Foglie di carciofo

Pianta di carciofo. Caratterisiche

La pianta di carciofo è originaria del bacino del Mediterraneo, ma è coltivato nelle regioni con un clima temperato, non umido di tutto il mondo. Fa parte della famiglia delle composite. E’ una pianta annuale e occupa il terreno per 8 mesi - 15 anni. Il fusto può raggiungere anche i 2 metri di altezza. Le sue foglie dal colore verde più o meno intenso, arrivano a una lunghezza di 80 centimetri, sono molto segmentate e si allargano fino a formare un grande cespuglio. Le infiorescenze sono di colore azzurro con sfumature viola, attorniate da brattee, dove alla base c’è la parte commestibile. Del carciofo si utilizza qualsiasi parte, dalle radici alle infiorescenze. Gli estratti di carciofo vengono utilizzati nell’industria farmaceutica per la composizione di medicinali utilizzati per la cura del fegato.
Campo di carciofi

CARCIOFO TINTURA MADRE BIOALMA – 60 ML. Digerisci bene e depura il fegato con il carciofo. Estratto concentrato di foglie di carciofo (1:10), al 100% naturale e analcolico, adatto anche a donne in gravidanza e bambini. Notificato al Ministero della Salute Italiano.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Foglie di carciofo. Proprietà

Foglie di carciofo I principi attivi del carciofo sono contenuti nelle foglie, infatti in erboristeria per preparare il decotto, vengono utilizzate foglie di carciofo essiccate. Il principio attivo è la cinarina. Nel suo sapore amaro sono contenute proprietà coleretiche, che aumentando la secrezione della bile, e aiutano il fegato a disintossicarsi. Il carciofo contiene inoltre enzimi, insulina, e sali minerali come il potassio e il manganese. Chi soffre di arteriosclerosi, consumando il decotto di foglie, previene e riduce la presenza del colesterolo e di altri lipidi nel sangue. Nei diabetici, favorisce la diminuzione del livello di zucchero nel sangue. Nonostante i suoi effetti benefici, non tutti tollerano l'amaro del carciofo, che attutiscono aggiungendo al decotto del succo di limone.

  • Tisana al carciofo Il carciofo è un alimento da sempre presente nella dieta mediterranea, grazie alla sua semplicità di coltivazione e ai mille usi che di esso si possono fare in cucina. L'arte culinaria, tuttavia, non ...
  • Decotto carciofo Il carciofo è ampiamente utilizzato in cucina, ma anche nell'ambito fitoterapico, per via delle sue proprietà benefiche di immediata influenza sull'organismo umano. La sua azione più evidente è quella...
  • Estratto secco di carciofo Il carciofo è un prezioso elemento presente nella dieta quotidiana e facile da coltivare in Italia, ma utilizzato anche con precisi scopi fitoterapici: utilizzato anche per tisane e decotti, dal carci...
  • carciofi Il carciofo è un ortaggio abbastanza versatile, che si adatta a qualsiasi tipo di terreno, con una preferenza per i terreni piuttosto profondi, drenati e compatti. Molto importante è l'irrigazione, ch...

Carciofo foglie per tisana o decotto - 100 g - Prodotto made in Italy

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,9€


Decotto di foglie di carciofo

Decotto Preparare il decotto di foglie di carciofo è molto semplice, ma per ottenere gli effetti desiderati e non comprometterne le proprietà curative contenute, bisogna seguire qualche accorgimento, ma soprattutto occorre fare attenzione a non confondere il decotto con la tisana. Il decotto si prepara mettendo in un recipiente le foglie di carciofo essiccate, si aggiunge la quantità necessaria di acqua e si fa bollire per alcuni minuti, quindi si lascia riposare e filtrare con un colino. Per preparare la tisana bisogna far bollire l'acqua e versarla in una tazza dove sul fondo sono state messe le piante da utilizzare. Lasciare riposare per qualche minuto, filtrare e bere. A differenza della tisana, il decotto se tenuto in frigorifero, si può utilizzare più a lungo, anche se non è opportuno superare la settimana.


Le foglie di carciofo in cucina

penne al carciofo Del carciofo non si butta via niente, nemmeno le foglie esterne che vengono scartate perché troppo dure. Le foglie di carciofo vengono impiegate in cucina come ingrediente principale di molte ricette come ad esempio il consommé per la preparazione di antipasti e il pesto come condimento per la pasta. Si prendono le foglie e si stufano in padella con olio, sale, uno spicchio d’aglio e un po’ d’acqua. Quando sono appassite, si passano al passaverdure. La polpa estratta viene trasferita in una pentola e fatta cuocere con del brodo vegetale e una patata lessa passata. Il consommé va servito con crostini di pane spolverati di prezzemolo. Se le foglie invece che passate al passaverdure vengono frullate, si ottiene una cremina che serve per condire la pasta saltata in padella con del parmigiano grattugiato.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO