Fava

Fava

Appartenente alla famiglia delle Papilionaceae e all’ordine delle Leguminose, la Fava, è una pianta erbacea annuale diffusissima nelle Mediterraneo. Il nome botanico associato a questa pianta è “Viciafaba”. In natura esistono diverse varietà di fave che vengono suddivise a seconda della dimensione dei semi. Le fave grandi con i semi grandi e appiattiti sono quelle destinate all’alimentazione degli essere umani, le fave piccole con i semini più piccoli e rotondi sono quelle che vengono consumate dagli animali, le favette invece sono di grandezza media e hanno i semi appiattiti e sono destinate a essere consumate dagli esseri umani e dagli animali. Fin dai tempi del medioevo, le fave, hanno rappresentato il nutrimento principale di intere popolazioni e di tanti animali. Le fave sono piante che hanno un fusto lungo circa 40 - 50 centimetri, le loro foglie presentano una forma ellittica ed i loro fiori hanno una colorazione bianca e violacea con delle striature di nero. Il frutto che ne deriva è il baccello, è lungo su per giù 25 centimetri, è di colore grigio – verde e all’interno contiene dei semi chiamati appunto fave. Le fave se sono fresche hanno una colorazione pari ad un bel verde lucido, se invece si stanno seccando vedremo che il colore tende al marrone.
fave

Psicoterapia breve per il benessere psicologico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,15€
(Risparmi 2,85€)


Proprietà

fave coltivateLa Fave sono molto diffuse in Italia perché il consumo di esse rappresenta un qualcosa di utile e beneficiario per la salute dell’essere umano. La fava, come la soia, al suo interno contiene un tasso alto di proteine, soprattutto nelle fave più secche. E’ giusto sapere che però il loro consumo portano tantissime calorie, infatti apportano più di 300 calorie per ogni 100 grammi che vengono consumati. Invece nelle fave secche i valori sono alquanto differenti, le fave secche contengono circa 35 calorie per ogni 100 grammi consumati. Le proprietà che troviamo all’interno di questo prodotto sono fibre, proteine, Sali minerali e vitamine A , B, C, K, E, PP. Le fave, grazie alle proprietà che contengono, vengono considerate utilissime per le diete anche perché favoriscono il drenaggio dell’apparato urinario. Le fave fresche sono ottime coadiuvanti nelle diete ipocaloriche e in quelle per aiutare a combattere la ritenzione idrica. L’effetto diuretico scaturito dal consumo delle fave fresche riduce sintomi come il gonfiore, in questo modo regala anche un ottima forma fisica. Nelle fave è contenuto anche un aminoacido chiamato L – Dopa, questo è importante perché aumenta la quantità di dopamina nel cervello. Non tutti sanno che nei tempi antichi, la fava, era considerata il cibo dei poveri ma in realtà non è così. Al giorno d’oggi, secondo alcuni studi scientifici, si sostiene che le fave sia dei legumi fondamentali al fabbisogno del nostro organismo.

  • Radice dell'albero - il rafano Una delle radici di albero maggiormente usate nella vita quotidiana è la quella del rafano, conosciuta sia per i suoi impieghi in ambito culinario che in ambito terapeutico. In cucina viene utilizzato...
  • Olio di tea tree L'olio di tea tree è un prezioso estratto di pianta arbustiva (nome botanico Melaleuca Alternifolia), ottenuto tramite distillazione a vapore delle foglie dell’arbusto: le qualità migliori vengono dis...
  • Aloe La psoriasi è una patologia epidermica di natura infiammatoria, che colpisce circa l’1% della popolazione mondiale ed è a carattere cronico. Si manifesta con la presenza, lungo tutto il corpo, di mac...
  • Sospensione integrale di pianta fresca La sospensione integrale di pianta fresca, da poco entrata in uso comune in fitoterapia e venduta prevalentemente sotto forma di crema, è una preziosa risorsa che permette di sfruttare al massimo tutt...

Il Maestro Non C'e

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,89€


Usi

Le fave oltre ad essere raccolte e mangiate fresche vengono anche usate in cucina per la preparazione di alcuni pasti. Per la preparazione di zuppe e minestroni vengono lessate in pentola oppure vengono cotte in padella con la cipolla. Se abbiamo delle fave fresche è possibile anche farle essiccare per poi congelarle in freezer. Prima di passare al congelamento, è giusto sapere che vanno prima fatte bollire per 2 – 3 minuti e poi lasciate raffreddare. Pe riconoscere se siamo in possesso di fave fresche basta osservare il baccello, deve essere di colore verde brillante, deve avere una forma regolare e deve essere privo di macchie. E’ importante sapere che il consumo di fave è vietato per chi soffre di favismo, ovvero una malattia genetica provocata dalla carenza di un enzima contenuto nei globuli rossi. Le fave inibiscono l’attività di questo enzima e quindi, in persone che soffrono già di questa carenza, scatenano una crisi emolitica acuta che indica appunto la distruzione dei globuli rossi.


Polvere di fave

Attraverso la polvere di fave è possibile preparare una sorta di sciroppo utile per chi soffre di calcoli renali e di renella. La polvere di fave si ottiene essiccando nel forno i semi che sono contenuti nel baccello per poi polverizzarli. Una volta ottenuta la polverina procediamo aggiungendo 2 grammi di essa in un bicchiere di vino bianco secco, dopo di che lasciamo riposare il tutto per una nottata. Al mattino successivo, dopo aver filtrato questo composto, ingeriamo un cucchiaino dello sciroppo che abbiamo ottenuto per circa una decina di giorni. Questo sciroppo è anche depurativo e disintossicante, aiuta il nostro organismo nelle funzioni epatiche ed a liberarsi dalle tossine. In erboristeria è possibile trovare la farina di fave già pronta per l’uso. Con le fave, inoltre, è possibile preparare degli infusi efficaci nella depurazione del nostro organismo. Per preparare un decotto basta far bollire 100 grammi di fave in 100 grammi di acqua e lasciare in infusione il tutto per 5 minuti. Una volta terminato questo procedimento, l’infuso, va lasciato intiepidire e va bevuto a digiuno la mattina. Solitamente le fave si acquistano nei mercatini della frutta da qualche coltivatore ed il periodo di coltivazione delle fave corrisponde a quello dei piselli, la loro raccolta avviene nello stesso periodo.




COMMENTI SULL' ARTICOLO