Come conservare i fagiolini

Come conservare i fagiolini

I fagiolini appartengono alla famiglia delle leguminose, sono consumati con il loro baccello verde nei mesi estivi. Ma come conservare i fagiolini? L'operazione è molto semplice, a condizione che sia garantita l'igiene sia delle stoviglie usate nella preparazione che dei barattoli in cui si conserveranno. Se il raccolto eccede il fabbisogno, è possibile congelare i fagiolini man mano che si raccolgono. Dopo averli puliti in acqua, devono essere scottati brevemente in acqua salata. È un'operazione necessaria per evitare che l'acqua presente nei fagiolini congelandosi si cristallizzi rovinando le fibre vegetali. Devono essere scottati solo per 2 minuti. Dopo averli fatti raffreddare è possibile procedere all'imbustammento monoporzione. È necessario apporre la data sul sacchetto per ricordarsi di consumare il prodotto entro i 6 mesi.
Fagiolini

ASPARAGO BIANCO DA TRAPIANTARE IN CONFEZIONE DA 10 ZAMPE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Fagiolini sott'olio

Fagiolini sott'olio I fagiolini sott'olio hanno un gusto particolare, soprattutto se arricchiti con spicchi di aglio, punte di peperoncino o di finocchietto selvatico. Possono essere utilizzati come condimento in insalate o pasticci di patate, ma sono ottimi anche gustati con dell'ottimo pane. La loro preparazione è molto semplice. È necessario scottare i fagiolini in una soluzione di acqua salata e aceto, in parti uguali. I fagiolini devono asciugarsi completamente, per questo è necessario che riposino su un canovaccio per tutta la notte. Il mattino seguente si può procedere a invasarli in barattoli abbastanza capienti, eliminando tutti gli spazi e inserendo spicchi di aglio, o peperoncino o rametti di finocchietto selvatico. Dopo aver riempito a pressione il barattolo, va ricoperto di olio fino a 2mm dal bordo, è necessario battere il barattolo più volte per eliminare ogni bolla d'aria presente e se è il caso, rabboccare ulteriormente di olio, fino a che tutti i fagiolini siano coperti.

  • Esemplari di Cucurbita maxima Quando si parla di zucche, si usa un termine generico per indicare una moltitudine di specie diverse. Con il termine zucche, in genere, si intendono i frutti delle piante che appartengono alla famigli...
  • Pianta di Tamarindo Il tamarindo appartiene alla famiglia delle Leguminose, alla sottofamiglia delle Cesalpinioidee, al genere Tamarindus ed alla specie indica. È un albero a lenta crescita, in grado di superare un’altez...
  • Una pianta di arachidi fiorita Il nome scientifico della pianta delle arachidi è Arachis hypogaea, una pianta erbacea che fa parte della famiglia botanica delle Fabaceae, cioè le Leguminose. L'arachide è originaria del Sud America,...
  • I fagiolini E' un dubbio amletico quello che riguarda i fagiolini: sono legumi oppure verdure? In effetti, forse non tutti sanno che i fagiolini sono dei legumi, in particolare sono i baccelli che contengono i fa...

Ultranatura Napoli - Serra per La Coltivazione Dei Pomodori, 170 – 155 X 196 X 80 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,09€
(Risparmi 2,9€)


Fagiolini sott'aceto

Fagiolini sott'aceto I fagiolini sott'aceto sono un'altro modo di consumare questo ortaggio. Si differenziano dalle altre modalità di conservazione per il fatto che risultano essere più leggeri e ideali ad accompagnare aperitivi e canapè. Nella preparazione non deve essere utilizzata acqua ma una miscela di tre parti di vino bianco e una di aceto. I fagiolini anche in questo caso vanno solo scottati, non devono assolutamente cuocere, pena la perdita della loro consistenza ma anche delle caratteristiche organolettiche. Prima di riporli nei vasi, gli ortaggi vanno fatti asciugare per tutta la notte, poi si possono infilare nei barattoli di vetro con l'aggiunta di grani di pepe o semi di finocchio, insieme ad un cucchiaino di sale fino per dare sapore ma anche per garantire la conservazione nel tempo.


Come consumarli freschi

Aperitivo fagiolini Come conservare i fagiolini lasciando il loro sapore intatto? I fagiolini al naturale sono la scelta migliore per chi desidera assaporarli come appena raccolti. Gli unici ingredienti da utilizzare sono gli ortaggi e l'acqua. Per evitare di usare il sale, è bene non bollirli ma cuocerli a vapore. Questo permette di preservare tutte le sostanze in esse presenti, specialmente i sali minerali. Il risultato è un alimento sano, ma soprattutto molto buono. La cottura a vapore prevede dei tempi un po' più lunghi, che non devono superare i 15 minuti. I fagiolini ancora caldi vanno inseriti nei barattoli, coperti con la stessa acqua di condensa della cottura. I barattoli vanno chiusi ermeticamente e riposti sul fuoco in una pentola piena di acqua calda per la sterilizzazione, che deve durare circa 2 ore.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO