Innesto piante

Le caratteristiche di un innesto

Gli innesti, sia sulle piante da frutta che sulle piante grasse o succulente, prendono nomi diversi ma seguono la medesima regola base: aggiungere una parte vegetativa differente alla pianta madre. Normalmente gli innesti si eseguono inserendo nella parte bassa della pianta "portainnesto", un rametto o una gemma di una pianta di altro tipo. Vanno effettuati innesti solo tra piante appartenenti alla stessa famiglia o macro famiglia, comunque con piante che abbiano delle affinità. Un esempio classico è l'innesto del pero sul melo. Il risultato è una pianta più resistente alle malattie e i frutti più gustosi e sugosi. Innestare piante lontane geneticamente tra loro, può portare alla morte della pianta "portainensto", quindi sono fortemente sconsigliati. Una forte "disaffinità" altera i tessuti del parenchima vegetale, alterazione che impedisce alla pianta di nutrirsi in modo corretto inibendo la crescita, portandola quindi alla morte.
Innesto di pero su melo

AGPtek professionale Fruit Tree Branch innesto taglio Strumento Pruner 2 lame di ricambio con nastro adesivo innesto (Nero)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,99€


Innestare una pianta da frutta

Innesto a gemma Vediamo nello specifico un innesto su di una pianta da frutta. La tecnica più utilizzata per questo tipo di piante si chiama: a occhio o a gemma. Consiste nell'individuare un robusto "portainnesto", ad esempio un melo. Scelto il ramo adatto, che dovrà essere di circa 4 o 5 centimetri di diametro, effettueremo un taglio a T nella corteccia, rialzandola leggermente con il coltellino da innesto. Da una pianta sana di pero, preleveremo invece l' occhio o gemma, che andremo ad inserire nel portainnesto in precedenza preparato. Utilizzando della rafia o nastri apposti, andremo a chiudere per bene il taglio a T, in modo che la gemma sia a stretto contatto con la parte legnosa della pianta madre. Quando avrà attecchito, l'innesto va liberato dal nastro. Così facendo avremo un ramo nuovo, che crescendo darà frutti gustosi. Questi innesti vanno fatti su tutti i rami del portainnesto, quindi sarà bene utilizzare una pianta madre giovane e poco ramificata. I rametti che nasceranno in seguito, dall'innesto in su, saranno della qualità della gemma inserita.

  • innesto L’innesto è una tecnica agraria che consente di riprodurre la pianta unendo tra loro due specie vegetali diverse. L’innesto viene frequentemente praticato per gli alberi da frutto, in modo da ottener...
  • innestipiante Gli innesti sono delle tecniche di propagazione vegetale effettuate per migliorare la resa estetica e produttiva delle piante. La loro esistenza viene, dunque, giustificata dagli stessi obiettivi del...
  • innesti1-1 Gli innesti comprendono una serie di pratiche colturali finalizzate al miglioramento estetico e produttivo della pianta. Gli innesti sono anche dei metodi di propagazione di alcune specie vegetali che...

Mastice per innesti e ferite delle piante Arbokol Classic confezione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,07€


Innesto su piante grasse

Innesto su pianta grassaPer le "succulente" o piante grasse, valgono più o meno le stesse regole che per le piante da frutta. Su questo tipo di piante, in genere, si utilizza il sistema di innesto detto "a spacco". Consiste nel tagliare orizzontalmente il "portainnesto" e praticare un taglio verticale profondo circa 3 centimetri. Nello "spacco" si andrà, a questo punto, ad inserire il vero e proprio innesto. Invece di utilizzare nastri, rafia o mastici, come per le piante da frutta, sulle piante grasse la parte innestata andrà fermata con l'ausilio di elastici. Verranno poi tolti una volta che la parte "ferita" si sarà rimarginata a dovere, ricostruendo una pellicola a protezione della polpa. Per effettuare un innesto su di una pianta grassa, è necessario utilizzare un coltello molto affilato, in modo che il taglio risulti perfetto. La parte che viene inserita nello "spacco" viene denominata "marza".


Innesto piante: Il periodo dell'innesto

Innesto a spacco I periodi giusti per innestare, ovviamente, variano da specie a specie. Si può innestare sia in primavera che in autunno, ma anche in estate o in inverno. Il tipo di innesto determina anche il periodo. Il primo che abbiamo preso in considerazione, quello a "gemma", andrà effettuato in primavera, in modo che la parte innestata, appunto la gemma, possa attecchire con maggior velocità. In primavera la pianta è in grado di sviluppare il maggior sforzo di crescita, favorita anche dalle condizioni climatiche ottimali, né troppo caldo e né troppo freddo; soprattutto però, in primavera la pianta secerne una maggior quantità di linfa che viene "spinta" verso la parte superiore della pianta, mentre in inverno, sviluppa maggiormente l'impianto radicale. L'innesto a "spacco", invece, viene praticato principalmente a fine inverno, dando così modo alla pianta madre di saldare le due parti, senza che ancora venga innescato il processo di fogliazione, che andrebbe a sottrarre elementi nutritivi alla parte legnosa interessata.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO