Orchidee dendrobium

Orchidee dendrobium

Appartenente alla famiglia delle Orchidaceae, Il genere Dendrobium, comprende più di 1600 specie sparse un po’ ovunque. Esistono specie originarie dell’Australia, della Nuova Zelanda, dell’Asia orientale, del Pacifico e dell’Himalaya. Le orchidee Dendrobium sono il genere più vasto e conosciuto di questa famiglia. Il loro nome deriva dal greco “dendro” che significa tronco o albero e “bios” che significa vita. In natura esistono orchidee epifite ma alcune specie sono anche litofite ed in minoranza terrestre. C’è da dire che numerosissimi, sul mercato, sono anche gli ibridi. Se volessimo descrivere morfologicamente la pianta risulterebbe alquanto difficile data la varietà di specie, alcune sono di piccole dimensioni ed altre invece raggiungono metri e metri d’altezza, delle specie sono costituite da foglie sempre verdi ed altre da foglie caduche, alcune sono formate da foglie singole ed altre da gruppi. L’unica caratteristica che accomuna la maggior parte delle specie è quella di dare vita a dei Keiki. Questi sono delle nuove piantine di orchidee che, una volta diventate grandi e forti, possono essere staccate dalla pianta madre e poste separatamente in un vaso.
composizione dendrobium

TERRICCIO PER ORCHIDEE DA 12 LT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,5€


Coltivazione

dendrobium bianco Come già scritto precedentemente, questo genere, è il più numeroso e comprende specie che vivono in habitat differenti. Alcune specie crescono in zone con un clima tropicale, altre crescono in luoghi in cui sia le temperature che l’umidità è sempre costante ed altre ancora che crescono in zone in cui il clima è temperato. Da ciò deriva il fatto che è difficile spiegare in che modo vanno coltivate queste piante, ogni specie ha delle esigenze particolari. Nonostante tutto, le orchidee Dendrobium, non sono piante di difficile coltivazione dal momento in cui che ci sono tantissime varietà ed è semplice trovare la specie che più si avvicina alla pianta in nostro possesso. Quello che possiamo dire riguardo queste orchidee è che vanno annaffiate al mattino in modo tale che le si asciugano prima dell’arrivo della notte. Importante è prestare attenzione durante le irrigazioni perché queste piante non amano la formazione di ristagni idrici e quindi l’acqua in eccesso potrebbe danneggiarle. La cosa fondamentale per tutte le piante di questo genere è mantenere un ambiente umido intorno ad esse. Per creare umidità nell’aria basta porre dell’argilla espansa o dei ciottoli in un sottovaso. La quantità di umidità da creare nel luogo in cui viene posta la pianta è diversa a seconda della specie e delle temperature di quel posto, se le temperature sono elevate la pianta ha bisogno di maggiore quantità.

  • orchidee Le orchidee sono delle piante a fiore appartenenti alla famiglia delle Orchideaceae. Queste piante sono rinomate per la bellezza dei loro fiori e per il loro elevato valore ornamentale. Vengono usate ...
  • orchidea mini Le piante sono un eccezionale prodotto della potenza della Natura, ma ciò che di esse ha più mordente sull’animo umano sono assolutamente i fiori: essi sono concepiti dalla natura stessa come semplici...
  • orchidee cymbidium Spesso si è abituati a pensare che la parte più importante delle orchidee siano i fiori. In realtà, tutte le componenti vegetali di questa pianta rivestono una particolare importanza per il suo sano e...
  • Vaso per orchidea L’orchidea è una pianta che vanta straordinaria diffusione anche in natura: è infatti una delle poche specie vegetali ad essere naturalmente presente in molti territori sia dell’Occidente sia dell’Ori...

CF - Muschio sfagno per orchidee Cattleya, Phalaenopsis e Dendrobium, qualità: A++, quantità: 200 g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,64€


Terreno e rinvaso

Prima di rinvasare, le orchidee, vanno bagnate in modo tale che le radici si rendono più elastiche e quindi si evitano rotture o danni. Successivamente le radici vanno pulite e vanno rimossi i residui, le radici morte o danneggiate vanno tagliate. Si consiglia di procedere con molta calma facendo in modo da non disturbare troppo la pianta dato la loro sensibilità. Nel caso in cui vengono utilizzati degli attrezzi per rimuovere le parti della pianta danneggiate è giusto sapere che gli attrezzi vanno puliti e disinfettati, prima e dopo l’uso, possibilmente alla fiamma. Quando rimoviamo le radici dal vaso, se ci accorgiamo che sono attaccate ad esso, bisogna immergere il vaso per una mezzoretta in acqua tiepida. Se questo procedimento non dovesse funzionare si consiglia di tagliare il vaso e di non forzare le sensibilissime radici. Il vaso scelto per il rinvaso deve essere lavato bene e lasciato in acqua per qualche giorno in modo tale da rimuovere ogni tipo di impurità presente al suo interno. La polvere e alcuni residui che si soffermano sul sottofondo possono creare dei problemi alle piante nel corso del loro sviluppo.


Concime

In natura, le orchidee, non dispongono di una grande quantità di elementi nutritivi fondamentali per il loro sviluppo ed è per questo motivo che le concimazioni hanno tanta importanza. La nutrizione di queste piante avviene grazie all’assorbimento di sostanze come Ossigeno, Idrogeno e Carbonio che vengono prelevati dall’aria e dall’acqua. Dal terreno invece prelevano sostanze come l’Azoto, il Fosforo, il Potassio, lo Zolfo, il Calcio e il Magnesio. Ma oltre a questi elementi, le orchidee hanno bisogno anche di altri microelementi come il Ferro, lo Zinco, il Rame, il Manganese, il Boro, il Molibdeno, il Cobalto, il Cloro e il Sodio. Tutte queste sostanze elencate sono necessarie per le piante ma la loro presenza non è sempre presente, varia a seconda della luce, delle temperature e dell’umidità. Il concime da somministrare a queste piante deve essere un concime liquido da diluire nell’acqua utilizzata per le annaffiature. Per favorire una fioritura abbondante si somministra del concime secondo la formula 10:30:20, l’Azoto va diminuito e vanno aumentati Fosforo e Potassio. Per favorire la ripresa vegetativa va somministrato del concime secondo la formula 30:10:10, maggiore quantità di Azoto e quantità uguali di Fosforo e Potassio. Durante tutti gli altri periodi, le Orchidee, vanno somministrate seguendo la formula 20:20:20.




COMMENTI SULL' ARTICOLO