Gerani coltivazione

La straordinaria varietà dei gerani

Con il termine "gerani" intendiamo riferirci alle meravigliose piante che decorano ingressi, balconi, case e giardini. Il classico gerano è quello dai petali carminei, soffici, rigogliosi, che sbocciano apicalmente attraverso steli fieri e spessi, circondati da verdi foglie tondeggianti. In realtà questa è solo una varietà, tra le tante, di gerani più comuni, anche definiti "zonali", arrivati in Europa nel XVII secolo e dal quale derivano infinite ibridazioni. Sommariamente possiamo divedere queste varietà in 4 macrocategorie: Zonali, Imperiali, i gerani "Edera" e gli Odorosi. Ognuno di questi caratterizzato da chiari tratti distintivi ma tutti dotati di estema bellezza. Gli Imperiali, anche detti "gerani a farfalla", hanno fiori laghi e ondulati che esprimono sfumature e colorazioni molto suggestive e particolari. I gerani Edera, come suggerisce il nome stesso, sono del tipo rampicanti, hanno fiori più piccoli con petali ben distinti e il fogliame tende a espandersi fino a creare un effetto a "cascata". Si utilizzano soprattutto per decorare terrazze e balconi. Gli Odorosi, invece, si sviluppano a cespuglietto, emanando intense fragranze (limone, cannella, menta, etc.).
Composizione di gerani dalle diverse colorazioni

TERRICCIO SPECIFICO PER LA COLTIVAZIONE DEI GERANEI IN CONFEZIONE DA 20 LT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,9€


La coltivazione dei gerani: alcune semplici regole

Impianto dei gerani a terra. Notasi l'adeguata preparazione del terriccio di base. Utilizzare i gerani per i propri spazi è senz'altro una scelta funzionale al raggiungimento di un'esposizione floreale immediatamente sviluppabile. I gerani possono essere coltivati direttamente nel terreno, qualora la temperatura invernale non arrivi sotto i 3 - 4 gradi. Se l'inverno rischia di abbassarsi a queste temperature, è raccomandabile scegliere una varietà di gerani più resistente, come gli Odorosi. Questo perché la pianta che legnifica il fusto, resiste maggiormente al gelo. Più frequente è invece la coltivazione dei gerani nei vasi, anche per la comodità, appena giunto l'inverno, di spostarli in ambienti riparati (casa, serra, etc.). La tipologia di vaso da prediligere rimane sempre quello in terracotta, capace di non trattenere eccessiva umidità e di evitare nocivi sbalzi di temperatura. Il vaso deve essere preparato con terriccio non compatto, leggermente acido (ph tra 5,5 e 6,5) e con alla base un sistema drenante composto da piccoli sassi e sabbia grossolana. Contrariamente a quanto si pensi, i gerani non necessitano di tanta acqua, la quale dovrà essere commisurata alle specifiche esigenze del contesto (clima, temperatura, grandezza del vaso, età della pianta).

  • geranio in fiore Sempre più persone compiono enormi sacrifici per poter abbinare alla propria casa (magari di proprietà) anche un bel giardino; questa è una tendenza commerciale che si è perfino rafforzata negli ultim...
  • geranio Illumina i balconi con le sue infiorescenze variamente colorate ed anima le nostre terrazze con una fioritura davvero spettacolare. Stiamo parlando del geranio, pianta a fiore molto apprezzata dagli a...
  • Potatura gerani Con i loro fiori dai colori accesi e allegri, non stupisce che i gerani siano piante particolarmente diffuse nei giardini e sui balconi degli amanti del verde. Accanto ai pregi puramente estetici i ge...
  • rosa rosa L'amicizia è uno dei doni più preziosi che una persona possa fare a un'altra: non stupisce dunque che, nel linguaggio dei fiori, molte specie assumano il ruolo di esprimere questo importante sentiment...

TecTake Aiuola rialzata con mensola porta-oggetti giardino 119 x 53 x 90 cm | resistente alle intemperie

Prezzo: in offerta su Amazon a: 68,99€


Lavori utili per i gerani: concimazione e potutura

Potatuta Il gerano è una pianta rustica, pur essendo di origine africana soventemente si abitua persino ad ambienti montani. Per quanto riguarda la concimazione, non è una specie che richiede grandi attenzioni ma è indispensabile qualche accorgimento di base per ottenere buoni risultati con il minor sforzo. Infatti, la prima importante concimazione è rappresentata dalla preparazione di un ottimo terriccio, ricco di humus. In questo caso, e durante la fioritura, basterà un concime liquido a base di potassio diluito in acqua una volta ogni 10 giorni. Per chi però ha meno tempo o rischia di confondersi con la cadenza delle dosi, si consiglia un concime solido a lenta cessione (solitamente NPK 10-12-18). Per la potatura, ai gerani è più che sufficiente una normale sfoltatura del fogliame secco o malato. Quindi nessuna potatura energica ma semplice pulizia dei rami morti o spezzati. E' consigliabile inoltre eliminare i fiori appassiti man mano che si presentano. Queste operazioni di "rimozione", cioè di pulizia, si effettuano nel periodo seguente all'inverno, dunque in primavera, per evitare che il gelo della stagione fredda blocchi la naturale fase vegetativa che segue al taglio di un ramo.


Gerani coltivazione: Come combattere le principali malattie dei gerani

Gerano con inizio di ingiallimento del fogliame. I gerani sono piante forti e rigogliose. Tuttavia, possono subire gravi danni a causa degli insetti e di specifiche malattie funginee. Per i parassiti, particolare attenzione merita una farfallina marrone chiaro, proveniente dall'Africa australe e nota come Cacyreus mashalli. La minuscola farfalla depone le uova su ogni parte della pianta, prediligendo i sepali e i peduncoli. Da queste nascono dei bruchi che penetrano internamente alla struttura della pianta arrecando gravi danni. Per debellarli si ricorre a insetticidi di contatto, effettuando trattamenti ripetuti costantemente. I gerani possono soffrire anche a causa dei tradizionali parassiti, come la mosca bianca, gli afidi, le lumache e i bruchi. Tra le malattie di natura funginea invece si annoverano i classici marciumi e le muffe, situazioni che però derivano soprattutto da una coltivazione non sufficientemente attenta. Le cause principali di tali insorgenze sono infatti le annaffiature esagerate, ambienti poco areati o eccessivi ristagni d'acqua che indeboliscono la pianta. In questi casi l'arma migliore è la prevenzione perché le malattie funginee sono difficili da combattere e necessitano di specifici trattamenti chimici.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO