Semina aglio

Orto - Ortaggi. Semina aglio a casa tua.

Per seminare l'aglio e ottenerne una piantagione, basta seminare gli spicchi più grossi di una testa, interrandoli a tre centimetri, con la punta verso l’alto, in un vaso o in un'aiuola. Gli spicchi d'aglio, posti a distanza reciproca di 15 cm, germoglieranno in massimo 15 giorni. Chi semina aglio tenga presente lo scarso bisogno d'acqua durante la semina; dunque, irrigazione scarsa, quando non proprio assente. I vasi o le aiuole della semina dell'aglio vanno tenuti puliti, sarchiando il terreno per eliminare parte delle erbe spontanee; le infiorescenze primaverili vanno tagliate. Quando i germogli, dopo la semina, divenuti lunghi cilindri di foglie, sono cresciuti e diventati secchi, è ora di raccogliere l'aglio: afferrate lo stelo e tirate su il bulbo.
Coltivare l'aglio è semplice e veloce.

AGLIO SCALOGNO DA SEMINA ROSSO VARIETA' JERMOR IN BULBILLI CONFEZIONE DA 500 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9€


Orto - Ortaggi. Il periodo della semina dell'aglio.

Semina dell'aglio. Il periodo della semina dell'aglio dipende dal tipo di aglio desiderato. Gli spicchi d'aglio per il consumo immediato appartengono alle varietà rossa e rosa (rosso di Sulmona, rosa napoletano), di sapore più dolce: in questo caso la semina avviene in primavera, a marzo e aprile. Gli spicchi d'aglio destinati anche allla conservazione per il periodo invernale, invece, appartengono alle varietà bianche (piacentino, piemontese, napoletano) e la semina avviene in ottobre, novembre, comunque prima dell'inverno. L’aglio si adatta a diverse temperature e sopporta bene il freddo. Tuttavia, la semina deve tenere conto della necessaria esposizione alla luce e delle temperature troppo rigide: la semina non avrà successo, infatti, se la temperatura scende al di sotto dei 5 °C.

  • Foto aglio L’aglio appartiene alla famiglia delle Liliacee, al genere Allium ed alla specie sativum. È una pianta erbacea perenne, ma coltivata come annuale, alta fino a 70-80 cm, con un caule cilindrico, verde ...
  • Foto aglio orsino L’aglio orsino appartiene alla famiglia delle Liliacee, al genere Allium ed alla specie orsinum. È una pianta erbacea perenne, con un portamento assurgente, bulbosa, alta 20-40 cm; il bulbo è bianco...
  • infiorescenza di scalogno Lo scalogno appartiene alla famiglia delle Liliacee, al genere Allium ed alla specie ascalonicum. È una pianta erbacea perenne, coltivata come annuale, con lo stelo al di sotto della superficie del ...
  • aglio Quante volte abbiamo preparato o assaggiato i mitici spaghetti con olio, aglio e peperoncino? Tante volte, certamente. Ma spesso sconosciamo ciò che mettiamo nei nostri piatti. Nella ricetta che abbi...

SUPER P CONCIME FOSFATICO PER ORTI E GIARDINI CONF. DA 5 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11€


Orto - Ortaggi. Dopo la semina, la raccolta.

Bulbo appena raccolto. Sia la raccolta per i bulbi da semina freschi, da aglio rosso e rosa, da consumare subito, sia quella per i bulbi da semina per la conservazione in dispensa, da aglio bianco, avvengono in giugno-luglio, e sono destinate ad allungarsi fino al mese di agosto. Una settimana prima della raccolta dell'aglio, torcete il fusto delle piante alla base: impedendo alle foglie di ricevere il nutrimento, esso andrà ad ingrossare i bulbi, a beneficio del sapore degli spicchi, più ricco. Trattenete quelli più grossi per la semina successiva: conservato a temperatura ambiente, appeso all'asciutto, il vostro aglio bianco durerà fino a otto mesi; gli spicchi di aglio rosso e rosa, conservati in un barattolo in frigorifero, saranno ugualmente perfetti per la nuova semina autunnale.


Seminare aglio per la propria cucina.

Agli e cucina: binomio perfetto. L'aglio trova in cucina moltissimi impieghi. Il suo aroma tipico è dovuto ad una sostanza chiamata allina, ad azione antibatterica e antimicotica e fondamentale per insaporire qualsiasi preparazione al prezzo di pochssime calorie, solo 41 kcal per 100 g. Terra di agli di altissima qualità, in Italia è possibile procurarsi, per la semina, bulbi di ogni varietà, alcuni addirittura certificati DOP (aglio di Voghiera e aglio bianco polesano), per ottenere preziosi bulbi per le proprie ricette, dalle insalate ai risotti, dalla pasta alle bruschette.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO