Infuso di camomilla

Help natura

La società moderna ha attraversato un lunghissimo periodo (circa lungo un secolo) in cui ha provato a tutti i costi ad allontanarsi dalla natura e dai suoi meccanismi, studiando ogni modo per produrre artificialmente cose che in realtà esistevano già in natura. Non si capisce il perché di questa operazione di copia, la quale ha generato perdite e pochi profitti, ha comportato lo spreco di idee ed energie, tempo e denaro che potevano essere sfruttate in altro modo, per il semplice scopo di sentirsi “come” la natura, creare, non utilizzare. Non ci siamo resi conto che così non potrà mai essere, non potremo mai metterci alla pari della natura, in quanto anche nei nostri processi industriali in cui crediamo di creare dal nulla, le materie prima sono comunque naturali quindi si tratta come al solito di modifiche, non creazioni. Arrivati quindi al culmine di questo paradossale processo, ci siamo resi conto (anche poi per motivi economici e di inquinamento) che la natura ci offre molto e possiamo usufruirne senza distruggerla: si parla ora di medicina erboristica, si parla di tessuti d’abbigliamento naturali e tanto altro, tutte cose utilizzate un tempo, poi sostituite con artificialità umane e che invece ora ritornano in auge.
fiore di camomilla

Clipper Infuso Camomilla - 20 Filtri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 2,85€


Infusi di erbe

infuso di camomilla Riprendendo ciò che si è accennato sul finire del primo paragrafo, bisogna considerare come un tempo poi non così lontano (dalle prime civiltà fino a circa cento anni fa o poco più) l’unica medicina esistente era quella fatta di infusi, intrugli, soluzioni naturali che medici/maghi/alchimisti proponevano sperimentando di volta in volta e imparando dalla tradizione di millenni di queste tecniche. In effetti non esistevano laboratori, microscopi, ricerca molecolare e forse la chimica moderna non era stata nemmeno concepita (almeno non applicata ai medicinali), quindi le uniche soluzioni di cura con sostanze esterne erano quelle lì appena citate. Principalmente si trattava di infusi di erbe, ovvero di composti fatti da acqua riscaldata in cui si ponevano a scaricare pezzi di piante in modo che le sostanze nutrienti e curative potessero trasferirsi più o meno velocemente dalla pianta alla soluzione. Generalmente si utilizzavano parti secche di piante abbastanza diffuse, e dipendeva molto da pianta a pianta quale parte era: si poteva utilizzare il fiore, oppure la foglia oppure ancora la radice, era tutto parte di un processo sperimentale andato avanti per secoli e di cui si sfruttavano le conoscenze tramandate per lo più per via orale alla stretta nicchia di operatori del settore, visti quasi come santoni.

  • tisana Le tisane sono composte da una miscela vegetale diluita in acqua. La miscela, a sua volta, è composta dalle stesse parti delle diverse piante utilizzate. Queste parti, foglie o fiori, vengono spezze...
  • decotto I decotti sono delle varianti erboristiche delle tisane. Sono, infatti, delle miscele di piante sciolte in un liquido portato in ebollizione ad alte temperature. Con il decotto, la miscela vegetale, ...
  • tisanadrenante_zps29832946 I ritmi forsennati della vita moderna ci costringono ad assumere abitudini frettolose ed altamente dannose per la nostra salute, come posizioni scorrette ed errata alimentazione. Quest’ultima, caratte...
  • mal-di-testa_zps3821c27b Soffrite di acne, gonfiori addominali, pallore e stanchezza? Se la risposta è sì il vostro organismo potrebbe aver accumulato nel tempo sostanze tossiche che vanno adeguatamente eliminate. Quando erra...

Clipper Infuso Dolce Sonno - 20 Filtri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,95€
(Risparmi 0,25€)


Infuso di camomilla

Molti di quegli intrugli curativi creati soprattutto nel medioEvo per curare i malanni di re, principi, regine e damigelle sono andati perduti sia per la loro relativa utilità e sia perché sono passati davvero tanti anni ed un tempo la parte più sicura dove conservare una memoria era un pezzo di carta, dalla resistenza all’usura molto molto bassa come si può immaginare. Uno però è giunto ai nostri giorni ed è comunissimo per via di vere proprietà curative e benefiche per il nostro organismo: l’infuso di camomilla. Questa semplice pianta ha un carattere arbustivo e spontaneo, si diffonde nei climi temperati ed è riconoscibilissima perché i suoi fiori sono molto simili a delle margheritine bianche con la parte centrale (in giallo) più sviluppata ed evidente. Proprio i fiori di camomilla, essiccatti e messi leggermente al macero, sono l’ingrediente base per una tisana frequentemente utilizzata tuttora. In realtà di recente la forma più commercializzata è il filtro, fatto di parti essiccate e sminuzzate, comodissimo per preparare rapidamente la tisana immergendolo per qualche minuto in acqua calda; in erboristeria però si possono trovare i fiori di camomilla freschi o in processo di essiccazione, e si può provare a fare in proprio questa tisana.


Utilità

Parlando dell’infuso di camomilla, tutti noi siamo passati per quel periodo di nervosismo o per quella giornata di mal di pancia in cui qualche saggio ci ha detto “ma fatti una camomilla!”. Lì per lì, un po’ per i nostri sintomi ed un po’ per il tono con cui questa frase viene detta, ci capita di prendere male questo consiglio. In realtà esso è preziosissimo, perché la camomilla è un calmante dall’azione molto potente ma senza alcun effetto collaterale tipico di farmaci con la stessa azione. Essa, attraverso una combinazione di sostanze che contiene, riesce ad agire sulle fasce muscolari e sui nervi di tutto il corpo, eliminando la tensione e contribuendo al rilassamento generale. Pochi sanno infatti che i mal di pancia sono spesso provocati dall’eccessiva tensione dei muscoli addominali, causata chiaramente da un malessere dell’apparato digerente o da altri apparati presenti nel nostro addome. Non solo, questo relax generale chiaramente aiuta anche il sonno, soprattutto in quei casi in cui esso ci è privato da preoccupazioni, pensieri ed altre situazioni di stress comuni oggigiorno sia per questione di studio che lavorative, ma non solo. E’ da provare, anche come tisana giornaliera per contrastare il freddo delle sere invernali.




COMMENTI SULL' ARTICOLO