Ananas

Ananas

Originaria del Sud America e portata successivamente in Europa, l’Ananas, è una pianta della famiglia delle Bromeliaceae . Questa pianta ha un’altezza che varia da 50 a 100 centimetri, e il suo frutto può raggiungere un peso di 5 kg. L’Ananas è costituita da foglie lunghe e con margine seghettato, e hanno una colorazione che varia dal grigio al verde. I fiori, invece, sono di colore rosso e presentano delle foglioline spinose. Al centro di questa pianta, più o meno ogni 18 mesi, cresce il frutto. Il frutto presenta alcune caratteristiche come: la polpa di colore giallo e la scorza marrone formata da placchette unite tra di loro. L’ananas, intesa come frutto, contiene poche calorie; ma contiene una sostanza, la Bromelina, che accelera i meccanismi del metabolismo. Dalle foglie di questa pianta, si ricava una fibra molto utile per la produzione di tessuti e corde. Un’altra cosa da aggiungere è che l’estratto di questa pianta favorisce la digestione, utilissimo per chi soffre di problemi digestivi, e aiuta chi soffre di cellulite.
pianta di ananas

Kitchen Craft MPACORESS Master Class - Affetta-ananas professionale, in acciaio INOX, con maniglia ergonomica in plastica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,69€


Coltivazione

primo piano ananasL’Ananas viene coltivata in zone con un clima tropicale oppure in delle serre calde. Nel caso delle serre, in cui si mantiene una temperatura di 23°C, la pianta fiorisce ogni due anni. Esistono vari tipi di qualità, ma quelle più coltivate sono: la Queen Victoria, la Cayenne liscia e la Red Spanish. La Queen Victoria ha un peso di circa 1 kg ed è molto profumata, il suo frutto ha polpa gialla e soda. La Cayenne liscia, di qualità molto pregiata, è grossa e la sua polpa è dolce e succosa. La Red Spanish, un pò fibrosa, è di media grandezza ed è caratterizzata da una polpa pallida ma aromatica, scorza di colore arancio e un sapore leggermente acido. L’Ananas è una pianta esigente per quanto riguarda le annaffiature, si consigliano irrigazioni regolari e costanti durante il periodo primaverile ed estivo. Nel periodo autunnale ed invernale, le irrigazioni possono essere diminuite. Bisogna fare attenzione a non favorire ristagni nel periodo di maggiore innaffiatura e a non lasciare che la pianta si secchi nel periodo più freddo. Questa pianta non va potata, l’unica accortezza sta nel rimuovere le foglioline secche in modo da non far seccare e ammalare la pianta. Ha bisogno di essere concimata regolarmente da inizio primavera ad inizio autunno con sostanze liquide da diluire in acqua. E’ importante sapere che la pianta non ha bisogno di concimi che contengano solo Azoto, Potassio e Fosforo, ma anche elementi come Ferro, Boro, Zinco, Rame, Manganese e Molibdeno.

  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Frutti di Asimina L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba. È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscag...
  • Frutti di Corbezzolo Il corbezzolo appartiene alla famiglia delle Ericacee, al genere Arbutus ed alla specie unedo. È un piccolo albero sempreverde a lenta crescita, alto mediamente 5-7 m, con una forte attitudine pollo...
  • Frutti di Giuggiolo Il giuggiolo appartiene alla famiglia delle Ramnacee, al genere Zizyphus ed alla specie jujuba. È un piccolo albero, alto mediamente 5 m, con un tronco contorto; ha una crescita lenta, stessa cosa p...

Zuccari Super Ananas Integratore Alimentare per il Peso - Pacco da 30 Bustine x 10 ml - Totale 300 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,05€
(Risparmi 17,9€)


Fitoterapia

Molte piante posseggono delle proprietà che vanno anche oltre la normale definizione salutare che si associa ai prodotti naturali come frutta e verdura; in effetti a tal proposito sono nate nel corso dei secoli delle vere e proprie scienze, atte a studiare quali sono i modi migliori per selezionare, conservare ed utilizzare piante con particolari proprietà: esse sono l’erboristeria e la fitoterapia. Con la seconda che è relativamente più recente della prima e si occupa nello specifico del miglioramento delle funzionalità corporee attraverso i prodotti naturali che invece l’erboristeria classifica e contribuisce a studiare. Negli ultimi dieci anni, seguendo una moda (fortunatamente una positiva …) americana e hollywoodiana dal carattere naturale e salutistico, l’erboristeria e la fitoterapia si stanno prepotentemente diffondendo nel mondo, catturando l’attenzione di un numero sempre maggiore di persone del mondo civilizzato ed industrializzato che spesso sono stanchi e “saturi” di cibi artificiali, dal carattere standardizzato e preferiscono ritornare ad abitudini di un tempo, quando per il mal di pancia non esistevano farmaci antispastici ma la buon vecchia camomilla, quando per calmarsi non c’erano ansiolitici ma la valeriana, e potremmo continuare ancora per molto.


Ananas in fitoterapia

Abbiamo cominciato questo nostro breve trattato parlando dell’ananas, una pianta di origine tropicale ma il cui frutto è molto diffuso nelle abitudini culinarie e viene servito sia come dopo pranzo e sia insieme ad alcuni antipasti ricercati ma sempre molto naturali. In questo caso però vogliamo concentrarci sulle qualità fitoterapiche dell’ananas, le quali sono rilevanti: questa pianta contiene un enzima di nome Bromelina che aiuta moltissimo il dimagrimento, in quanto agisce con azione proteolitica e quindi “distrugge” la gran parte delle proteine che mangiamo in modo da renderne più difficile l’assorbimento. Purtroppo questa sostanza preziosa si trova prevalentemente nel gambo dell’ananas, solitamente non venduto e comunque davvero poco commestibile; certo, ovviamente in piccole quantità essa è contenuta anche nel frutto ma per aiutare davvero il vostro corpo a restare in forma le aziende erboristiche hanno sviluppato degli integratori a base di ananas che presentano una elevata percentuale di Bromelina e quindi fanno molto bene da questo punto di vista. Nello specifico si presentano o in polvere o come compresse: nel primo caso è utile seguire le indicazioni della confezione sulle quantità di acqua in cui discioglierle, mentre per le compresse potrebbe aiutare il consiglio dell’erborista presso cui si acquista il prodotto.




COMMENTI SULL' ARTICOLO