Infuso rosa canina

vedi anche: Rosa canina

Rimedi naturali: la rosa canina

La rosa canina, chiamata anche rosa selvatica, è una pianta appartenente alla famiglia delle Rosaceae che può raggiungere fino a due metri di altezza dotata di spine rossastre molto robuste. Le foglie hanno una forma ovale con i margini dentellati ed i fiori hanno una colorazione dal bianco al rosa con cinque grandi petali. I frutti maturano in tardo autunno e sono delle bacche chiamate cinorrodi, dalla forma allungata che assumono una colorazione che va dal giallo al rosso intenso utilizzate in erboristeria per le molteplici proprietà curative e ricostituenti che li caratterizzano. Si tratta inoltre di una pianta molto diffusa che cresce naturalmente in zone dal clima temperato piuttosto soleggiate. In campagna ed i collina è facile trovarla ai margini dei sentieri, nelle siepi e nelle bordure.
Le bacche rosse della rosa canina, anche chiamate cinorrodi

Yogi Tea Calma Interiore - 30.6 gr

Prezzo: in offerta su Amazon a: 3,98€


Proprietà della rosa canina

Le bacche essiccate per la preparazione dell'infuso di rosa canina L'utilizzo della rosa canina in erboristeria è conosciuto sin dall'antichità per le sue molteplici proprietà curative, antinfiammatorie e ricostituenti. Viene impiegata per la cura di raffreddore ed influenza, mal di gola e produzione di catarro per la sua capacità di stimolare la risposta immunitaria dell'organismo. L'efficacia contro le infiammazioni in genere la rende indicata per la cura delle congiuntiviti inoltre per la forte concentrazione di vitamina C stimola la circolazione sanguigna e l'assorbimento di calcio e ferro a livello intestinale. Le sue bacche una volta venivano schiacciate per produrre il succo mentre più recentemente vengono essiccate ed utilizzate come infuso o tintura madre. L'elevata concentrazione di tannini infine è utile per l'azione astringente ed indicata in caso di coliche intestinali e diarrea.

  • rosacanina1 Viene ritenuta la principale antenata delle rose coltivate ed è forse, anzi, certamente, una delle più apprezzate rose da giardino. Stiamo parlando della rosa canina, specie spontanea diffusa ormai in...
  • Infuso di rosa canina Anche nel periodo invernale la natura ci offre preziose risorse da sfruttare per il benessere fisico e per la cura di piccoli disturbi e sintomi che possono colpire l'organismo. La rosa canina, in par...
  • Fiore di rosa canina La rosa canina è meglio conosciuta come rosa selvatica e rappresenta la vera e propria antenata di tutte le rose domestiche che oggi conosciamo. Nel nostro Paese è una pianta molto comune, nella quale...
  • Fiore di rosa canina La rosa canina è più comunemente conosciuta come "rosa selvatica" ed è una delle tipologie di piante spontanee che crescono più numerose in Italia. Il soprannome "canina" gli deriva da un aneddoto di ...

Regalo Gin Tonic 6 Infusi per insaporire Gin Tonic cocktail, perfetti per insaporire la vostra Gin con grandi spezie, erbe e fiori, gin confezione regalo opzioni di spedizione libero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


L'infuso di rosa canina

L'infuso di rosa canina dal caratteristico colore rosso acceso Per la preparazione dell'infuso di rosa canina si utilizzano i cinorroidi, ossia le piccole bacche che maturano generalmente nel tardo autunno, lasciati essiccare e conservati in barattoli di vetro. Le bacche si acquistano già essiccate in erboristeria ma è possibile e molto semplice anche raccoglierle personalmente, lasciarle essiccare all'aria aperta e conservarle in appositi contenitori di vetro. All'inizio della stagione invernale si può iniziare ad assumere tre tazze di infuso al giorno per contrastare i malanni di stagione e lo stress quotidiano. Per preparare l'infuso si utilizza un cucchiaio da cucina di bacche triturate, si lasciano in infusione in una tazza di acqua bollente per 10 minuti e poi si filtra il liquido bevendolo zuccherato a piacere. Il sapore è gradevole anche al naturale.


Infuso rosa canina: Altri utilizzi della rosa canina

Marmellata ottenuta dalle bacche della rosa canina Oltre all'infuso di rosa canina, è possibile assumere la tintura madre in caso di raffreddore o influenza nelle dosi indicative di 45 gocce tre volte al giorno oppure come macerato di petali per trattare il mal di gola. Le bacche di rosa canina hanno però un ulteriore utilizzo in cucina: vengono infatti utilizzate per preparare deliziose marmellate che apportano elevati contenuti di vitamina C alla nostra alimentazione. Per la prerazione si utilizzano un Kg di bacche, 400 g di zucchero e della buccia di limone grattuggiata. Il procedimento è quello classico delle marmellate di frutta: si puliscono i frutti dai semi e si fanno cuocere in acqua fino ad ammorbidirli, poi si scolano e si frullano. Il composto ottenuto deve essere filtrato eliminare tutti i resdui ed i filamenti delle bacche ed infine si lascia cuocere con lo zucchero sino ad ottenere la consistenza desiderata.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO