Pitosforo

L'irrigazione del pitosforo

Questa elegante pianta è in grado di tollerare periodi di siccità, purché non siano eccessivamente lunghi e le temperature non siano troppo alte; se si vuole ottenere una fioritura rigogliosa, però, è opportuno annaffiare con costanza. In autunno e in inverno, ed in particolare se le precipitazioni sono frequenti, bisogna ridurre le irrigazioni, poiché una quantità sovrabbondante di risorse idriche potrebbe provocare dannosi ristagni: questi ultimi sono una delle cause più diffuse delle malattie fungine. In sintesi, dunque, le annaffiature vanno eseguite in base alle piogge ed alla stagione. Un altro fattore che regola la somministrazione d'acqua è l'età della pianta, dato che gli esemplari più giovani, ancora deboli ed in via di sviluppo, hanno un fabbisogno idrico maggiore rispetto a quelli già adulti.
Foglie pitosforo

20 Piante Lauroceraso da giardino siepi siepe vaso 7 (20 vasi)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,8€


Come eseguire la coltivazione

Siepe pitosforo Per il pitosforo è necessario un terreno fertile e ben drenato; va bene anche il comune terriccio da giardino, purché sia amalgamato con della torba e con una piccola quantità di sabbia. La moltiplicazione può avvenire per talea o tramite semina: in entrambi i casi bisogna procedere in un recipiente apposito, così da monitorare al meglio la crescita iniziale della pianta, ed effettuare il trapianto in giardino dopo circa un anno. Una pacciamatura del suolo, subito dopo l'impianto, è conveniente per migliorarne le caratteristiche fisiche e chimiche e, di conseguenza, per garantire all'esemplare coltivato condizioni più favorevoli. La potatura va eseguita ogni anno, ma soltanto per eliminare i rami secchi e quelli malati e per conferire alla pianta una forma regolare, tagliando le parti sporgenti.

  • Piante di pitosforo in vasi Il pittosporum, meglio noto come pitosforo, è una pianta originaria dell’Africa, dell’Asia e dell’Australia. Di solito è di carattere arbustivo, ma può anche diventare un piccolo albero. Ne esistono t...
  • Sorbus aucuparia Il Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia) appartiene alla famiglia delle Rosaceae e deve il suo nome al fatto che attraendo l’avifauna con le sue bacche, veniva piantato vicino agli impianti per l...
  • Divano per esterni Il giardino è uno spazio verde non solo del quale prendersi cura, ma anche dal quale farsi accogliere per trascorrere nel confort e nel relax il proprio tempo libero, in una dimensione tranquilla e ri...
  • Tavolo da giardino in legno Per un amante degli spazi all'aria aperta, il giardino non è solo un colorato angolo decorativo che introduce all'abitazione, ma è parte integrante dell'ambiente domestico nel quale vivere la propria ...

Pittosporum tobira (Pittosporo) [Vaso Ø22cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25€


La concimazione

Pianta pittosporum Il pitosforo non ha bisogno di concimazioni frequenti; l'operazione va praticata una volta all'anno, in primavera, con prodotti naturali come lo stallatico o con fertilizzanti a rilascio lento, granulari, contenenti in maniera equilibrata i tre fondamentali macroelementi. Questi ultimi sono l'azoto, il potassio ed il fosforo: ognuno di essi svolge un importantissimo ruolo nello sviluppo della pianta. Il primo, infatti, è essenziale per una corretta crescita dei tessuti e delle parti vegetative, motivo per cui, tra l'altro, non deve mai essere somministrato in eccesso; il secondo interviene nella sintesi delle proteine e nell'assorbimento degli zuccheri; il terzo, infine, assicura un supporto al metabolismo. Non si deve mai incorrere in una carenza di azoto, fosforo o potassio, in quanto ciò determinerebbe una debolezza generale della pianta.


Pitosforo: Esposizione e parassiti

Parassiti pittosporo L'esposizione suggerita è luminosa, colpita direttamente dai raggi del sole; è importante, però, che la pianta sia collocata al riparo dalle intemperie. Gli afidi e le cocciniglie sono tra i parassiti più comuni e temuti, poiché entrambi provocano gravi danni: i primi si nutrono della linfa e sottraggono all'esemplare colpito le sostanze nutrienti di cui ha bisogno, mentre le seconde causano l'ingiallimento delle foglie e, nei casi più estremi, la loro caduta. Contro questi parassiti si raccomandano rimedi naturali come il macerato d'ortica e l'olio bianco minerale, efficaci e facili da ottenere. Tra le malattie fungine va citata la fumaggine, che si manifesta con una sorta di muffa sul fogliame; la pianta va incontro ad un progressivo deterioramento, ma può essere salvata con un semplice infuso di equiseto.


Guarda il Video
  • pitosforo siepe Il pitosforo è un genere di piante diffuse in gran parte del globo, dall'Asia fino al continente australe; le specie dif
    visita : pitosforo siepe

COMMENTI SULL' ARTICOLO