Bolla del pesco

Come riconoscere i segni di questa patologia

I sintomi della bolla del pesco sono visibili sulla pianta già nelle prime fasi del germogliamento, all'inizio della ripresa vegetativa in primavera. Le piccole foglioline che si aprono dalle gemme manifestano lievi variazioni di colore tendenti al rosso e viola. Il naturale colore verde è quindi interrotto da striature rossastre più o meno diffuse sulla singola foglia. Poco tempo dopo, in funzione soprattutto della temperatura ambientale, compaiono le prime deformazioni fogliari, inizialmente riconoscibili come ripiegamenti e "baulature" della lamina. Qualora il germoglio non presenti segni della presenza del fungo patogeno, quest'ultimo può comunque manifestarsi anche sulle foglie più grandi con vere e proprie bolle rosse deformanti che compromettono la funzionalità naturale della foglia.
Manifestazione bolla pesco

sepradina dodina FUNGICIDA CONTRO LA BOLLA DEL PESCO ED ALTRE MALATTIE FUNGINE IN CONF. DA 1 LT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,9€


I danni causati alla pianta

Attacco diffuso bolla pesco Una volta infettata dalla bolla del pesco, la pianta subisce una progressiva defogliazione che sarà tanto più spinta quanto più favorevoli saranno le condizioni ambientali di temperatura ed umidità. A causa della riduzione della superficie fogliare, il pesco si trova nella condizione di non poter produrre l'ordinaria quantità di metaboliti e questo si riflette negativamente sul suo sviluppo e, soprattutto, sulla produzione di frutta. Se non curata, questa patologia può portare la pianta al disseccamento completo nell'arco di tempo di circa 2-3 anni, poiché, in mancanza di un numero sufficiente di foglie, anche le porzioni rameali più giovani non potranno essere nutrite adeguatamente e quindi andranno incontro a necrosi. L'esemplare indebolito dal fungo è anche più suscettibile a contrarre batteriosi e virosi a causa delle numerose lesioni presenti nei tessuti verdi.

  • parassiti piante Quando si parla di attacco parassitario alle specie arboree ci si riferisce a degli insetti, anche di piccolissime dimensioni, che infestano gli esemplari durante determinate fasi del loro sviluppo. I...
  • insetto parassita Il giardino non sarà mai un vero giardino se non ci sono delle piante; in effetti esso non è altro che una replica della natura che ci circonda, cosa che noi esseri umani facciamo per far in modo di a...
  • larve di cavolaia Quando decidiamo di dotare la nostra abitazione di un giardino, noi non solo scegliamo di avere un pezzetto di natura tutto per noi, provando a prendercene cura come un hobby ma anche desiderando di r...
  • Dorifora La dorifora è uno dei principali nemici degli orti: si trova in terreni coltivati soprattutto con patate o melanzane, in quanto particolarmente attratta dalle solanaceae. Non è semplice eliminarla e d...

Bayer - Syllit flo x 250 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,4€


Difesa fitosanitaria del frutteto

Gli interventi di difesa contro la bolla del pesco possono attuarsi sostanzialmente secondo due modalità principali: mediante mezzi chimici ovvero tecniche biologiche manuali. L'intevento chimico sul pesco contro questo agente eziologico si giustifica principalmente dove il numero degli esemplari colpiti dalla malattia risulta ingente. Il principale prodotto fitofarmacologico somministrato ai peschi è la dodina, con un trattamento autunnale e due durante la stagione vegetativa. Maggiori irrorazioni possono essere effettuate in casi di attacchi particolarmente pesanti. Per singole piante da giardino è possibile invece eliminare manualmente le foglie colpite e bruciarle. In questo modo si previene la diffusione delle spore del fungo nell'ambiente.


Bolla del pesco: Lotta integrata

Riproduzione fungo Un modo per ridurre l'impiego di prodotti chimici nel frutteto contro la bolla del pesco è quello di intervenire esclusivamente nei momenti in cui il patogeno è più vulnerabile. E' quindi estremamente importante attuare un programma di osservazione sistematica del frutteto, in particolare all'inizio della ripresa vegetativa. Individuare le piante colpite consente anche di effettuare trattamenti mirati e non a tappeto su tutta la superficie produttiva. Inoltre, è importante agire precocemente sulle piante, prima che il fungo sviluppi la sua tipica peluria bianca sulla pagina inferiore della foglia, ossia le sue strutture riproduttive volte a diffondere le spore nell'ambiente circostante. In tal modo si contrasta la reinfezione della Taphrina deformans l'anno successivo e, soprattutto, si impedisce l'allargamento dell'infezione sulle altre piante.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO