Ficus retusa bonsai

Piante d'arredo

Il mondo delle piante è un universo vario e variegato che sa offrire a coloro che lo ammirano e se ne interessano uno straordinario panorama di possibilità; ad esempio, tra le tante classificazioni “non ufficiali”, ovvero non scientifiche, ce ne sono alcune molto bizzarre, ma in questo articolo ci concentriamo su una di esse che è tra le più diffuse: le piante d’arredo. In effetti sembra un po’ strano definire in questo modo una pianta, però con questa denominazione si vuole designare quel gruppo di specie vegetali che per particolari motivi trovano una destinazione d’uso molto adatta nell’arredamento di angoli di case, appartamenti e giardini. C’è da precisare che quando si parla di piante d’arredo ci si riferisce maggiormente a quelle destinate ad ambienti chiusi, in quanto quelle che possono (per dimensioni e resistenza ai mutamenti atmosferici) arredare un giardino sono classificate – appunto – come piante da giardino. Molte persone, sotto la spinta di uno spirito naturalistico un po’ ottuso, protestano verso tale destinazione d’uso adducendo alle motivazioni che si tratta di esseri viventi. Noi siamo assolutamente d’accordo, ma è pur vero che per queste specie, farle vivere in appartamento è salvar loro la vita e garantire la sopravvivenza.
splendido bonsai

exotenherz.de - Bonsai Ficus retusa, 6 anni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€


Le caratteristiche giuste

bonsai ficus Ovviamente le piante che avranno il compito di arredare una casa e di allietare con profumi e colori chi la abita devono avere le caratteristiche giuste per farlo; sintetizzarle qui potrebbe essere un compito arduo in quanto si tratta di un mix dalla composizioni molto variabile, però ci proviamo di certo. Innanzitutto ci sono due tipologie di caratteristiche molto importanti, quelle estetiche e quelle di sopravvivenza: pur volendo evitare di voler essere così pragmatici da risultare cinici, una pianta che deve arredare deve essere senza dubbio “bella”, ovvero gradevole alla vista, armoniosa; poi la pianta deve poter stare bene in un ambiente confinato come le nostre abitazioni, quindi non deve soffrire e morire per l’aria secca, la poca umidità e le temperatura circa costanti con poca illuminazione omogenea. Ecco perché prima accennavamo al fatto che confinare una pianta in casa non è maltrattarla, sia perché le daremo tutte le cure possibili per farla sopravvivere e sia perché in ambiente esterno essa morirebbe di certo. A volte questo mix di caratteristiche che decretano una pianta d’arredo è naturale, spontaneo ed insito nelle caratteristiche genetiche della pianta, mentre altre volte è l’uomo che ha usato la sperimentazione “alla Mendel” per trovare la soluzione alle sue esigenze.

  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Frutti di Asimina L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba. È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscag...
  • Frutti di Corbezzolo Il corbezzolo appartiene alla famiglia delle Ericacee, al genere Arbutus ed alla specie unedo. È un piccolo albero sempreverde a lenta crescita, alto mediamente 5-7 m, con una forte attitudine pollo...
  • Frutti di Giuggiolo Il giuggiolo appartiene alla famiglia delle Ramnacee, al genere Zizyphus ed alla specie jujuba. È un piccolo albero, alto mediamente 5 m, con un tronco contorto; ha una crescita lenta, stessa cosa p...

Exotenherz.de - Bonsai di Ficus retusa cinese, 12-15 anni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 69,99€


Bonsai

Una delle piante d’arredo più affascinanti del mondo è il bonsai: ovviamente tutti – o quasi – sapranno che il bonsai non è una specie di pianta ma è una tecnica culturale che si può applicare in teoria a tutte le piante ma che in realtà si sposa alla perfezione con un numero limitato di esse, per ottenere fantastici risultati. In breve questa raccolta di tecniche punta a tenere ridottissime le dimensioni della pianta senza inficiare la sua maturazione, cioè non abbiamo piante piccole perché ancora giovani ma abbiamo piante “adulte” di ridottissime dimensioni; molto spesso ciò avviene con una potatura molto mirata e studiata in anni di sperimentazione, insieme all’utilizzo di leve, tiranti, fissaggi che “imbrigliano” la pianta tenendola piccolina. Il tutto, da quanto riportano gli studiosi storici ed archeologi, sembra essere nato in Oriente e precisamente in Cina all’incirca nel sesto secolo dopo Cristo; in effetti è questa la prima prova scientifica di questa tecnica, ma la tradizione si è successivamente spostata in Giappone (qui il primo ritrovamento/testimonianza è del tredicesimo secolo dopo Cristo) dove oggi c’è una enorme tradizione, molto integrata nella cultura della popolazione che erge il bonsai a simbolo di loro stessi.


Ficus retusa bonsai

Il ficus retusa viene classificato nel gruppo delle migliori piante per la tecnica bonsai: esso è un albero del gruppo delle Moraceae, uno delle tante specie di ficus esistenti al mondo. Queste piante, con caratteristiche anche molto diverse una dall’altra, sono originarie della fascia medio-tropicale che va dal Mediterraneo fino a quasi l’Estremo Oriente ed in quest’ultima destinazione hanno trovato la consacrazione proprio come pianta ornamentale con tecnica bonsai. Il ficus retusa sopporta molto bene la crescita in formato bonsai, riuscendo anche a presentare una chioma folta, di un verde brillante tendente al giallo e con foglie alternate, numerose ed anche molto resistenti e ben ferme. Le preferenze ambientali che il ficus retusa ha non sono esigenti, anzi: proprio per via del fatto che ha foglie turgide ed anche di dimensioni importanti, riesce a sopportare la scarsa umidità dei nostri appartamenti riscaldati ed inoltre gli basta una illuminazione normale (mai diretta) per vivere benissimo. Non solo, tra le sue caratteristiche ci sono delle radici aeree molto decorative, che spesso vengono esaltate tramite la coltivazione su roccia, senza la terra che le copre e nasconde. Ecco quindi che si necessita di una vaporizzazione sulla chioma, ovvero di una spruzzata di acqua che un po’ rinfresca ed inumidisce le foglie ed un po’ nutre (nel vero senso della parola) la pianta attraverso le radici aeree.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO