Costruire un pergolato

Cose da sapere prima di costruire un pergolato

Per decidere se la scelta giusta per voi è quella di costruire un pergolato si deve prima fare chiarezza sulla differenza tra un pergolato e una tettoia, che spesso vengono confusi. La tettoia viene costruita su un muro che fa da supporto mentre il pergolato è più un lungo tunnel con dei pali per sostegno e un intreccio di travi superiormente. I materiali più usati per costruire dei pergolati sono legno, legno e muratura o solo muratura. Il legno di solito è il materiale più scelto perché si integra meglio col paesaggio naturale, ma spesso vengono scelti gli altri materiali sopracitati perché più resistenti alle intemperie e con meno necessità di manutenzione. In generale non c'è necessità di permessi particolari per costruire un pergolato, ma in casi particolari o dubbi (come casa con più proprietari ecc.) si dovrebbe richiedere una consulenza all'ufficio adeguato del vostro comune.
Pergolato

Blinky 7969610 Pergole Legno, Modello Arco-Panca

Prezzo: in offerta su Amazon a: 198,35€
(Risparmi 31,65€)


Costruire un pergolato fai da te

Pergolato in legno su quattro pali Se si decide di costruire un pergolato senza usufruire di manodopera professionale ma facendo tutto da soli o con l'aiuto di familiari e amici, la prima cosa di cui avrete bisogno saranno i materiali giusti. Dovrete scegliere il giusto tipo di legno che si adattati al vostro arredamento, e se scegliete materiali diversi dal legno dovrete comunque adattarli. Successivamente dovrete delimitare lo spazio in cui va costruito il vostro pergolato, produrre dei fori a livello dei quattro angoli del luogo scelto nei quali poi verranno inseriti i pali di supporto. Dopo l'inserimento dei pali si dovrà provvedere ad una colata di cemento nei fori, per assicurarsi che questi supporti siano fissati saldamente. Una volta che il cemento sarà asciutto (dopo circa due giorni) potrete montare le quattro travi che collegano i pali e poi successivamente fissare i travetti. A questo punto il vostro pergolato sarà pronto!

    Lychee solare metropolitana 3 LED mattone Deck luce esterna giardino solare Piano Buried luce (bianco caldo)

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,99€
    (Risparmi 10€)


    Costruzione di un pergolato e costi

    Esempio di pergolato elaborato I costri relativi alla costruzione di un pergolato sono molto variabili; in generale tali costi sono dipendenti dal tipo di legno, dalla grandezza del pergolato e dalla manodopera. In generale il prezzo di un pergolato può variare da circa trecento euro per il classico pergolato in legno tradizionale con quattro pilastri di sostegno a pergolati che arrivano a superare i duemila euro in caso di uso di legno pregiato, di costruzione difficile e della scelta della manodopera. Ovviamente avremo anche delle vie di mezzo, con pergolati che costeranno intorno ai novecento euro con una struttura molto stabile e legno lavorato e di buona qualità. Potrete poi scegliere se usare il vostro pergolato per fare crescere dei rampicanti o se decorarlo in modo più elegante con tende e stoffe ricercate, questo ovviamente scegliendo di pagare degli extra.


    I rampicanti adatti al pergolato

    Pergolato con rampicante fiorato Una volta che la costruzione del vostro pergolato sarà ultimata potrete scegliere se abbellirlo e contemporaneamente inserirlo nel vostro giardino tramite piante rampicanti. Tradizionalmente i pergolati vengono utilizzati per le piante di vite, in modo da far crescere uva da tavola o da vino, ma ci sono molti altri rampicanti adatti a questa struttura. Potrete scegliere di piantare una pianta di kiwi, in modo che il vostro pergolato oltre a fare ombra produca anche dei frutti genuini dei quali sapete le provenienza. Se invece siete più orientati verso i fiori più che i frutti potrete scegliere il gelsomino, particolarmente adatto poiché ama le zone soleggiate e inoltre emana uno splendido profumo. Potrete infine scegliere delle rose rampicanti, che sono delle piante particolarmente resistenti con fiori piccoli e numerosissimi.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO