Coltivazione fave

Coltivazione fave: quando e come

La coltivazione delle fave è molto diffusa nel nostro Paese. Il periodo della semina tiene conto del clima: nelle regioni settentrionali si attende la fine delle gelate (fine inverno-inizio primavera), mentre in quelle meridionali e centrali si può seminare a novembre per ottenere un raccolto in primavera. In alcune zone si preferisce effettuare una semina al termine di luglio per avere un raccolto autunnale, garantendo alla pianta un terreno ottimale in termini di umidità. Il ciclo di produzione è variabile: dai tre mesi per la semina primaverile, ai sei mesi per la semina autunnale. Le piante di fave si seminano solitamente in doppi filari distanti circa 50-80 cm, interrando in ogni buchetta 2 o 3 semi; in questo modo si permette che ciascuna pianta abbia lo spazio per un corretto sviluppo.
Pianta di fave

Relaxdays supporto per fiori con 5 ripiani, in legno, per interni fiore rack, multi-shelf, AxLxP: ca. 142.5 x 83 x 28.5 cm, colore: marrone scuro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,68€
(Risparmi 0,7€)


Quanto e come irrigare le fave

coltivazione fave Subito dopo aver effettuato la semina delle fave, occorre procedere con l’irrigazione prestando attenzione affinché la distribuzione dei semi venga mantenuta. La frequenza delle irrigazioni è strettamente dipendente dalle condizioni climatiche. La pianta di fave può resistere anche a lunghi periodi di siccità, ma per ottenere buoni risultati è bene irrigare frequentemente il terreno, soprattutto se si vive in zone a clima caldo. Il consiglio è quello di innaffiare le fave durante il periodo fresco della giornata, alle prime ore del mattino o in tarda serata, evitando i ristagni d’acqua. Un accorgimento è quello di non effettuare l’annaffiatura dall’alto, quindi di non bagnare le cime della pianta di fave per evitare il gocciolamento dell’acqua nel terreno, ma innaffiare direttamente il suolo.

  • fave Appartenente alla famiglia delle Papilionaceae e all’ordine delle Leguminose, la Fava, è una pianta erbacea annuale diffusissima nelle Mediterraneo. Il nome botanico associato a questa pianta è “Vicia...
  • fave coltivazione Le fave sono piante della famiglia delle leguminose abbastanza facili e veloci da coltivare. Il loro nome scientifico è Vicia Faba e sono una pianta annuale. La raccolta avviene tre mesi dopo la semin...
  • Pianta fave I semi per piantare fave non sono altro che quelli contenuti all'interno del baccello stesso. Si dovranno lasciare seccare completamente le piante e dopo aver prelevato le fave metteremo i semi ad asc...

TERRICCIO EXTRA-FINE PER LA SEMINA E LA COLTIVAZIONE DEGLI ORTAGGI E DELLE PIANTE AROMATICHE CONF. DA 15 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


Il terreno ideale per le fave e la sua concimazione

Coltivare le fave La coltivazione delle fave non richiede un terreno particolarmente fertile, in quanto è la stessa pianta a contribuire alla sua fertilizzazione per le colture successive. Dunque l’ideale è un terreno parzialmente argilloso, di medio impasto, privo di ristagni e ben drenato che va preparato prima della semina con l’aiuto preferibilmente di un motozappa, poi spianato con un rastrello e privato delle erbe infestanti. La pianta di fave non necessita di concimazioni a base di azoto, in quanto le stesse radici della pianta sono dotate di questo elemento e quindi ne arricchiscono il terreno. È possibile inoltre concimare il terreno utilizzando gli steli della pianta ben tritati e poi interrati. Semmai, se il suolo ne è carente, si possono utilizzare dei prodotti specifici per un apposito arricchimento di sali minerali.


Esposizione, malattie e possibili rimedi

Pianta di fave con i suoi baccelli Nonostante sia poco esigente, la pianta di fave è particolarmente intollerante tanto al gelo quanto alla siccità, dunque il clima ideale è quello temperato. Nel periodo più caldo la pianta di fave può essere attaccata dagli afidi, amanti perfetti per questa varietà di legumi, tanto che l’afide nero viene proprio chiamato "afide nero della fava". Questi parassiti si raccolgono nella parte superiore della pianta e per eliminarli il metodo più indicato è quello di togliere manualmente la parte superiore del vegetale (questa pratica è chiamata "cimatura"), intensificando parallelamente anche la fruttificazione. Ricordiamo poi il tronchio, un coleottero che scava i semi contenuti nei baccelli. Tra le malattie quella peggiore è il carbone della fava, una specie funginea che alla lunga può causare la morte delle radici.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO