Potassio concime

Equilibrio naturale

La natura, quale ente creatrice di ogni cosa che possiamo ammirare intorno a noi, ha una potenza straordinaria; essa si fonda su due principi generali, che possono essere riassunti con le parole “evoluzione” ed “equilibrio”. Se la prima di esse, scoperta e regolamentata dagli eccezionali studi di Charles Darwin, è nota al grande pubblica ed è comprovata e verificabile continuamente (basterebbe osservare gli scimpanzé e confrontarli con noi esseri umani, alcuni loro atteggiamenti sono straordinariamente simili ai nostri), la seconda è sì un concetto filosofico ed universalmente riconosciuto, ma non viene frequentemente applicato alla natura. Eppure in essa ci deve per forza essere un perfetto equilibrio, perché questa giostrina che noi chiamiamo Terra con tutti i suoi abitanti va avanti da qualche milione di anni; dato che in essa intervengono vari milioni di specie diverse, se non ci fosse un equilibrio straordinario, ciò non sarebbe possibile! Ecco perché anche l’equilibrio naturale sarebbe da celebrare come la teoria evoluzionistica, perché è allo stesso modo fondamentale per la vita; l’unica cosa che viene da pensare è che non se ne parli molto perché è diventato palese che l’elemento di disturbo dell’equilibrio naturale sia proprio l’essere umano: alcune sue attività (nostre attività) sono giunte a disturbare un bel po’ quelle degli altri elementi ed “attori”, a volte in modo catastrofico.
concime potassio

CONCIME ORGANICO RICCO DI POTASSIO PHENIX SACCO DA 25 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 35,9€


Concimazione

operazioni concimazionePer coloro i quali hanno quella diffusissima e salutare passione per il giardino, il concetto di equilibrio naturale e di equilibrio del terreno dovrebbe essere più che noto: è infatti risaputo che un terreno, per poter garantire la crescita sana e completa della maggior parte delle specie vegetali, debba essere necessariamente dotato di quasi tutte le sostanze basilari che devono nutrire ed alimentare i processi naturali. Ma come si fa a garantire l’equilibrio del terreno? Molti di noi, alle scuole medie, hanno di certo studiato che un tempo si praticava la rotazione delle coltivazioni, solitamente su un ciclo di quattro fasi di cui una era di riposo (terreno incolto). Questo perché ogni pianta assorbe una o più determinate sostanze in particolare, mentre ne lascia delle altre nel terreno: se si facesse sempre la stessa coltura, le prime scarseggerebbero mentre le seconde sarebbero sovrabbondanti, ecco quindi che si ruota. Ma il vero segreto del perfetto equilibrio della terra è la concimazione: con questo termine si indica tutto ciò che mira a donare al terreno quelle sostanze nutritive che poi saranno assorbite dalle piante e che dovranno contribuire alla loro crescita perfetta.

  • Il Frutto della actinidia chinensis L’actinidia appartiene alla famiglia delle Actinidiacee ed all’omonimo genere; le specie più importanti sono Actinidia chinensis, quella maggiormente coltivata, e Actinidia arguta, avente frutti picco...
  • piante giardino Per svilupparsi nel migliore dei modi, le piante, necessitano di essere nutrite ed annaffiate in modo costante. Gli elementi nutritivi di cui hanno bisogno li prendono dal terreno utilizzato per la co...
  • Piantine di piselli Non si hanno notizie precise riguardo le origini, probabilmente i primi piselli sono nati in Asia e diffusi successivamente in Europa. Conosciuti dai greci e dai romani vengono infatti citati da diver...
  • Ossido di potassio L'ossido di potassio è molto importante per le piante, poiché il potassio, insieme all'azoto e al fosforo, forma il gruppo dei macroelementi. Fra gli elementi nutritivi il potassio fa parte di quelli ...

"KAPPA 28/8" CONCIME A BASSO TITOLO IN CLORO A BASE DI POTASSIO (28%) E MAGNESIO (8%) E ZOLFO (23%) IN CONFEZIONE DA 25 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,5€


Concime e potassio

Dopo vedremo quali sono metodi e principali elementi di coltivazione, ora parliamo del potassio: esso è uno dei tre macro-elementi, ovvero di quegli elementi nutritivi fondamentali che non possono mai mancare alla pianta. Nello specifico l’elemento chimico potassio (indicato con la lettera K) risulta assimilabile con grande facilità e velocità dalle piante, nelle quali facilita l’assorbimento dell’acqua, la sintesi delle proteine e quindi la produzione dell’ATP ed innalza la resistenza generale della pianta, sia al gelo e sia agli attacchi dei parassiti. Esso è molto molto presente in tutti i terreni, anche in Italia, ma c’è da fare un’importante distinzione tra le varie forme in cui si può trovare perché non tutte sono assimilabili dalle piante. La forma reticolare è quella intrappolata delle molecole di feldspati e fillosilicati (rocce) e non è per nulla assimilabile dalle piante, così come la forma fissata che si trova nelle argille. Invece le forme adsorbita e diluita sono assimilabili da tutte le piante (soprattutto la seconda, mentre per la prima c’è qualche eccezione) ed infatti sono queste le forme con cui si fa la concimazione artificiale, cioè quella fatta dall’uomo.


Potassio concime: Elementi naturali di concimazione

Abbiamo detto tutto quanto di importante c’è da sapere sul potassio, ora proviamo ad inquadrarlo nel vasto panorama della concimazione e dei concimi utili alle piante. Il potassio, come accennato, è uno dei tre macroelementi, ovvero è parte di quel gruppo di tre elementi chimici di base senza i quali nessuna pianta potrebbe sopravvivere; essi sono: azoto, fosforo e potassio. Detto del potassio, il fosforo è un elemento di cui la pianta non necessita in generale mai in quantità abbondanti, ma risulta fondamentale in alcune fasi specifiche come la fioritura e la maturazione dei frutti (momento in cui interviene anche il potassio nel dare il sapore, attraverso gli zuccheri). L’azoto invece, elemento estremamente comune anche nell’aria che respiriamo (ne è praticamente l’ottanta percento), è l’elemento base di ogni proteina, pertanto si lega allo sviluppo proprio della pianta ed interviene anche nel regolamentare qualità e quantità di clorofilla circolante; è da concimare nel periodo successivo alla semina, subito dopo. Al fianco di questi macroelementi, ci sono i microelementi, ugualmente importanti ma meno fondamentali; alcuni di essi sono il calcio, lo zolfo, il magnesio ed il cloro. Per quanto riguarda i metodi di concimazione, è importante precisare che esiste sia la coltivazione biologica che quella chimica; quella biologica, ovvero fatta solo con elementi naturali e senza né lavorazioni e né aggiunta di additivi chimici, è storica e si basa sulla grande potenza del letame, ovvero escrementi di animali da pascolo come mucca e cavallo.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO