Siepe di lavanda

vedi anche: Lavanda

L'origine e le caratteristiche principali del genere lavandula

Il genere lavandula, appartenente alla famiglia della Labiatae, comprende circa 40 specie di piante arbustive aromatiche, sempreverdi, originarie del bacino del Mediterraneo. Il nome scientifico lavandula, da cui deriva il nome con cui è comunemente chiamata, lavanda, si fa risalire al latino lavare, con probabile riferimento all'uso che avevano gli antichi di usarla per detergersi, oltre che a scopo medicinale. In Italia la lavanda cresce spontanea anche su terreni aridi e sassosi, ma viene coltivata sia a scopo ornamentale, sia per le sue proprietà aromatiche e terapeutiche. Dai suoi fiori, molto profumati, si estraggono infatti un olio essenziale molto ricercato ed essenze usate per la produzione di saponi e profumi. Per le sue caratteristiche la lavanda è anche ideale per creare siepi e bordure rustiche, molto folte e profumate, anche multicolori alternando varie specie tra loro.
Graziosa siepe di lavanda

20 Piante Lauroceraso da giardino siepi siepe vaso 7 (20 vasi)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,98€


Le specie di lavanda più adatte a formare siepi

Labirinto di siepi di lavanda La specie di lavanda più diffusa, adatta anche a formare siepi, è la Lavandula angustifolia, chiamata semplicemente lavanda, presente in Italia anche allo stato spontaneo. L'altezza varia da 40 cm ad un metro, fiorisce in genere da giugno ad inizio inverno. Le foglie sono strette, lanceolate, di un colore verde grigiastro. I caratteristici fiori, riuniti in spighe lunghe fino a 8 cm, hanno un colore tra azzurro e lilla e sono intensamente profumati. Altre specie adatte ai climi miti sono la pinnata, la maroccana e la multifida. La lavanda pinnata è delicata, non tollera temperature sotto lo zero, i suoi fiori sono azzurro chiaro riuniti in spighe lunghe 9 cm. La maroccana ha portamento disordinato, ma bellissimi fiori tra il violetto e il blu scuro. La multifida ha portamento scomposto e irregolare. Nelle zone più fredde sono più adatte la lavanda stoechas, che ha spighe lunghe 3 cm, la lanata, con fusto tormentoso e fiori lilla e la dentata, dalle foglie con i margini dentati, tutte alte circa 1 metro.

  • Sorbus aucuparia Il Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia) appartiene alla famiglia delle Rosaceae e deve il suo nome al fatto che attraendo l’avifauna con le sue bacche, veniva piantato vicino agli impianti per l...
  • Divano per esterni Il giardino è uno spazio verde non solo del quale prendersi cura, ma anche dal quale farsi accogliere per trascorrere nel confort e nel relax il proprio tempo libero, in una dimensione tranquilla e ri...
  • Tavolo da giardino in legno Per un amante degli spazi all'aria aperta, il giardino non è solo un colorato angolo decorativo che introduce all'abitazione, ma è parte integrante dell'ambiente domestico nel quale vivere la propria ...
  • Ombrellone da giardino Con una spesa contenuta e poche semplici operazioni, è possibile ricreare zone d'ombra in qualsiasi giardino e in qualsiasi momento della giornata, grazie alle infinite varietà di ombrelloni presenti ...

Bosso Boxwood Buxus - Siepe Artificiale Per Balcone Recinzione - 01 Mattonella Da 100x100 cm (1 mq) - Resistente ai Raggi U.V. Certificato TUV

Prezzo: in offerta su Amazon a: 59,99€


Le principali esigenze colturali della siepe di lavanda

Siepe di lavanda ornamentale La lavanda è una pianta mediterranea, preferisce pertanto clima asciutto ed elevate temperature, può essere esposta al sole diretto, resiste al caldo e a brevi periodi di siccità, ma è anche una pianta rustica ed in linea di massima tollera abbastanza bene il freddo. Non ha particolari esigenze in fatto di terreno, ma non ama quelli acidi, l'importante è che sia ben drenato. Per formare la siepe le piantine andrebbero messe a dimora ad una distanza di circa 30 cm una dall'altra. Le annaffiature non devono essere né abbondanti né frequenti, in genere è corretto aspettare che il terreno si asciughi prima di procedere ad una nuova irrigazione. La lavanda infatti teme i ristagni d'acqua, che possono provocare il marciume delle radici, compromettendo l'intera pianta. La riproduzione avviene per talea in primavera o a fine estate, si recidono porzioni di rami di 10-15 cm che si mettono a radicare in un miscuglio di sabbia e torba.


Siepe di lavanda: Come mantenere la siepe di lavanda sana e bella

Siepi di lavanda in doppia filaLa lavanda non richiede grandi attenzioni, per avere delle siepi belle e rigogliose è però opportuno procedere a periodici interventi di manutenzione. E' utile eliminare i fiori man mano che appassiscono, sia per ragioni estetiche sia per prolungare la fioritura. La siepe di lavanda in genere non richiede di essere concimata, si può comunque somministrarle del concime per piante da fiore all'inizio della stagione vegetativa, in primavera. Al termine della fioritura è necessario potare le siepi procedendo alla cimatura ed all'accorciamento degli steli, perché si producano nuovi rami migliorando l'aspetto della siepe. Se la pianta non è in salute o comincia a seccarsi si può procedere ad una potatura più drastica. La siepe di lavanda può essere attaccata da insetti e parassiti, in particolare larve, quando la malattia si manifesta è necessario ricorrere a prodotti specifici. Se viene mantenuta in un ambiente troppo umido è facilmente preda di funghi, evitando di annaffiare troppo o troppo spesso e controllando che il terreno sia ben drenato, il problema non dovrebbe presentarsi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO