Quando potare la siepe

Quando potare la siepe

Il quando potare una siepe distingue la modalità di intervento sulla stessa. Potare una siepe significa dare la forma desiderata alla pianta già dai primi giorni di vita garantendo un ricambio di foglie continuo tutto l'anno. L'importante è avere in testa cosa si vuole ottenere come progetto finale, in modo da aiutarci a realizzarlo con piccoli accorgimenti. Precisamente nei primi anni viene effettuata la potatura detta di formazione, dove si cerca di potare la siepe seguendo una logica dal basso verso l'alto, per far raggiungere più rapidamente possibile l'altezza desiderata. Invece l'altra potatura, quella di mantenimento, serve principalmente per ottenere la forma che vogliamo dagli arbusti della siepe. Il periodo più faticoso per eseguire ques'ultima potatura è sicuramente fine giugno, periodo in cui la pianta è nella sua fase massima di crescita vegetativa, quindi ci sono più rami e foglie da tagliare o sfoltire.
Potare una siepe

GRÜNTEK Comfort Tagliasiepi LUCCIO TEFLON 560 mm, Cesoie Arbusto con bordo seghettato e rivestimento double-Teflon. Prezzo di lancio con garanzia di soddisfazione di 21 giorni !!

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,49€
(Risparmi 4,36€)


Mettere in dimora una siepe

siepe Prima di iniziare una messa in opera di una siepe bisogna effettuare una specie di trincea cioè uno scavo che determina il percorso nel quale vogliamo poi far sorgere la nostra siepe. Una volta presi i punti di riferimento immaginari o fisici si inizia a creare delle linee prima immaginarie per poi definirle con l'aiuto di alcuni paletti posti e della corda tesa per ottenere appunto le linee di contorno della siepe. Le piante vengono appoggiate e allineate nella trincea realizzata si prosegue in tal modo per tutto il perimetro. Alcune siepi prevedono l’unione di specie diverse tra le più comuni possiamo ricordare: Alloro: è una pianta rustica che cresce rapidamente e può raggiungere dimensioni molto alte. Richiede almeno due potature annuali. Cipresso: anche questa pianta a crescita rapida, può raggiungere nove metri di altezza, ideale per creare in breve tempo muri e barriere e proteggersi da occhi indiscreti. Magnolia: è la classica siepe che troviamo nei parchi comunali e possono raggiungere più di dieci metri di altezza. Tasso: cresce lentamente e raggiunge un'altezza media che va da un metro e mezzo fino a tre metri.

  • conifere Le conifere sono piante Gimnosperme, cioè con i semi “nudi”, non protetti da un ovario. I loro semi non sono racchiusi da frutti, ma disposti sulle scaglie di un cono (da cui il nome volgare di conife...
  • ostrya carpinifolia Il carpino nero (Ostrya carpinifolia) appartiene alla famiglia delle Corylaceae, in particolare al genere Ostrya che conta sette specie diffuse in Asia e America oltre che in Europa. Il portamento var...
  • tagliasiepe a scoppio Il lavoro in giardino è un hobby molto diffuso che sta sempre più conquistando i gradimenti di persone che vogliono allacciare un rapporto diretto con la natura; del resto, ognuno di noi ha degli ante...
  • siepi Si vedono spesso in città, nei giardini privati e nelle zone rurali. Stiamo parlando delle siepi, interminabili filari di piante e arbusti creati sia a scopo decorativo che a scopo protettivo. Le sie...

Kit pianta limone 4 stagioni in vaso con cappuccio protettivo e concime idrosolubile

Prezzo: in offerta su Amazon a: 48,99€


La potatura diventa un'arte

Elefanti in giardino Oramai la potatura delle siepi è diventata una vera e propria arte, che permette di realizzare siepi assomigliati a personaggi fantastici, numeri, scritte, strutture semplici e complesse come animali, figure geometriche come cilindri, coni e addirittura forme tridimensionali. Questa arte si chiama topiaria. Il tutto parte da cosa si vuole realizzare, il posto dove realizzarlo e che tipo di siepe si adatta al nostro progetto. Partendo da questo si realizza un suo scheletro e la sua struttura perimetrale mediante un comune filo metallico. E consigliabile sistemarlo prima che la siepe venga piantata, in modo che poi durante la crescita, verranno eseguite le potatura prima di formazione e poi di mantenimento, in modo che che i tagli permettono di plasmare la siepe secondo la struttura da noi pensata. Gli strumenti più utilizzati per quest'operazione sono sia le cesoie da potatura che le taglia siepi, ma cosa molto importante è esaminare il lavoro che stiamo effettuando e sviluppando, arretrando ogni 10 minuti di qualche metro per avere una visione di prospettiva più ampia ed evitare di commettere eventuali errori.


Strumenti per la potatura delle siepi

Attrezzi per potare una siepe La scelta degli strumenti adatti alla potatura delle siepi ci deve mettere in condizione di valutare non il prezzo ma la qualita' dell'attrezzo stesso. Attrezzi molto economici possono perdere facilmente il taglio e una lama non affilata può danneggiare il ramo durante il taglio causando pericolose infezioni. Sicuramente per ottenere migliori risultati bisogna utilizzare forbici e cesoie ben affilate. Si possono utilizzare cesoie manuali per i rami piccoli, quelle a lame seghettate per i rami medi, troncarami per quelli più grossi, taglia siepe elettrica con lame a singola o doppia rispettivamente per tagli lineari o per creare forme particolari. Non dimenticate inoltre che la protezione è la cosa principale da non sottovalutare mai quando si opera con attrezzi di ogni genere. Dunque utilizzare guanti, occhiali e in caso di taglia siepe elettrica proteggersi con delle cuffie.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO