Malattie delle orchidee

Prevenzione

Le orchidee sono piante per natura estremamente affascinanti, ma anche estremamente delicate: per la loro coltivazione è importante garantire un ambiente ottimale nel quale possano svilupparsi e crescere, garantendo allo stesso tempo alla pianta la possibilità di difendersi dalle molte patologie parassitarie e non che possono colpirla. Una prima via di prevenzione, dunque, passa dalla corretta coltivazione, nel rispetto delle sue esigenze specifiche. Occorre prestare attenzione affinchè le parti aeree della pianta non restino umide, soprattutto durante la notte, e che non si formino eccessivi ristagni idrici, mentre eventuali parti marcite o in cattiva salute vanno eliminate. Le operazioni di potatura devono essere eseguite con strumenti sterili o passati sulla fiamma, per evitare che ferite aperte possano danneggiare la pianta provocando infezioni e favorendo una difficile cicatrizzazione, viatico per malattie ed organismi infestanti. Allo stesso modo, occorre fare attenzione a non provocare danni o tagli a questa delicata pianta, mentre dopo ogni rinvaso si consiglia di attendere qualche giorno prima di riprendere con le innaffiature, per aspettare che la cicatrizzazione sia avvenuta correttamente. Se si scopre che una pianta è malata, occorre allontanarla immediatamente dalle altre, e in linea generale è consigliabile mantenere una certa distanza tra i diversi esemplari in modo tale da evitare che le malattie e i parassiti possano essere trasmessi e dare vita ad un contagio.
Malattie delle orchidee

CONCIME LIQUIDO ORCHIDEE OTTIMO SVILUPPO E FIORITURA PREVIENE MALATTIE 1 LT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Malattie fungine

Malattie delle orchideeLe malattie fungine sono tra le più pericolose per le orchidee perchè sono quelle che provocano il marciume del colletto e della foglia, con conseguente morte della pianta se non debitamente curata. Talvolta è difficile riconoscere il disturbo: si può pensare che il marciume sia provocato da un'eccessiva innaffiatura o da un ambiente non sufficientemente esposto alla luce solare. Per evitare questo tipo di malattie dunque è importante riuscire a stabilire il giusto equilibrio tra i diversi elementi dei quali la pianta necessita, ovvero acqua, illuminazione, ventilazione ed umidità. In caso di infezione, sarà poi necessario eliminare le piante colpite, per evitare che essa possa diffondersi anche alle altre parti della pianta portandola alla morte. A seconda della gravità della situazione si può poi valutare l'utilizzo di prodotti specifici, anche se possono rivelarsi aggressivi per una pianta tanto delicata. Allo stesso modo, meglio utilizzare con cautela i prodotti preventivi, che possono rischiare di indebolirla.

  • orchidee Le orchidee sono delle piante a fiore appartenenti alla famiglia delle Orchideaceae. Queste piante sono rinomate per la bellezza dei loro fiori e per il loro elevato valore ornamentale. Vengono usate ...
  • orchidea mini Le piante sono un eccezionale prodotto della potenza della Natura, ma ciò che di esse ha più mordente sull’animo umano sono assolutamente i fiori: essi sono concepiti dalla natura stessa come semplici...
  • orchidee cymbidium Spesso si è abituati a pensare che la parte più importante delle orchidee siano i fiori. In realtà, tutte le componenti vegetali di questa pianta rivestono una particolare importanza per il suo sano e...
  • Vaso per orchidea L’orchidea è una pianta che vanta straordinaria diffusione anche in natura: è infatti una delle poche specie vegetali ad essere naturalmente presente in molti territori sia dell’Occidente sia dell’Ori...

Bio Green WP 025-035 Tappetino riscaldante 0,25 x 0,35 m 15 W

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,24€


Malattie virali

Malattie delle orchidee La causa di malattia più difficile da riconoscere per le orchidee è quella di origine virale, poichè i sintomi (macchie e cambi di colore delle foglie) sono molto simili a quelli che denotano errori nella coltivazione. Se si ha il sospetto che la pianta possa presentare un disturbo virale, la prima cosa da fare è separarla tenendola a debita distanza dagli altri esemplari, che altrimenti ne verrebbero parimenti contagiati. Per avere conferma della diagnosi occorre affidarsi ad un laboratorio di fitopatologia, che tramite esami specifici potrà determinare l'origine e l'entità del disturbo segnalando gli interventi più appropriati per intervenire. Solitamente, si ricorre a tali esami solo per piante di un certo valore; in caso di dubbio, comunque, è possibile provvedere all'utilizzo di specifici prodotti antivirali, che possono risultare aggressivi per la pianta ma permettono di liberarla dall'attacco virale. Va ricordato che per tutto il periodo in cui è in corso l'infezione è importante che la pianta non si trovi a stretto contatto con altri esemplari, poiché l'infezione virale è quella che con più facilità si trasmette da una pianta all'altra. Per non peggiorare le condizioni di salute della pianta è fondamentale utilizzare, se l'uso è necessario, strumenti debitamente sterilizzati e non utilizzarli con altre piante, oppure sterilizzarle nuovamente prima di tale passaggio, per evitare che diventino veicolo d'infezione.


Malattie delle orchidee: Malattie parassitarie e batteriche

Malattie delle orchidee Un po' più rare, ma comunque diffuse, sono le malattie di origine batterica, che si presentano tramite macchie sulle foglie che si estendono gradualmente fino a raggiungere il fusto. Le malattie batteriche sono difficili da controllare e la lotta avviene prevalentemente per via preventiva. Le malattie parassitarie sono, al contrario, tra le più semplici da identificare: sulle parti aree dell'orchidea si presenteranno infatti delle macchie di diverso colore e dimensione a seconda del tipo di organismo infestante. Se l'infestazione è molto localizzata, è possibile intervenire sfruttando un batuffolo di cotone imbevuto nell'alcol, che eliminerà i microrganismi presenti. Occorre invece intervenire con antiparassitari specifici se l'infestazione è più estesa, poiché l'unico modo per mettere al sicuro la pianta è quella di intervenire nel modo più tempestivo possibile e di farlo con prodotti in grado di eliminare completamente i parassiti, che in caso contrario in poco tempo riprenderebbero a proliferare e continuerebbero a danneggiare la pianta fino a portarla alla morte.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO