Orchidea cura

Orchidea cura

La cura dell’orchidea racchiude una serie d’interventi atti ad avere un fiore sempre in salute e in pieno sviluppo. Come già si sa, queste specie di piante necessitano di cure colturali specifiche e una certa conoscenza delle loro esigenze, preferenze, e accorgimenti da prendere in modo tale che le orchidee non muoiano o vengano aggredite da parassiti molto dannosi. Possono essere messe a dimora sia in vaso e sia in piena terra. Le orchidee hanno bisogno di essere sistemate in un ambiente specifico, non troppo secco ma neanche troppo umido e freddo. Secondo alla specie di appartenenza non devono essere esposte alle correnti d’aria e al gelo invernale. Per quanto riguarda le orchidee in vaso, occorre rinvasarle ogni periodo specifico. Bisogna annaffiarle con acqua non troppo calcarea. Durante la potatura, le forbici devono essere prima disinfettate e dopo le recisioni occorre applicare sulla parte tagliata un disinfettante in modo tale da evitare aggressioni fungine sulla zona.
Orchidea cura

Seramis Vital Spray Cura fogli per orchidee 250 ml, giallo, 5,0 x 5,0 x 20,0 cm, 731076

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,29€


La posizione

Cura orchideaUn primo passo per la cura dell’orchidea è la scelta della giusta posizione in modo tale da darle la giusta quantità di luce, temperatura e umidità. Solitamente questi esemplari amano la luce (alcuni non sopportano i raggi solari diretti), per questo motivo la posizione ideale è sud-est o sud-ovest. Se si possiede un’orchidea all’interno di un ambiente domestico in cui la luce scarseggia, si può installare una lampada con dei tubi al neon o a vapori di sodio. Queste strutture possono essere facilmente acquistate presso negozi specializzati. Per quanto riguarda le temperature, le orchidee prediligono ambienti con circa 20/25 °C circa. Per quanto riguarda la cura delle orchidee coltivate in giardino, occorre primariamente proteggere l’apparato radicale dalle gelate invernali. Basta coprire la zona basale della pianta (pacciamatura) con della paglia, foglie o materiale simile.

  • Cura delle orchidee Le orchidee sono piante dotate di immenso fascino, per via della particolare forma dei fiori e dei loro colori sgargianti, che possono variare notevolmente da specie a specie. Le orchidee sono piante ...
  • Phalaenopsis in natura. Le Phalaenopsis sono un genere di Orchidee Epifite ( piante che vivono da "ospiti" come "parassiti" su altre piante ) appartenenti alla famiglia delle Orchidaceae, presenti originariamente in natura p...
  • Lavello da giardino Per tutti gli amanti del verde, il giardino è ancor prima che decorativo un luogo da vivere appieno, nel quale trascorrere il proprio tempo libero e del quale prendersi cura. Ma prendersi cura del gia...
  • Esempio di vaso di legno fatto a mano I vasi in legno rappresentano una validissima alternativa a quelli interamente realizzati con la plastica o il cemento. Naturalmente ha delle caratteristiche diverse, ed è proprio questo che andremo a...

Kit regalo per la cura delle orchidee (3 x 100 ml)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10€


Annaffiature

Orchidea curaIl secondo punto per la cura dell’orchidea è l’annaffiatura. Non ci sono delle annaffiature specifiche per questi esemplari di fiori perché esse dipendono dalla condizione in cui si trovano, dalla condizione climatica, dalla qualità del vaso e dalla sua grandezza, dal tipo di terriccio in cui affondano le radici, se si trova durante il periodo vegetativo o di riposo. In linea generale, le annaffiature delle orchidee devono avvenire quando il terreno è asciutto o quando l’apparato radicale inizia ad assumere una colorazione tipicamente argentata. Per gli esemplari che si trovano all’interno dell’abitazione, basta aggiungere nel sottovaso un dito d’acqua circa quando il terriccio si asciuga; così facendo si mantiene un giusto livello di umidità necessario per lo sviluppo della pianta. È conveniente sapere che, se le radici stanno sempre a contatto con l’acqua delle annaffiature, possono andare incontro a marciume. Proprio per questo motivo, durante il rinvaso o successivamente all’acquisto, occorre posizionare nel sottovaso dell’argilla espansa e poggiare sopra il vaso con la pianta.


Rinvaso

Cura dell’orchideaIl rinvaso è un altro punto fondamentale riguardo alla cura dell’orchidea. Esso deve avvenire, in modo particolare, se la pianta si trova all’interno dell’abitazione. Il rinvaso si compie durante la stagione primaverile e ad anni alterni. Si sostituisce il vaso con uno di dimensioni maggiori, si cambia il substrato (argilla, perlite, terra per orchidee, scaglie di pino etc.), si recidono le radici marce, danneggiate, spezzate o legnose. La sostituzione del substrato è necessaria perché, durante la vita della pianta, essa può assorbire dal terriccio tutte le sostanze nutritive necessarie allo sviluppo, e quindi rendere il terreno sterile. Il materiale del vaso è molto importante perché deve essere in grado di ossigenare il terriccio. Se è sprovvisto di fori, alla base occorre praticare dei buchi in modo tale da evitare ristagni idrici. Anche la scelta del terriccio è un fattore indispensabile per avere un’orchidea sempre in salute. Basta miscelare a del terriccio universale delle scaglie di pino, polistirolo o argilla espansa.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO