Tintura madre betulla

Le proprietà della betulla

La betulla è in assoluto tra le piante più sfruttate in ambito erboristico a scopo depurativo, poiché dotata di particolare efficacia nonché di facile reperibilità e lavorazione. Le foglie di betulla e le gemme sono le parti maggiormente sfruttate, in quanto ricche di flavonoidi, ossidi sesquitepenici, tannini (leucoantocianidine), Vitamina C, acido betulinico, clorogenico e caffeico, resine e olii essenziali.Tali sostante conferiscono alla pianta un potente effetto depurativo per l'organismo, i cui risultati sono ulteriormente enfatizzati dalle proprietà diuretiche e dalla capacità di stimolare il sistema linfatico. Per questo prodotti a base di betulla sono largamente utilizzati per chi necessita di periodi depurativi, ma anche in abbinamento a una dieta, per favorire la depurazione dell'organismo e stimolare la diuresi. La tintura madre di betulla è quindi sfruttata anche per combattere la ritenzione idrica, nonchè il colesterolo alto, proprio grazie alla stimolazione dell'eliminazione delle sostanze presenti in eccesso nell'organismo.

Tintura madre di betulla

BETULLA COMPOSTA 100 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12€


Tintura madre

Tintura madre di betullaLa tintura madre è ampiamente utilizzata in erboristeria e in fitoterapia perché permette di sfruttare appieno tutte le proprietà benefiche delle piante senza comportare l’utilizzo di sostanze chimiche in fase di lavorazione. La tintura madre viene infatti ottenuta tramite macerazione, in questo caso delle foglie e delle gemme di betulla, in alcool, che può essere diluito con acqua senza per questo perdere le sue proprietà estrattive. In particolare, la tintura madre si differenzia dagli altri prodotti ottenuti tramite macerazione poiché il risultato finale deve contenere elementi in proporzioni determinate: la quantità di droga fresca e la quantità di solvente devono essere in rapporto 1:10, ovvero un chilo di droga fresca deve essere presente ogni 10 chili di solvente. La tintura madre viene in questo modo denominata perché può essere utilizzata come prodotto finito, oppure essere sfruttata per la realizzazione di ulteriori prodotti, definiti in questo caso tinture figlie. La tintura madre di betulla si presenta dunque come un prodotto liquido, che può essere immediatamente utilizzato in particolare con funzione depurativa ed associato ad altre sostanze naturali per una maggiore efficacia e per costituire un rimedio il più possibile mirato in base al tipo di disturbo per il quale la tintura madre viene assunta.


  • tintura madre In erboristeria, la tintura madre è un composto liquido ottenuto dall’ immersione e conservazione della pianta fresca, o di parti della pianta, in una soluzione di acqua ed alcool. La pianta, o alcun...
  • calendula1 Le tinture madri sono dei composti molto usati in erboristeria ed ottenuti dalla macerazione idroalcolica della pianta fresca. Una delle tinture madri più conosciute ed utilizzate dai sostenitori dell...
  • propoli La propoli è una sostanza prodotta dalle api durante la loro attività di impollinazione. Si forma dalle resine che gli insetti raccolgono quando si depositano sulle gemme. Queste sostanze vengono misc...
  • pilosellatm_zpsdd3e8521 In campo erboristico esistono molti preparati utili a risolvere fastidi di uso comune. In questo ampio catalogo di prodotti spiccano sicuramente le tinture madri, ovvero estratti di pianta fresca fat...

BETULLA estratto idroalcolico 50 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,5€


Benefici della tintura madre di betulla

Tintura madre di betullaCome visto, l'efficacia della betulla fa sì che essa trovi vasto impiego nel campo dell'erboristeria e che quindi possa essere sfruttata anche in presenza di disturbi e sintomi di variegata natura. La tintura madre di betulla viene utilizzata nelle cure dimagranti come coadiuvante per l'eliminazione delle tossine e delle sostante in eccesso, ma anche in situazioni di ritenzione idrica poiché è in grado di contrastarne gli effetti stimolando la diuresi. Si rivela, di conseguenza, un efficace strumento di difesa per coloro che sono soggetti a problemi legati alla ritenzione, come gonfiori e pelle a buccia d'arancia. Gli effetti positivi di tale azione depurante si riflettono anche sul colesterolo e sulla pressione sanguigna, che a fronte dell'effetto depurativo non viene alterata, nonché sui reni e sul fegato, che risulteranno meno appesantiti. In alcuni casi la tintura madre di betulla viene consigliata anche in presenza di calcoli, nonchè di problemi digestivi di varia natura e di sintomi reumatici, che possono trovare sollievo grazie all'assunzione dei principi attivi di cui le foglie e le gemme di betulla sono ricchi.


Tintura madre betulla: Assunzione della tintura madre di betulla

Tintura madre di betullaData la versatilità di questo rimedio naturale, l'assunzione della tintura madre di betulla può essere consigliata a persone con sintomi e disturbi diversi, ma periodi di assunzione e dosaggio giornaliero devono essere concordati con l'erborista o il proprio medico di fiducia, in base alle necessità del singolo individuo. In linea generale, la media delle assunzioni giornaliere si aggira intorno alle 40 gocce, mentre solitamente non vengono superate le 180 quotidiane, con somministrazione suddivisa nell'arco della giornata e lontano dai pasti. Il composto viene venduto in forma liquida e può essere assunto senza diluizione in acqua. La tintura madre può però essere associata ad altri elementi di origine naturale che possono garantire una migliore efficacia, a seconda dello scopo per il quale la tintura madre viene assunta, combinando così le proprietà benefiche di ciascun elemento. Per la cura della cellulite, ad esempio, è particolarmente indicata la centella asiatica, che aggiungerà alle proprietà depurative della betulla anche una positiva azione sulla microcircolazione. Essa può essere inoltre associata a piante in grado di effettuare un'azione protettiva nei confronti delle infezioni dell'apparato urinario, soggetto a maggiori sollecitazioni: anche in questo caso, la migliore combinazione è ottenibile tramite un'attenta analisi del disturbo da fronteggiare e delle proprietà specifiche delle singole piante, per un composto studiato su misura e dunque ulteriormente efficace.



COMMENTI SULL' ARTICOLO