Tintura madre echinacea

Introduzione

Madre Natura è sempre molto generosa con coloro che intendono curare ed alleviare alcuni comuni malesseri usando esclusivamente le erbe officinali. Anche la moderna erboristeria è molto “generosa” con i fautori dei rimedi naturali ottenuti da estratti di piante. Gli estratti erboristici, opportunamente trattati e lavorati, conservano inalterati tutti i principi attivi della pianta madre, consentendone l’assunzione in maniera pratica e veloce. Molto nutrita la gamma di estratti erboristici disponibili: si va dall’estratto secco fino alla tintura madre. Quest’ultimo preparato si ottiene dalla macerazione in acqua e alcool di alcune parti di pianta fresca. L’alcool ha la proprietà di accrescere gli effetti dei principi attivi della pianta e di ottenere rimedi in forma di gocce, facilmente utilizzabili da chi ha difficoltà a deglutire le forme erboristiche ottenute dall’estratto secco della pianta, ovvero capsule e compresse. Tra le tinture madre maggiormente utilizzate per alleviare malanni di stagione come raffreddore e influenza, troviamo quella di echinacea, che si contende il primato delle vendite assieme a quella di propoli. Nei paragrafi successivi scopriremo proprio le caratteristiche e gli effetti della tintura madre di echinacea.
tinturamadreechinacea

ECHINACEA TINTURA MADRE BIOALMA – 60 ML. Favorisce il benessere delle prima vie respiratorie e sostiene il sistema immunitario. Estratto super concentrato (1:10) e al 100% analcolico e naturale. Adatto anche a bambini e donne in gravidanza e notificato al Ministero della Salute italiano.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Caratteristiche

echinacea-1La tintura madre di echinacea si ottiene dalle parti aeree e dalla radice della pianta omonima, specie appartenente alla famiglia delle Asteraceae e al genere delle Composite. Originaria del Nord America, l’echinacea, nelle sue diverse varietà, si presenta con uno stelo lungo e con un capolino a forma di cono da cui si dipartono dei petali fiorali lunghissimi con colori che variano dal rosa violetto, al bianco rosato. Notevole è l’interesse ornamentale ed erboristico di questa pianta. Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, c’è da dire che l’echinacea era abbondantemente utilizzata dagli indiani d’America, che la impiegavano per curare le ferite ed i morsi dei serpenti velenosi. All’echinacea, le antiche tribù indiane attribuivano anche delle virtù miracolose. Anche se non proprio miracolose, le virtù dell’echinacea sono comprovate nel campo della moderna erboristeria, che le ha sapute abilmente “concentrare” in rimedi quali estratto secco e tintura madre. Quest’ultima si ottiene dalla macerazione, in soluzione idroalcolica, delle radici e della parte aerea delle diverse varietà di echinacea, ovvero Echinacea Purpurea, Echinacea Augustifolia ed Echinacea Pallida. La tintura madre ha un titolo alcolico del 55%, ma esistono anche tinture madri di echinacea titolate al 25% ed utilizzabili per applicazioni esterne.

    HERING ECHINACEA ANGUST. TINTURA MADRE 125 ml - Qualità Farmaceutica -

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,7€


    Usi

    La tintura madre di echinacea si usa per alleviare o prevenire sintomi influenzali o da raffreddamento, quali mal di gola, faringite e laringite. L’impiego della tintura madre per queste affezioni è legato alle proprietà batteriostatiche ed antivirali della pianta, la quale contiene l’echinacoside, un polifenolo, oli essenziali e polisaccaridi ad alto peso molecolare con proprietà immunostimolanti. L’echinacea possiede anche proprietà cicatrizzanti, legate proprio all’azione dell’echinacoside. Sulle lesioni e sulle ferite si possono applicare anche degli impacchi a base di tintura madre di echinacea titolata al 25% e diluita in acqua. La tintura madre titolata al 55%, viste le sue proprietà antinfiammatorie e disinfettanti, si può usare anche come collutorio, per favorire la cicatrizzazione delle lesioni e delle irritazioni del cavo orale ( afte e gengiviti). Per altri fastidi più importanti, come affezioni delle vie urogenitali o patologie fungine, gli erboristi consigliano di assumere altri rimedi a base echinacea, perché la tintura madre sarebbe adatta solo come disinfettante ed antinfiammatorio da usare per brevi periodi. Il dosaggio ideale della tintura madre di echinacea è di 30, 40 gocce per tre volte al giorno e per un massimo di otto settimane. Le gocce si assumono dopo averle versate in un bicchiere d’acqua.


    Controindicazioni

    Per le sue proprietà stimolanti del sistema immunitario, la tintura madre di echinacea è sconsigliata a chi soffre di allergia alle asteracee e a chi è affetto da patologie autoimmuni. Le fonti fitoerboristiche attribuiscono una bassa tossicità all’echinacea, ma in caso di gravidanza, allattamento o patologie concomitanti è meglio sospendere l’assunzione della tintura madre. La terapia con tintura madre di echinacea non dove in ogni caso superare i due mesi, per evitare problemi di tossicità epatica. La tintura madre di echinacea, visto l’elevato titolo alcolico, è sconsigliata anche a chi soffre di gastrite e bruciori di stomaco. I rimedi a base di echinacea vanno evitati anche in caso di assunzione di ecoconazolo, sostanza antimicotica la cui azione viene potenziata dagli estratti di echinacea.


    Tintura madre echinacea: Costi

    La tintura madre di echinacea viene commercializzata in boccette di vetro da 30, 50 e 100 ml. Il costo della confezione è abbastanza accessibile e si aggira tra i sette euro per le tinture da 30 e 50 ml ed i 12 euro per quelle da 100 ml. I canali di acquisto per questo prodotto sono la farmacia, l’eboristeria e la parafarmacia, sia nei negozi online che in quelli con sede fisica.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO