben concimato. La coltivazione e la cura delle ortensie non è difficile, grazie soprattutto alla buona adattabilità di questo fiore, ma bisogna attenersi ad alcuni importanti accorgimenti soprattutto nelle innaffiature e nella concimazione.
Ortensia blu

AZZURRANTE PER ORTENSIE A BASE DI FERRO MANGANESE E ZINCO POLVERE SOLUBILE IN CONF. DA 800 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Significato del fiore

Cespugli di ortensie Prima di descrivere nello specifico le tecniche di coltivazione, irrigazione e potatura delle ortensie blu, può essere interessante raccontare qualche curiosità sulla storia e il significato della specie floreale a cui appartengono. Il fiore dell'ortensia è tradizionalmente legato ad una storia d'amore: dall'originaria Asia fu infatti portato nel continente europeo dal naturalista Philibert Commenson e fu da lui battezzato ortensia dal nome della donna che amava (Hortense Lapeaute, sposata con Jérôme La Lande, amico di Commenson). Nonostante questo romantico aneddoto sulle origini delle ortensie, è però sconsigliato regalarle poiché, secondo il linguaggio segreto dei fiori, esse indicherebbero il desiderio di fuggire. In realtà ben pochi conoscono o prendono in considerazione questo significato nascosto, soprattutto se pensiamo che le ortensie sono spesso molto presenti anche nei matrimoni.

  • ortensie Non sono proprio delle piante da vaso, piuttosto occorre dire che sono adatte ad essere coltivate a pieno campo e ad essere ammirate all’esterno, magari in giardino. Nulla vieta di piantarle per la p...
  • L'ortensia Impossibile resistere al fascino delle ortensie: gli arbusti raggiungono grandi dimensioni e premiano ogni amante del giardinaggio con ampie infiorescenze sferiche dai colori sgargianti e dall'intenso...
  • ortensia L’ortensia è una pianta dal fascino intramontabile. Circondata da un alone romantico, per via delle sue origini e della sua storia, l’ortensia è anche particolarmente apprezzata per la bellezza dei su...
  • Un cespuglio di ortensia quercifolia in fiore Della famiglia delle Hydrangee, l'ortensia quercifolia nasce spontanea nelle aree del Nord America e viene chiamata così per la singolare forma della foglia, appunto molto simile a quella delle querce...

Royal blu ortensia e rose bianche damigella d' onore da matrimonio bouquet

Prezzo: in offerta su Amazon a: 61,79€


Come coltivare le ortensie blu

Fiori di ortensia blu Le ortensie blu vogliono un terreno molto grasso e ricco di sostanze organiche; le innaffiature devono essere abbondanti soprattutto nel periodo estivo, almeno una volta al giorno e meglio se al calar del sole, così che nel corso della notte i fiori possano assorbire l'acqua il meglio possibile. Riguardo alla concimazione, il periodo migliore per effettuarla è la stagione primaverile, ma è meglio ripeterla, una volta al mese, anche in estate. Per la varietà delle ortensie blu va usato concime ricco di potassio e povero di fosforo. Sempre in primavera è opportuno creare una zona di umidità intorno alle radici, con foglie e torba. Un segreto per garantire una costante intensità al blu delle nostre ortensie è di coltivarle in prossimità di acque dolci, che mantengono il ph del terreno più basso.


Ortensie blu: Potatura delle ortensie blu

Potatura di un'ortensia Il periodo migliore per potare le ortensie blu è il mese di settembre. La potatura va fatta quando la pianta raggiunge un'altezza di almeno 20 centimetri e non deve essere troppo aggressiva, ma limitarsi ai rami più vecchi, mentre per quelli nati nell'anno precedente va tagliata solo la parte più alta per favorire la nascita di nuovi germogli. I rami giovani, da non potare, sono facilmente riconoscibili perché hanno la parte interna di colore verde o bianco. Trascurare la potatura può essere rischioso perché porterebbe la parte inferiore a diventare sempre più legnosa e ad un generale indebolimento dei fiori. Invece rispettare le poche, semplici regole elencate poco fa garantirà alla nostra pianta il giusto apporto di aria e di luce al sopraggiungere della primavera e quindi una fioritura molto più forte e rigogliosa.


Guarda il Video
  • ortensia blu L'ortensia, in alcune delle sue varietà allora note, arriva in Europa verso la metà del 1800 dalle regioni asiatiche di
    visita : ortensia blu

COMMENTI SULL' ARTICOLO