Orchidea vaniglia

Caratteristiche principali dell'orchidea vaniglia

I fiori dell'orchidea vaniglia sono di colorazione verde-gialla e lunghi circa 2 cm. Questi durano solo un giorno e devono essere impollinati manualmente per riprodursi. Il fiore della Vaniglia è, infatti, incapace di auto-impollinazione senza l'intervento di un agente esterno: se non si verifica l'impollinazione, il fiore cade dalla vite il giorno successivo. I frutti (baccello) sono grandi non più di 10 mm e soloitamente sono indicati come baccelli di vaniglia. Le piante della vaniglia iniziano a produrre frutti solo quando la pianta è matura, ossia quando raggiunge un'altezza approssimativa di 3 metri. I frutti sono lunghi baccelli che giungono a maturazione dopo circa 5 mesi e, solo allora, sono raccolti e trattati. L'estratto di vaniglia è ottenuto proprio da questa porzione della pianta.
I fiori dell'orchidea Vaniglia

Super fertilizzante liquido concentrato Orchid Focus Fioritura 1 litro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8€


Come coltivare la Vaniglia in casa

Piantina di Vaniglia in vaso La pianta dell'orchidea vaniglia richiede delle cure specifiche e deve essere soddisfatta esattamente ogni prescrizione affinché la vite possa produrre i suoi frutti. I migliori coltivatori di orchidee sanno che il primo passo da compiere per ottenere una pianta sana è quello di piantarla correttamente. Il vaso deve possedere dei fori di drenaggio e deve essere riempito parzialmente con corteccia d'abete e terriccio per orchidee. Si taglia un terzo delle radici inferiori con un coltello sterilizzato e si mette la pianta di vaniglia nel contenitore precedentemente preparato. A questo punto è necessario porre un sostegno accanto alla piantina in modo che la vite possa arrampicarsi correttamente. Se l'umidità ambientale e quella del terreno sono mantenute costanti, l'orchidea vaniglia crescerà rigogliosa.

  • Alberi da frutta del cachi vaniglia Il cachi vaniglia appartiene a una categoria di alberi da frutta che si adattano bene al clima mediterraneo nonostante la loro provenienza dall'estremo oriente. Gli alberi da frutta del cachi vaniglia...
  • pianta della vaniglia La vaniglia è una pianta della famiglia delle Orchidaceae. Tra le molte specie di vaniglia, le più diffuse sono la "vaniglia fragrans" (conosciuta anche come "vaniglia planifolia"), la "vaniglia pompo...
  • kaki vaiglia su un ramo Il kaki vaniglia è un albero da frutta che ben si adatta alla coltivazione in giardino grazie al suo valore alimentare e alla sua bellezza estetica.Non necessita di particolari attenzioni, adattandosi...
  • Un albero di Diospyros kaki La pianta del caco, il cui nome italiano viene dalla specie cui appartiene che è quella del Diospyros kaki, è un albero della famiglia delle Ebenacee, originario della Cina e del Giappone. In oriente ...

Blumfeldt Primaflor Hydro Vaso per Piante con sistema di irrigazione integrato (37 x 76 x 37 cm, Polyrattan, 1,5 kg di granulato incluso) Antracite

Prezzo: in offerta su Amazon a: 64,99€


La Vaniglia: un fiore dalle molte virtù

Aiuta la qualità del sonno L'orchidea vaniglia è composta prevalentemente da acqua (circa il 52%) e la parte restante è costituita da carboidrati, zuccheri, proteine e ceneri. La Vaniglia, inoltre, è ricca di minerali e, in minima parte, possiede anche diverse vitamine del gruppo B. Numerosi studi effettuati sulla Vanilla planifolia hanno stabilito che questa pianta, oltre ad essere un potente antisettico naturale, possiede anche delle ottime virtù calmanti e antidepressive. L'olio essenziale estratto della Vaniglia, infatti, è un buon rimedio per calmare l'ansia e favorire una migliore qualità del sonno, specialmente nei bambini. La vanillina (la molecola principale della Vaniglia) è un polifenolo dalle ottime proprietà antiossidanti e, da alcune importanti ricerche, è stata riscontrata una notevole attività nel contrastare la crescita di alcune neoplasie.


Orchidea vaniglia: La vaniglia rende tutto più dolce, soprattutto in cucina!

Il baccello nero della Vaniglia Il baccello nero di Vaniglia proveniente dal Madagascar è, indubbiamente, quello più conosciuto e commercializzato: basti pensare che, rispetto alle altre varietà (la "messicana" e quella "di Tahiti"), la vaniglia del Madagascar rappresenta il 75% del mercato mondiale.Il baccello del Madagascar si presenta lungo, nero, sottile, rugoso e contiene migliaia di minuscoli semi neri, che sono utilizzati per insaporire diversi tipi di piatti, soprattutto gelati e dolci.I semi possono essere aggiunti come aroma direttamente nelle pietanze ma è anche possibile utilizzare l'intero baccello: nel latte bollente, ad esempio, viene immediatamente sprigionato un ottimo sapore di vaniglia. Se il baccello è fatto essiccare al sole per un paio di giorni, invece, può essere aggiunto allo zucchero in modo da ottenere un dolcificante al gusto di vaniglia.



COMMENTI SULL' ARTICOLO