Potare la vite

Potare la vite: informazioni generali

Potare la vite, a differenza di altre azioni compiute in campo agricolo, non è una pratica che può essere messa in atto da chiunque. Occorre prima di tutto aver acquisito, col tempo e la pratica, le giuste conoscenze. La potatura risulta essere una pratica assai impegnativa per lo stesso viticoltore, il quale deve attuare delle azioni specifiche, conoscere non soltanto il proprio vigneto ma anche gli strumenti che occorrono e quali rami recidere. L’obiettivo della potatura è quello di migliorare non soltanto la produzione, anche l’aspetto qualitativo, quantitativo ed estetico, sono dei fattori da non sottovalutare. Avere delle viti dotate di un ottimo sviluppo vegetativo significa avere delle uve di qualità e quantità maggiori. Per quanto riguarda i periodi di potatura delle piante, non c’è una stagione ben precisa in cui metterla in atto, tutto dipende dagli esemplari, dalle specie di appartenenza e dalla condizione climatica a cui le viti sono soggette.
Esempio di vigneto

Ausonia 31134 Vite professionale-Forbici 5 arancione, 21 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 35,5€
(Risparmi 8,9€)


Potare la vite: tipi di capi

Esempio di vite dopo la potatura Prima di procedere con le tecniche atte a potare la vite, è conveniente essere messi a conoscenza della presenza dei capi da frutto e di quelli a legno. Questi ultimi sono dei tralci che non producono i frutti d’uva per cui sono proprio quelli che devono essere soggetti a potatura. I capi a frutto invece sono quelli che dalle gemme daranno vita ai grappoli d’uva. In linea generale non vi è una distinzione evidente tra quelle che sono le gemme che daranno vita ai grappoli d’uva e quelle che svilupperanno un germoglio legnoso. Ciò dipende, sommariamente, dalla struttura del vigneto e dalla sua varietà di appartenenza, e dalle condizioni climatiche che le stesse viti hanno vissuto durante la stagione primaverile. Occorre sempre tenere bene a mente che, la vita di ogni specie e il suo livello di produzione varia secondo le tecniche di potatura messe in atto dal viticoltore. Successivamente alla distinzione dei capi, occorre distinguere il periodo di potatura che varia secondo le gelate e le temperature invernali. Nei luoghi freddi occorre far ricorso alle potature a verde. Questa pratica si mette in atto durante la stagione estiva.

  • potatura uva fragola Per comprendere come potare la propria vite da tavola, bisogna prima conoscere come questa cresce in natura: la potatura infatti riguarda la crescita, il carico di raccolto e la qualità del vino. Soli...
  • Pergolato di vite La potatura è un intervento dell'uomo sulla pianta, ed è anche la tecnica più importante e più efficace che consente al viticoltore di intervenire e regolamentare la produzione e lo sviluppo futuri de...
  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...

Tubo irrigazione estendibile: 30mt (in pressione max) X-ORIGINALE Rivoluzionario. Fornito con 2 raccordi finali + sempre IN OMAGGIO FORBICE DA GIARDINO (forbice da potare) e a volte anche [vedi se foto attuale inserito] spruzzino OMAGGIO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,4€


Quando potare la vite

Potatura della vite Prima di poter potare la vite occorre che l’apparato fogliare sia completamente caduto, fino alla stagione invernale, avendo il culmine tra i mesi di gennaio e febbraio. La potatura non deve avvenire sempre alla stessa maniera, occorrerà primariamente analizzare le condizioni del vigneto e da qui procedere con la recisione dei rami. Se ad esempio ci si trova davanti un vigneto debole, bisogna attuare una potatura molto misurata, ricordando di non lasciare troppe gemme sui tralci da frutto. In questa maniera, l’anno successivo le viti avranno un rinvigorimento e quindi una maggior produzione di uva e un miglioramento del loro stato di salute. In altre parole, davanti a un vigneto debole si tagliano più gemme possibili, davanti a un vigneto forte e vigoroso, la potatura dovrà essere minore. Oltre al numero di gemme da lasciare sulle piante, occorre calcolare che i tralci da frutto devono avere la giusta esposizione solare e di aria, per cui, eliminare quelli più interni della pianta e fare in modo che si sviluppino all’esterno della parte aerea della vite.


Come potare la vite

Esempi di potatura Per potare la vite, tra cui quella da tavola, si possono ricorrere a due principali metodi: Guyot semplice e quello a cordone speronato. Attraverso il primo metodo si eliminano tutti i rami vecchi escludendo quello più robusto, il quale sarà in seguito piegato, legato e accorciato, lasciando circa 7/9 gemme secondo l’età della pianta. Questo tralcio resistente e vigoroso (capo a frutto) sarà quello che darà vita alle fruttificazioni estive. Oltre al capo a frutto, si lascia un rametto (sperone) con alcune gemme. Quest’ultimo altro non è che il tralcio a frutto dell’anno prossimo. Il metodo a cordone speronato prevede che i tralci della vite crescano in orizzontale e perpendicolari al terreno. Al tralcio da frutto si lasciano circa 5 speroni ben distanziati tra loro, e su ognuno di essi devono esserci circa 3 gemme. In questa maniera, nel caso di gelate, si ha la certezza che almeno una gemma non verrà bruciata dal gelo. Questa pratica, rispetto al metodo Guyot (la pianta invecchia più tardi), richiede meno cure e la potatura è più veloce perché, il metodo a cordone permette l’uso di forbici elettriche e pneumatiche.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO