Bonsai ginepro

Caratteristiche e specie di bonsai ginepro

L'albero di ginepro è uno dei tre più usati per la creazione di bonsai. Infatti la maggior parte dei grandi maestri giapponesi presentano le loro realizzazioni artistiche con esemplari di questa pianta, in quanto consente di ottenere strutture spettacolari e sempre originali. I risultati estetici del bonsai ginepro sono difficilmente ottenibili con altre essenze. L'albero, inoltre, è molto resistente al caldo secco ed al freddo gelido, oltre che alle varie operazioni richieste dalla coltivazione. La specie tradizionalmente utilizzata per questo tipo di bonsai è il ginepro cinese, Juniperus chinensins, ma ve ne sono anche altre come J. communis, J. squamata, J. rigida, J. sargentii e J. sabina. La pianta di ginepro giovane ha foglie aghiformi mentre nella pianta adulta sono grandi. Il loro colore è variabile e può essere verde, verde chiaro, blu metallico e talvolta ci possono essere delle sfumature dorate o argentate.
Bonsai ginepro con tronco curvo

Grande vendita Bonsai Lemon Tree semi di alta sopravvivenza semi Tasso Albero da frutto Per la casa Gatden Backyard (50pieces)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Esposizione stagionale del bonsai ginepro

Altro esemplare di bonsai ginepro Il ginepro non deve essere posizionato in casa ma all'aperto, come per tutte le altre conifere, tra cui abete, pino e cedro. In questo modo, durante la notte, la rugiada potrà bagnare la chioma dell'albero, che ha bisogno di umidità. Tuttavia, nel caso in cui la pianta stia al coperto, occorre effettuare delle nebulizzazioni con acqua. È anche molto importante che il bonsai abbia luce a sufficienza e ventilazione. In primavera, quando spuntano le foglie nuove, bisogna tenere l'albero in pieno sole, per ottenere rami forti, foglie piccole e aspetto compatto. In estate bisogna metterlo in un luogo semiombreggiato oppure al sole ma con il vaso coperto, per non far riscaldare troppo le radici, che potrebbero subire un blocco delle funzioni e marcire. In autunno il bonsai si espone ancora al sole. In inverno starà all'aperto perché non teme il freddo. Tuttavia, nelle regioni settentrionali, sarà bene proteggere il vaso dalle gelate.

  • Ginepro in uno dei suoi habitat scoscesi Il ginepro, per tradizione, è considerato la pianta regina dei bonsai, particolarmente in Giappone dove, dall'epoca Edo (1600-1868), costituisce uno degli alberi ornamentali basilari nella realizzazio...
  • conifere Le conifere sono piante Gimnosperme, cioè con i semi “nudi”, non protetti da un ovario. I loro semi non sono racchiusi da frutti, ma disposti sulle scaglie di un cono (da cui il nome volgare di conife...
  • Viale di Pini domestici Il Pino domestico (Pinus pinea) è un albero che appartiene alla famiglia delle Pinacee ed è particolarmente diffuso sulle coste settentrionali del Mediterraneo. Ha un tronco non molto sviluppato, una ...
  • Siepi sempreverdi di Bosso Le siepi sono senza dubbio un elemento ornamentale importante di ogni giardino. Hanno anche diverse utilità come creare una barriera che protegga da sguardi indiscreti e dall'ingresso di individui poc...

50 pc / sacchetto Semi di camelia, sementi di fiori, piante in vaso, Diy interni / esterni Pot germinazione dei semi Tasso di Bonsai

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Irrigazione, potatura e pinzatura del bonsai ginepro

Bonsai ginepro particolare L'irrigazione del ginepro si effettua quando il substrato appare asciutto, con un annaffiatoio a fori sottili, ripetendo l'azione 2-3 volte a distanza di alcuni minuti, per far sì che il terriccio si inumidisca totalmente. Come alternativa alla nebulizzazione, si può utilizzare un sottovaso con ghiaia bagnata. La potatura si esegue in inverno, durante la fase di stasi vegetativa, utilizzando la tronchese concava. Occorre evitare tagli eccessivi perché indeboliscono la pianta e fanno crescere antiestetiche foglie aghiformi. Bisogna eliminare tutti i rami verticali, incrociati e che vanno all'interno. Dopo la potatura è necessario medicare con pasta cicatrizzante. L'operazione di pinzatura serve a mantenere lo stile del bonsai e si effettua con le mani, perché i tagli producono ferite marroni esteticamente sgradevoli. Si strappano con cura i ciuffi di foglie che spuntano dal profilo, tenendoli fermi con l'altra mano.


Bonsai ginepro: Rinvaso e concimazione del bonsai ginepro

Bonsai ginepro con tronco diritto Il rinvaso del bonsai ginepro si esegue ogni 3-4 anni, facendo molta attenzione perché ha radici fragili. Il periodo più adatto va da novembre a marzo. Le radici dovranno essere ridotte del 30% circa, rimuovendo quelle più grosse e lasciando quelle sottili, che vanno soltanto accorciate. L'operazione deve essere effettuata in breve tempo, in assenza di vento ed in ambiente fresco, per evitare che le radici capillari si secchino. Si rinvasano solo esemplari sani, da curare bene, proteggendo il vaso in caso di inverni molto freddi e nebulizzando acqua e vitamine B, ogni settimana per un mese. La concimazione deve essere regolare tra marzo e giugno e tra da metà agosto a metà ottobre. È bene ricorrere a prodotti a rilascio graduale. Per ottenere la struttura del bonsai desiderata si utilizza dello specifico filo di alluminio o rame, che orienta e dirige i rami.


Guarda il Video
  • bonsai ginepro Pianta appartenente al gruppo delle conifere, il bonsai ginepro si presenta come una specie particolarmente resistente e
    visita : bonsai ginepro

COMMENTI SULL' ARTICOLO