Avena sativa tintura madre

Avena sativa: le proprietà anche della tintura madre

L'avena sativa ha svariati usi. Oltre a soddisfare le esigenze alimentari possiede proprietà fitoterapiche attraverso l'uso dei sui "cariossidi", i chicchi. L'avena sativa tintura madre ne è la conferma. Questo procedimento estrattivo (tintura madre) infatti, mantiene inalterati i principi attivi della pianta stessa e le azioni benefiche sono identiche se non superiori; è migliore l'assorbimento da parte del corpo e la praticità d'uso. Le parti utilizzate per realizzarla sono i carossidi. La tintura madre, essendo un preparato idroalcolico, permette di ottenere un peso dieci volte maggiore a quello della pianta disidrata. Ricca di potassio, magnesio, silicio e calcio, è indicata per la rimineralizzazione dell'organismo. Contiene anche una buona quantità di Vitamina B1. È fortemente sconsigliato l'uso a chi soffre di celiachia, in quanto contiene glutine.
Carossidi di avena sativa

HERING AVENA SATIVA TINTURA MADRE 125 ml - Qualità Farmaceutica -

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,7€


Utilizzo e indicazioni

Flaconcini di tintura madre Questa tintura madre, in fitoterapia, viene utilizzata per diversi scopi terapeutici. È diuretica e rinfrescante, antiemorroidale e un ottimo stimolante della tiroide. Le sue proprietà intrinseche, fanno sì che l'avena sativa tintura madre possa essere indicata come aiuto importante in diverse patologie, come: idropisia, infiammazioni delle vie respiratorie, depressione e dermatiti allergiche. Interessante è anche l'utilizzo da parte di soggetti fumatori, infatti, grazie ad un alcaloide contenuto nella pianta: la trigonellina, è in grado di disintossicare dagli effetti dannosi del fumo, in quanto questo alcaloide ha una struttura chimica simile alla nicotina. In genere vine consigliata l'assunzione di circa 150 gocce al giorno. 40 gocce prima di coricarsi renderanno più sereno il sonno, ovviamente sono indicazioni generiche che non possono essere sostitutivi del parere del medico.

  • aglio Quante volte abbiamo preparato o assaggiato i mitici spaghetti con olio, aglio e peperoncino? Tante volte, certamente. Ma spesso sconosciamo ciò che mettiamo nei nostri piatti. Nella ricetta che abbi...
  • ficuscarica4 E’ una pianta di innegabile valore ornamentale, ma è anche apprezzata per la dolcezza dei suoi frutti. Abbondantemente coltivata negli orti privati, sua su terreno che in vaso, viene annoverata tra l...
  • tintura madre In erboristeria, la tintura madre è un composto liquido ottenuto dall’ immersione e conservazione della pianta fresca, o di parti della pianta, in una soluzione di acqua ed alcool. La pianta, o alcun...
  • calendula1 Le tinture madri sono dei composti molto usati in erboristeria ed ottenuti dalla macerazione idroalcolica della pianta fresca. Una delle tinture madri più conosciute ed utilizzate dai sostenitori dell...

Avena Sativa Bio - 125 ml Tintura Madre Bio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,9€


Tintuta madre: come si ottiene

Carossidi avena sativa Essendo un preparato idroalcolico, ovviamente, il solvente utilizzato è l'alcool. La tintura madre di avena sativa, la si ottiene lasciando a macerare i carossidi in alcool etilico al 45% per ventuno giorni circa. Molto importante è assicurarsi che i chicchi siano giunti ad un perfetto stato di germinazione, altrimenti i loro derivati, e in questo caso la tintura madre, non avranno gli effetti desiderati. Non è una preparazione, però, adatta al fai-da-te. Il procedimento non è complicato ma esige una lavorazione rigorosa. L'avena sativa tintura madre ha effetti benefici importanti, una sua fabbricazione errata ne inficerebbe i risultati, diventando anche dannosa in caso di elaborazione maldestra. È sempre consigliabile rivolgersi a erboristerie professionali, le quali sapranno consigliare il prodotto migliore.


Avena sativa tintura madre: Le controindicazioni

Avena sativa, i chicchi Seguendo esattamente la posologia di erboristi esperti o del medico, non ci sono particolari controindicazioni. L'avena sativa tintura madre è un rimedio davvero utile per le patologie e i disturbi sopra indicati. Prima di assumerla, ma vale per qualsiasi prodotto fitoterapico o medicinale, è necessario però fare una corretta anamnesi. L'avena sativa contiene glutine, quindi è altamente sconsigliata a chi soffre di celiachia, ovvio comunicarlo all'erborista, il quale orienterà i suoi consigli su altre tipologie di piante. L'intolleranza all'alcool è una altra cosa da prendere in considerazione e comunicare al momento dell'acquisto. In caso di gravidanza, con le dovute cautele, può essere assunta nel momento in cui non sussistono le predette controindicazioni. Oltre a ciò non vi sono altri effetti collaterali.


  • avena sativa Avena sativa è il nome latino dell'Avena comune.Molto conosciuta come alimento, da essa si estrae la tintura madre di av
    visita : avena sativa

COMMENTI SULL' ARTICOLO