Bonsai olivo

Descrizione

L' olivo che si coltiva in Italia (Olea Europea) è una pianta molto robusta e che vive a lungo, con un tronco molto particolare ricco di cavità che si attorciglia spesso su se stesso acquistando forme uniche ed inimitabili. L' olivo selvatico o olivastro (Olea Europea Silvestrys), invece, ha dimensioni più ridotte, foglie più piccole e corteccia maggiormente invecchiata e per questo più adatto ed utilizzato per creare un bonsai. Il Bonsai Ulivo è una pianta facile da coltivare, molto vigorosa che predilige stare all'esterno, come quasi tutti i bonsai che danno dei frutti ma che si adatta anche a vivere nei nostri appartamenti, a patto che si ricreino le condizioni climatiche ed ambientali del suo habitat naturale. Deve essere posizionato vicino alle finestre perché necessita di aria e di luce naturale e lontano da fonti di calore quali caloriferi e stufe e correnti d'aria. All'esterno, può essere posizionato alla luce del sole in primavera, mentre in estate, quando fa più caldo, va spostato a riparo del sole per evitare che il terriccio si asciughi troppo velocemente. In inverno, invece, va protetto da eventuali gelate (sopratutto le radici).
<b>Bonsai olivo</b>

Bonsai Olivenbaum circa 50 cm Olea europaea fino a -6C Ulivo Piante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,5€


Cura del bonsai Olivo

Bonsai olivo a terra Il Bonsai Olivo, come del resto tutti i bonsai, va annaffiato ogni volta che la terra del vaso è asciutta. La frequenza dipende chiaramente dalla dimensione del bonsai, dalla sua ubicazione, dalla stagione ed in ultimo dal tipo di terriccio. In inverno ad esempio va annaffiato ogni 15/20 giorni, mentre in primavera ed autunno due volte la settimana, fino ad arrivare ad una frequenza giornaliera in piena estate. A luglio e ad agosto, è bene evitare innaffiature nelle ore più calde e soleggiate, mentre in inverno quando fa troppo freddo e c'è pericolo che geli, l'acqua va versata pian piano sul terriccio senza bagnare le foglie. In estate invece quando fa particolarmente caldo, è bene nebulizzare anche le foglie. La potatura nel Bonsai Olivo od Ulivo è necessaria per sfoltire la chioma, in modo da portare luce, sole e calore in qualsiasi parte della pianta. Durante l'anno oltre la cimatura e la potatura necessarie per ottenere la forma desiderata, vanno effettuati piccoli interventi utili per mantenere la pianta nella dimensione richiesta ed eliminare eventuali rami spezzati. Il Bonsai Olivo, sopporta anche potature drastiche, perché è robusto e rigoglioso.

  • Bonsai olivo Il bonsai olivo è un tipo di pianta nana che riproduce quella a grandezza naturale. Come tutti gli altri tipi di bonsai, bisogna annaffiarlo durante tutto il periodo dell'anno, non credete alle leggen...

Vivai Gardenhome - Olivo Bonsai

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17€


Terreno, concimazione e malattie

Cocciniglia Per il Bonsai Olivo non è necessario un terriccio particolare, in quanto questa pianta è poco esigente. L' importante è garantire un buon drenaggio ed evitare ristagni d'acqua che possono provocare malattie dovute a funghi. Un buon terreno può essere considerato quello composto per una metà dal cosiddetto terriccio universale, e per l' altra metà da torba ed argilla mescolati insieme. Per quanto riguarda le concimazioni, vanno effettuate nel periodo in cui la pianta vegeta che va dal mese di marzo a quello di ottobre, utilizzando concimi organici specifici per bonsai, facilmente reperibili in commercio. E' opportuno evitare di concimare il bonsai olivo in inverno perché la pianta è in stasi vegetativa ed in piana estate (luglio/agosto). Prima di concimare il bonsai, è opportuno bagnare il terriccio in modo da non danneggiare l'apparato radicale. Per quanto riguarda le malattie, il bonsai ulivo è soggetto a cocciniglia, fumagine, afidi e ragnetto rosso. Per combattere i parassiti, si possono utilizzare stagionalmente antiparassitari preventivi. Le macchie biancastre della cocciniglia, possono essere eliminate con un semplice spazzolino.


Bonsai olivo: Riproduzione

Foglie di olivo Il bonsai olivo, può essere riprodotto per seme, talea e margotta. Per seme : è un sistema piuttosto lungo (servono infatti anni per avere un bonsai), ma che ha il vantaggio di poter controllare sin da subito come si sviluppa la nostra piantina e si può quindi meglio disciplinarne la forma. La semina va fatta in primavera o fine estate, su un terriccio composto. Per talea : è un sistema sicuramente più veloce rispetto alla semina, ma anche più difficile e con percentuali di successo finale abbastanza scarse. In autunno si prende dalla pianta originaria un ramo legnoso e lo si pianta in un terreno misto a sabbia. Quando sono trascorsi circa 15 giorni, se l'operazione ha avuto successo, assisteremo alla comparsa delle prime gemme. Per margotta : è forse il metodo migliore per riprodurre un bonsai di olivo. In primavera si sceglie un ramo interessante dalla pianta, lo si scorteccia, lo si inserisce in un contenitore contenente terriccio, fino a quando non si sviluppa l'apparato radicale. A questo punto si taglia il ramo e lo si mette in un vaso con terriccio per bonsai, che sia altamente drenante. E' possibile riprodurlo anche dai polloni della pianta originaria.


Guarda il Video
  • bonsai olivo Benché prediliga soprattutto l’ambiente esterno, il bonsai olivo, così come la maggior parte dei bonsai da frutto (dal m
    visita : bonsai olivo
  • bonsai ulivo Pianta sempreverde originaria del bacino mediterraneo, con piccole foglie ovali allungate di colore grigio verde, tronco
    visita : bonsai ulivo
  • bonsai di ulivo Mi hanno regalato un ulivo bonsai che dopo aver perso quasi tutte le foglie comincia a metterne su di nuove. L'ho posizi
    visita : bonsai di ulivo
  • ulivo bonsai Tra tutti i bonsai quello che sicuramente rappresenta di più l'Italia è il bonsai di olivo. Questa pianta pur avendo ori
    visita : ulivo bonsai

COMMENTI SULL' ARTICOLO