Coltivazione lenticchie

Irrigazione e terreno

Le lenticchie sono piante molto resistenti alla siccità ed è raro in Italia, che abbiano bisogno di altri interventi. L’ acqua va fornita solo se la mancanza di perturbazioni si protrae per molto tempo, tale che le piante comincino a dare segni di sofferenza. L’unico periodo in cui bisogna irrigare di frequente risulta essere la fioritura, per ottenere un ottimo raccolto. Attendiamo sempre che la terra diventi asciutta. Come terreni, predilige quelli poveri e aridi ma è importante che siano ben drenati. Le marcescenze delle radici infatti con le malattie, sono le problematiche che portano a perdere il raccolto. Bisogna quindi evitare i suoli molto argillosi e calcarei. Non ama neanche quelli troppo fertili o con un alto livello di salinità, con un pH che non ecceda nell’ acido o nell’alcalino.
Piante lenticchie

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà, Collezione 2: Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Peperoncino Cayenna Rosso, Peperoncino Tondo da Ripieno, Rucola, Cipolla Rossa Tonda di Tropea, Coriandolo, Maggiorana, Anice, Senape Bianca, Crescione Comune, Dragoncello, Melissa e Dente di Leone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


Coltivazione

Coltiazione lenticchie La semina delle lenticchie va fatta nel periodo autunnale o primaverile. Si inizia in inverno dopo la raccolta, vangando fino a raggiungere i 40 centimetri di profondità. La terra va fatta riposare durante le gelate, in modo tale che disgreghino a fondo le zolle. Le sementi vanno disposte in file distanti una trentina di centimetri una dall’ altra, alla profondità di circa 2 centimetri, avendo avuto cura di tenere i semi a mollo nell’acqua la notte precedente e di aver inumidito la terra di coltura. Se vogliamo coltivare delle lenticchie nane, invece, bisogna tenere la distanza di 60 centimetri tra le file. La germinazione dei semi è veloce e basta una temperatura di 5 gradi per vederli germogliare. È consigliabile mettere delle reti di protezione per uccelli per evitare che mangino i semi.

  • lenticchia Appartenente alla famiglia delle Papilionaceae, le lenticchie, sono tra le più antiche piante alimentari conosciute dall’uomo. Le origini risalgono nella zona medio – orientale della Mezzaluna fertile...
  • Pianta della lenticchia con fiore La pianta lenticchie, il cui nome scientifico è "Lens esculenta o Ervum lens", della famiglia delle leguminose, è una pianta cespugliosa, ramificata e dall' aspetto prostrato. I suoi piccoli fiori, so...
  • Salvia pianta La salvia è una coltivazione perfetta per l'orto e per il giardino. Questa pianta, quando fiorirà, sarà anche molto bella esteticamente ed abbellirà il nostro angolo di verde. Possiamo metterla a dimo...
  • Fioritura fagioli La semina dei fagioli andrebbe effettuata, per chi crede alle tradizioni popolari, in luna calante, come altre tipologie di piante appartenenti alla famiglia delle leguminose. In semenzaio possiamo in...

ASPARAGO BIANCO DA TRAPIANTARE IN CONFEZIONE DA 10 ZAMPE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Concimazione

Pianta lenticchia Per la coltivazione delle lenticchie bisognerebbe concimare con del letame maturato interrato profondamente. Questa operazione viene svolta durante la coltura precedente alle lenticchie. Se volessimo velocizzare la crescita delle piante, è possibile spargere ancora del letame stagionato al momento della semina. Sono piante che non hanno bisogno di grandi quantità di azoto ma è bene che il terreno non ne sia privo. È invece importante fornire buone quantità di concime con alto tenore di fosforo, per questo viene in aiuto la cenere di legname, che garantisce un apporto fondamentale per ottenere un buon risultato. Bisogna integrare anche il potassio, nel caso mancasse a livello naturale nel terreno utilizzato per la nostra coltura di lenticchie. Di solito si utilizzano le leguminose come le lenticchie, per iniziare un ciclo di rotazione.


Coltivazione lenticchie: Malattie e piante infestanti

Germogli afidi Le piante di lenticchie potrebbero essere colpite da parassiti come il tonchio, che si contrasta con prodotti a base di solfuro di carbonio. Altri parassiti comuni sono gli afidi da combattere con infusi o macerati di erbe adatte allo scopo. Le lumache, invece, si eliminano con trappole oppure una per volta manualmente. Le piante possono essere infettate anche da alcune malattie abbastanza comuni, come l'antracnosi e la ruggine, che si contrastano usando prodotti specifici, possibilmente biologici. Da tenere sotto controllo sono le piante infestanti, queste sono in grado facilmente di soffocare le piantine e i germogli. È fondamentale allora eliminarle manualmente e sarchiare la terra con assiduità , cercando di non arrecare danni alle radici superficiali che sono molto delicate.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO