Potatura melograno

Tecniche da giardinaggio

Il giardinaggio è un hobby che oramai per numeri di diffusione primeggia quasi incontrastato in tutto il mondo (o almeno in quelle società le cui persone possono permettersi di avere un hobby), dato che dalla sua esplosione avvenuta circa dieci anni fa i numeri sono sempre stati in aumento e soprattutto sono nati siti internet dedicati al tema, forum, associazioni, gruppi di persone che hanno creato cooperative, centri sociali e tante altre attività con l’unico scopo di condividere questa passione. Il successo è stato tale da convincere molti studiosi e scienziati di provare a vederci chiaro e capire il perché di tutto questo clamore intorno ad un’attività a volte anche faticosa: si è capito che l’uomo ha un legame speciale con la natura che lo creato ed il tutto è evidente anche in altri contesti, infatti ogni volta che cerchiamo un po’ di svago ci dirigiamo al parco cittadino e l’aria che si respira lì ci rilassa, oppure ci dirigiamo al mare o in montagna (a seconda dei gusti) perché questi luoghi ci fanno stare a contatto con la natura e ci stiamo bene. Nell’ambito del giardinaggio, per affrontarlo al meglio, è necessario conoscere alcune tecniche semplici ma fondamentali, frutto di secoli di esperienza.
melograni

Gardena 391-20 Classic 540 Cesoie per Siepi FSC® 100%

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,99€


Innesto, concimazione, potatura

fiori di melograno Il titolo di questo paragrafo sintetizza il più elevato livello di conoscenze tecniche che si può avere in ambito di giardinaggio, giacchè conoscere queste tecniche vuol dire poter affrontare la coltura efficace ed efficiente di tutte le specie di piante, da quelle da fiori a quelle da frutto che spesso richiedono particolari interventi. Ecco quindi che questo “trittico” di tecniche non viene insegnato, ma è frutto di esperienza e di quella conoscenza che viene tramandata a voce tra amici, colleghi, parenti, fatta per lo più di trucchi del mestiere. Ad esempio l’innesto è la tecnica che provvede ad inserire un ramo produttivo e di qualità su un supporto dalle particolari caratteristiche di energia ma magari non produttivo, in modo da trasformare questa energia in un gran numero di frutti e/o fiori (essa è svolta soprattutto in ambito fruttifero). La concimazione invece serve ad integrare le risorse del terreno in modo che la pianta possa avere sempre tutto il necessario per produrre al meglio, ed in questo caso è fondamentale sapere quando ed in che quantità fare questi interventi perché la concimazione se sbagliata può anche “bruciare” (termine tecnico usuale) la piante per eccesso di nutrienti.

  • potare3-1 Per ottenere una maggiore resa estetica e produttiva, si ricorre spesso a delle tecniche colturali che prevedono l’asportazione di alcune parti della pianta. L’asportazione delle parti vegetali, come ...
  • vite a spalliera Un giardino di casa è un luogo talmente personale che ogni proprietario (o comunque ogni persona che lo abita e lo gestisce) è libero di arredarlo in qualsiasi modo desideri, così come è libero di col...
  • ortensia in fiore Un giardino, tra le sue tante facoltà positive, ha quella importantissima di donare una nuova luce ed un nuovo splendore a tutta la casa; secondo statistiche sull’argomento, tanti possessori di giardi...
  • risultati buona potatura Gli alberi sono una parte dell’incredibile mondo vegetale che ci circonda; essi sono tra le manifestazioni più complete e maestose della Natura, capaci di superare le dimensioni dei nostri moderni gra...

GRÜNTEK Cesoie Potatura professionali TUKANE a incudine forbici da giardino 195 mm, Lama in acciaio giapponese SK5, in alluminio con interno di gomma Soft Touch

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,23€
(Risparmi 5,72€)


La potatura

melograno1La potatura, pur essendo nel trittico del paragrafo precedente, preferiamo affrontarla in solitario perché è il soggetto del nostro articolo: essa è un’altra operazione fondamentale del giardinaggio, atta a migliorare le condizioni della pianta perché permette di eliminare i componenti superflui della stessa in modo da concentrare le forze sulle parti più produttive della pianta. Infatti ogni anno che passa (perché la potatura è per piante grandi e/o comunque durature nel tempo, non certo per piante che nascono e muoiono nell’arco di primavera ed estate) vede la pianta crescere in stazza, altezza e numero di rami; alcuni di questi però producono per un certo periodo ma poi, per un meccanismo naturale di decadimento, non sono più in grado di farlo, cadendo in una sorta di vecchiaia. Capita che ciò coincide con la massima espansione in dimensioni del ramo stesso, quindi abbiamo un ramo grosso, vecchio e poco produttivo che però succhia molte risorse alla pianta che pur sempre lo alimenterà. La potatura punta ad eliminare questi elementi in modo da concentrare la forza su altri più giovani e produttivi; ma banalmente essa non è solo questo, in quanto si provvede ad eliminare per lo stesso principio anche un’abbondanza di gemme produttive (dispersione di energia produttiva) ed altri elementi.


Potatura del melograno

Nello specifico in questo articolo parliamo della potatura di un albero molto diffuso in Italia, non tanto per quanto se ne consumi il frutto ma per la lunghissima tradizione; pur essendo di origini orientali infatti, il melograno è da millenni presenti nel bacino del Mediterraneo ed abbiamo testimonianze di civiltà romane e greche a comprovarlo. Dal suo nome vediamo che presenta un “frutto con semi” (dal latino), ed infatti la pianta genera da fiori carnosi e rossi un frutto tondeggiante di cui in realtà si consuma solo la parte interna, fatta da semi succosi e dal ripieno quasi liquido (a proposito, macchia tantissimo). La potatura del melograno è particolare perché la pianta, pur venendo abitualmente formata ad albero, ha in realtà un carattere cespuglioso e quindi si possono notare ogni anno nuovi polloni che crescono alla base; ebbene, la potatura punta ad eliminare i polloni troppo vecchi, a sfoltire quelli produttivi e soprattutto a non permettere la crescita di troppi polloni nuovi che rischierebbero di disperdere le energie della pianta. Un aspetto importante della potatura del melograno è l’aerazione: la pianta ha bisogno di una buona circolazione di aria all’interno della chioma, perciò bisogna tenerla ordinata e sfoltita proprio con la potatura selezionata.


Potatura melograno: Etimologia e curiosità

granada Il melograno è un frutto dalle lontane origini. Proviene infatti dal sud-ovest asiatico e la sua coltivazione è antichissima. Oggi cresce ancora in maniera spontanea nelle regioni del Caucaso, dall’antica Persia, dell’Iran e dell’Afghanistan. Il termine melograno deriva dal latino malum ("mela") egranatum ("con semi”). La pianta del melograno si diffuse rapidamente in tutta Europa grazie alla colonizzazione dei Fenici che diffusero la pratica della coltivazione del melograno durante i loro numerosi viaggi. Una curiosità su questo particolare frutto dal sapore delizioso e dall’aspetto invitante fa riferimento alla città spagnola di Granada. Nello stemma della città infatti è raffiugurato un melograno. In spagnolo infatti melograno si dice granada. La città infatti ha preso il nome da questo frutto rosso brillante. L’introduzione del melograno in Spagna fu realizzata dalla dominazione dei mori sul territorio.



COMMENTI SULL' ARTICOLO