Pietra per barbecue

Pietra per barbecue: la pietra ollare

La pietra ollare è composta da materiale litico (rocce talcoso-cloritiche) compatto e di colore verde scuro che si estrae in Val Chiavenna e Val d’Ossola. Queste pietre sono facilmente lavorabili e altamente resistenti al fuoco ed è per questo che sono usate per costruire forni o stufe, ma anche utensili da cucina come pentole e appunto piastre per grigliare. La pietra ollare è ideale se vogliamo una pietra per barbecue adatta a una cucina salutare e dietetica perché si cuoce totalmente senza l’aggiunta di grassi e condimenti. E' possibile, inoltre, cucinare una grande varietà di prodotti: dalla carne al pesce, dalle verdure ai formaggi. Una delle qualità migliori di questa pietra è quella di essere antiaderente e di non bruciare gli alimenti né produrre fumo o odori durante la cottura. La refrattarietà di questa pietra per barbecue si manifesta nel fatto che può cuocere anche a basse temperature e accumulare calore anche per le successive due ore. Generalmente è venduta con un’intelaiatura a cui è appoggiata ed è dotata di un gocciolatoio per la raccolta dei liquidi di cottura. Il costo si aggira attorno ai 100 euro anche se in commercio si trovano di varie dimensioni e spessori.
Griglia in pietra ollare

Landmann Pietre laviche 3 kg in sacchetto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,78€


Modalità d'uso della pietra ollare

Carne su pietra ollare In primo luogo, se scegliamo una pietra per barbecue di tipo ollare, ed è il suo primo utilizzo, dobbiamo lavarla bene e poi ungerla con olio di oliva lasciando che esso venga assorbito per un giorno. Poi sarà necessario posizionarla in un forno, non riscaldato in precedenza e farle raggiungere gradatamente la temperatura di 150-180 gradi. I fornelli da cucina, concentrando il calore in un solo punto, non sono adatti a questa fase preparatoria. Durante l’utilizzo è bene riscaldare la pietra per 30-40 minuti ma sempre in modo graduale e lento perché la pietra accumula e rilascia il calore anche in seguito. Al termine dell’uso è necessario lasciarla raffreddare totalmente prima di lavarla con acqua, aceto o limone. E’ assolutamente vietato buttare acqua fredda sulla pietra ancora calda, questo potrebbe provocare forti sbalzi di temperatura e causarne la rottura. Il vantaggio della pietra per barbecue di tipo ollare è che permette di cuocere in modo dietetico e salutare, i contro che è molto delicata, i suoi tempi di riscaldamento e raffreddamento sono lunghi e il suo costo è decisamente alto.

  • Esempio di vasi da esterno All’interno del proprio giardino è buona norma inserire dei vasi che possano impreziosire degli angoli morti, angoli dove non vi è abbastanza spazio per seminare delle piante. i vasi possono anche con...
  • Esempio di fioriera in pientra Coloro che vogliono rendere più bello e apprezzabile il proprio giardino ricorreranno a delle scelte d’arredamento davvero uniche e particolari. Un elemento su cui bisogna porre il giusto accento nei ...
  • Panchina in legno moderna Chiunque ami dedicare del tempo alla cura del proprio giardino, occupandosi della salute e della crescita delle piante e dilettandosi a posizionare all'interno dello spazio verde degli elementi decora...
  • Lavello da giardino Per tutti gli amanti del verde, il giardino è ancor prima che decorativo un luogo da vivere appieno, nel quale trascorrere il proprio tempo libero e del quale prendersi cura. Ma prendersi cura del gia...

BISTECCHIERA PIETRA LAVICA ETNEA PIASTRA LEVIGATA PER BARBECUE 39x35 cm | IDEALE PER CARNE E PESCE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28€


Pietra per barbecue: la pietra lavica

Carne su pietra lavica La pietra lavica è un materiale litico formato da lava eruttata da vulcani e successivamente solidificatasi e stratificatasi nelle viscere della terra. Anticamente era estratta manualmente dai "pirriaturi" che oggi sono stati sostituiti da moderni macchinari che lavorano in profondità. La presenza di pietra lavica in Italia è concentrata essenzialmente in Campania e Sicilia con la presenza dei due principali vulcani. Questa tipologia di pietra è molto utilizzata anche in cucina per la realizzazione di barbecue. La pietra lavica è molto più porosa di quella ollare ed è una propagatrice di calore. Quindi viene usata come pietra per barbecue ma con funzione riscaldante, ovvero viene messa tra la fonte di calore e la piastra (anche di metallo) su cui poi cuocere carne e verdure. La peculiarità di una piastra per barbecue di tipo lavico è quella di accumulare calore abbastanza velocemente e conservarlo a lungo anche a fuoco spento.


Modalità d'uso della pietra lavica

Cottura con pietra lavica Come per la pietra ollare, anche la pietra lavica necessita di una procedura al suo primo utilizzo. In primo luogo va lavata, ma non con detersivo, perché potrebbe danneggiare successivamente la cottura di alimenti. Per pulirla e disinfettarla è sufficiente acqua e aceto e strofinarla con mezzo limone. Anche per la pulitura successiva all’utilizzo si può procedere con gli stessi prodotti. Per togliere i residui dalla pietra, durante il barbecue, occorre fare attenzione che non sia incandescente ma solo calda. Si può utilizzare un panno imbevuto in un po’ di acqua e aceto o ancora strofinarla con del limone. Un barbecue con una pietra di tipo lavico è ideale per una cottura senza grassi e che conserva sapore e gusto degli alimenti. I pro del suo utilizzo sono veramente tanti, dalla velocità di riscaldamento alla versatilità nel suo utilizzo, i contro sono forse una maggior laboriosità nella pulizia finale e l’eliminazi Fonte foto: www.dreamstime.com




COMMENTI SULL' ARTICOLO