Potatura olivo

Potatura olivo

La potatura è una tecnica colturale che serve a migliorare la crescita delle piante e la loro fruttificazione. Infatti, questa tecnica viene abbondantemente praticata sugli alberi da frutto, sia ornamentali che produttivi. La potatura non è sempre necessaria per tutte le piante, ma in alcune di esse, caratterizzate da una crescita troppo vigorosa e disordinata, diventa indispensabile, specie se si vuole mantenere una corretta forma della pianta o se si vogliono ottenere dei frutti più sani e facilmente commercializzabili. Per queste sue peculiarità, la potatura trova la sua applicazione ideale nelle piante arbustive. Tra gli alberi soggetti a potatura, troviamo anche l’olivo. Questo arbusto, originario del Medio Oriente, è ormai ampiamente coltivato in Europa, con un primato produttivo che riguarda Italia, Spagna e Francia. L’olivo viene coltivato per la produzione dei suoi frutti, ovvero le olive, da cui si estrae anche l’olio, che in base al suo grado di purezza ed alla qualità viene classificato in extravergine o vergine. In questi risultati produttivi c’entra molto spesso anche la potatura, che seleziona le parti produttive dell’albero, eliminando quelle sterili o inutili. L’olivo può essere anche coltivato in giardino per scopi ornamentali. Anche in questo caso non si potrà fare a meno della potatura, che accompagnerà la crescita dell’albero condizionandone la forma e il portamento.

olivo3

Stocker - Seghetto fisso Gomtaro 24 cm per potatura olivo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 51,02€


Obiettivi potatura ulivi

potaturaolivo Gli obiettivi principali della potatura dell’olivo sono stati in parte segnalati al paragrafo precedente e si possono semplicemente riassumere in due concetti: produttivi ed ornamentali.

La potatura per finalità produttive tende ad eliminare i rami secchi e inutili dell’albero, per lasciare ampio spazio a quelli da cui si svilupperanno le olive.

La potatura dell’olivo, per scopi di produzione, può anche servire ad eliminare alcuni rami produttivi, in modo da favorire l’emissione di nuovi germogli. Tanti anche gli obiettivi estetici della potatura dell’olivo, finalizzata ad asportare rami che crescono disordinatamente compromettendo la forma della chioma.

Molti rami in eccesso vengono anche eliminati perché impediscono la penetrazione dei raggi solari nei rami fertili, i quali, non riuscendo ad effettuare la fotosintesi, rischiano a loro volta di seccarsi e di non produrre frutti. Si eliminano per fini estetici anche i rami grossi che tendono ad incrociarsi l’uno con l’altro deturpando la parte centrale della chioma, o i rami esterni o laterali che si sviluppano anche negli olivi ornamentali da giardino.

Questi rami, continuando a crescere, tenderebbero a spezzarsi ed a cadere anche in prossimità del tetto dell’abitazione, causando dei danni più o meno gravi.

  • Una pianta di olivo L'olivo è una pianta molto longeva: inizia a dare frutti dal terzo-quarto anno di vita per poi entrare in piena produttività dal nono-decimo. Dato che raggiunge la maturità dopo i 50 anni, non stupisc...
  • Potatura di un albero di ulivo C'è una credenza diffusa nel mondo del giardinaggio fai da te. Secondo i meno esperti, infatti, quella della potatura è, in generale un semplice taglio di rami per fare spazio alle crescita di nuovi. ...
  • Alberi di olivo Prima di chiedersi quale sia il periodo migliore per la potatura di un'olivo è importante ricordare che è un albero sempreverde, capace di raggiungere grandi dimensioni. Si deve quindi tenere conto de...
  • Magnifico esemplare di olivo L’olivo fa parte della famiglia delle "Oleacee", che comprende, a sua volta, piante caratteristiche delle zone calde. È una pianta sempreverde e se il clima glielo permette, non rallenta la sua cresci...

Bellota 3504-23-forbici potatura forgiate

Prezzo: in offerta su Amazon a: 35,21€


Come potare l'olivo

potareolivo2. La potatura è una pratica colturale che si avvale di diversi metodi, tra cui i tagli di alcune parti vegetali, lo spostamento manuale dei rami, l’eliminazione dei germogli, ecc.

Nell’olivo, la parte più importante della potatura è rappresentata dai tagli, cioè dall’eliminazione o dal raccorciamento di alcune parti dell’albero, specie rami e branche. Nell’olivo, i tagli di eliminazione superano quelli di raccorciamento, che vengono anche definiti tagli di ritorno.

La maggior parte dei tagli di potatura dell’olivo sono di eliminazione di rami grossi, antiestetici, deturpanti della chioma, vecchi ed improduttivi. Nell’olivo vanno tagliati anche i rami che tendono ad allungarsi, i polloni ed i succhioni. I primi sono rami improduttivi chiamati anche di prolungamento, i secondi, che si sviluppano sulla parte basale dell’albero, sono ugualmente improduttivi e vanno tagliati.

Gli ultimi, ovvero i succhioni, che si sviluppano sempre nella parte basale, possono essere improduttivi solo nel primo anno, mentre in alcune varietà di olivo tendono a fruttificare a partire dal secondo. Per cui, se si vuole che questi rami fruttifichino, è meglio praticare dei tagli di ritorno, cioè di raccorciamento. I tagli di ritorno si possono anche praticare sui rami fertili dell’olivo, che emetteranno nuovi getti migliorando la fioritura e la fruttificazione.



I tagli di potatura dell’olivo vanno praticati individuando con esattezza le parti da tagliare, in modo da non commettere errori e da non eliminare le parti utili dell’albero. Prima di procedere con i tagli bisogna anche chiedersi il motivo della presenza di molti rami improduttivi, quali i polloni ed i succhioni, che possono indicare uno squilibrio vegetativo dell’albero, causato da precedenti errori colturali.


Tipi di potatura olivo

potareolivo3. In base alla tecnica, agli obiettivi ed al momento in cui viene effettuata, si distinguono diverse tipologie di potatura. Questo concetto vale anche per l’olivo, che potrà subire una potatura di impianto, di allevamento o formazione, di ringiovanimento, di riforma e di fruttificazione.

La potatura di impianto si pratica agli inizi dello sviluppo della pianta, cioè dopo un certo lasso di tempo dalla prima messa a dimora dell’albero. La potatura di allevamento o di formazione si effettua, invece, durante la crescita della pianta giovane, per condizionare la forma della chioma e l’intero portamento della pianta. La potatura di ringiovanimento si pratica, invece, negli alberi vecchi e consiste in genere, nel tagliare rami vecchi, secchi o improduttivi. La potatura di riforma consiste nel tagliare rami danneggiati da avversità o malattie, per ridare una forma migliore alla chioma, mentre quella di fruttificazione serve a migliorare la qualità e la quantità dei frutti.

Tutte queste tipologie di potatura, ad eccezione di quella di fruttificazione, che può servirsi anche dei tagli di rinnovo delle branche più giovani, si effettuano tramite tagli di eliminazione, che portano a una consistente sfoltitura della chioma dell’albero. La potatura di eliminazione può anche non essere necessaria nelle piante più giovani, specie nei primi due anni, mentre va praticata negli alberi più maturi. In base alla quantità di rami asportati si parla di potatura leggera o pesante. È leggera la potatura che asporta non più del 20% della chioma dell’albero, viceversa si parla di potatura pesante.


Come effettuare i tagli di potatura

I tagli di potatura, sia nell’olivo che in qualsiasi altra pianta, vanno effettuati in maniera netta e precisa e senza lasciare segni e ferite sul legno che potrebbero difficilmente rimarginarsi. Se il legno dei rami dovesse presentare sfilacciature, vorrà dire che la potatura non è stata eseguita correttamente. Le ferite e le sfilacciature sul legno si evitano usando attrezzi per potatura con lame pulite e ben affilate.

Si procede individuando le zone da potare e poi tagliando i rami più grandi, partendo dall’alto verso il basso. Vanno tagliati anche i rami che si incrociano l’un l’altro, i polloni ed i succhioni. In questo caso, vista la posizione dei rami, il taglio dovrà partire dalla parte basale. Da tagliare anche i rami troppo ravvicinati, perché la distanza ideale tra un ramo e l’altro deve essere di almeno cinquanta centimetri. Vanno rimossi anche i rami cresciuti nella direzione opposta al vento. Questi rami vanno tagliati solo se l’albero è esposto in zone caratterizzate da forte vento, perché potrebbero deformare la chioma facendole assumere un portamento asimmetrico.



Negli alberi con più di due anni si possono praticare anche i tagli di ritorno, cioè il raccorciamento dei rami produttivi. Per evitare di accorciare quelli più giovani della chioma, si può procedere ad accorciare quelli alla base del tronco, facendo attenzione a non recidere il collare, cioè quella parte di legno che unisce il tronco al ramo.

Il collare è una forma di protezione dell’albero, che impedisce la penetrazione di agenti infettivi, quali virus, batteri e funghi. Se l’olivo si presenta piuttosto sano e vegeta regolarmente è possibile accorciare anche i rami produttivi della chioma. Nell’albero adulto bisogna tagliare anche i rami laterali, per favorire l’emissione dei frutti nella parte centrale della chioma.


Attrezzi per potare olivo

olivo aperto Per potare l’olivo, come già detto, si usano appositi attrezzi per potatura o da taglio. Tra questi troviamo le forbici, le cesoie, la motosega, il segaccio, la roncola e il coltello. Le forbici e le cesoie sono degli attrezzi simili costituiti da un’impugnatura e da lame di taglio ben affilate ed arcuate. Possono essere manuali o automatiche e consentono di tagliare i rami più giovani e sottili.

Con la roncola, il segaccio e la motosega si procede, invece, a tagliare parti dell’albero più robuste e con diametro maggiore. Gli attrezzi per potatura devono avere lame lucide, pulite e ben affilate. In caso di attrezzi con lame già usate diverse volte, è meglio procedere alla loro sostituzione. La pulizia e la disinfezione degli attrezzi per potare l’olivo può essere effettuata usando dell’alcool.

Prima di usare questi attrezzi è necessario di munirsi di una tuta da giardiniere che faciliti i movimenti di taglio e di un paio di guanti per potatura realizzati in materiale antiscivolo, antitaglio ed anatomici, che permettano una corretta presa degli attrezzi, senza rischio di procurarsi tagli e ferite alle mani. Le ferite di taglio all’albero di olivo,invece, se piccole, non richiedono procedure di disinfezione, mentre quelle più grandi, che faticano a rimarginarsi in tempi brevi, vanno protette con composti a base di rame o con cicatrizzanti in crema che impediscono lo sviluppo di malattie dell’olivo, tra cui la rogna.


Epoca della potatura olivo

La potatura dell’olivo giovane si effettua ogni due anni, mentre quella dell’albero adulto si può praticare ogni anno. Per quanto riguarda la stagione della potatura, è preferibile eseguirla in inverno o primavera, tra marzo e maggio, nel periodo della fioritura.

Prima di effettuare i tagli è meglio aspettare temperature miti, perché quelle invernali o troppo basse, impediscono la cicatrizzazione delle ferite del legno. La comparsa improvvisa di rami secchi o improduttivi può essere potata in qualsiasi momento, anche se è preferibile aspettare sempre temperature gradevoli.


Capitozzatura olivo

La capitozzatura è una forma di potatura molto aggressiva e violenta, rientrante negli interventi di potatura straordinaria dell’olivo. La capitozzatura comprende due tipi di tagli: l’accorciamento delle branche primarie e la stroncatura. Le branche primarie sono i rami più grossi dell’albero, che costituiscono la struttura portante della chioma.

Questi rami vengono accorciati per ridurre i costi della potatura di produzione che dovrebbe essere effettuata scegliendo attentamente un certo numero di branche da potare. La capitozzatura, invece, accorcia l’albero di netto, in un’unica soluzione, ricorrendo ad attrezzi manuali o meccanici che riducono la frequenza degli interventi sui singoli rami. La stroncatura consiste, invece, nell’asportare completamente la chioma dell’albero, lasciando un fusto monco.

Questa pratica non è più considerata utile per la salute degli alberi e viene praticata solo su olivi che hanno subito danni alla chioma a causa di avversità o malattie. L’asportazione completa della chioma danneggiata dovrebbe servire alla rigenerazione della nuova chioma.


Valore terapeutico degli ulivi

olive Dell’olivo si utilizzano le sue foglie, occasionalmente i suoi frutti e soprattutto è possibile ottenere il famoso olio di oliva. L’infuso delle foglie di olivo, ha un effetto leggermente lassativo ma viene soprattutto apprezzato per la sua capacità di controllare i livelli di ipoglicemia, pressione alta e l’eccesso di zuccheri nel sangue.

L’olio di oliva si utilizza inoltre per aumentare il colesterolo buono e diminuire quello cattivo. Migliora il funzionamento dello stomaco, del pancreas e in generale le funzioni metaboliche, ha un effetto protettore e tonico per la nostra pelle e stimola la crescita.


Potatura olivo con motosega

Apriamo questa parentesi per chiarire una questione alla quale spesso ci troviamo a rispondere nelle domande dei nostri lettori, relativa alla potatura dell'olivo con la motosega. Questa pratica è assolutamente da sconsigliare così come sono da evitare tutti i tipi di potatura che prevedono il taglio con strumenti dentellati e con lame seghettate.

Come detto in precedenza la potatura di tutte le piante, compreso l'ulivo, deve essere effettuata con strumenti da taglio affilati e dotati di lame in grado di effettuare tagli netti. Forbici, forbicioni e cesoie sono gli strumenti che si devono utilizzare per una potatura corretta, non sicuramente seghe e motoseghe.

Le motoseghe slabrano la corteccia degli alberi con il loro taglio, aprendo una via diretta d'accesso a funghi e batteri direttamente all'interno della pianta. Quindi se vogliamo ridurre i rischi ed evitare che le nostre piante si ammalino in conseguenza ad un taglio di potatura evitiamo strumenti a sega dove possibile.



Guarda il Video




COMMENTI SULL' ARTICOLO