Platano occidentale

Generalità

Il Platano occidentale (Platanus occidentalis) detto anche Platano americano è un grande albero appartenente alla famiglia delle Platanaceae che arriva a 30-40 m di altezza per 4 m di diametro del tronco nei casi più eclatanti, anche se di solito il diametro arriva solo a 2 m. La corteccia molto caratteristica e esteticamente piacevole è caratterizzata da uno strato superficiale a grandi placche brune e grigie che si sfalda, mettendo a nudo il legno al di sotto, che da verde, come appare inizialmente, nel giro di qualche tempo diventa bianco. La chioma è piramidale quando la pianta è giovane, poi diventa larga e rotondeggiante. La ramificazione può partire dal basso, oppure da grande altezza a partire da un lungo fusto dritto, oppure possono esserci più tronchi. Le foglie semplici e alterne sono caduche, ovate con base troncata, lunghe 10-20 cm, con 3-5 lobi e di colore verde chiaro. Alla fogliazione sono tormentose e piegate su loro stesse, in autunno invece diventano giallo brune. I fiori che compaiono, aseconda del clima tra la fine di marzo e maggio, sono a sessi separati. Quelli maschili formano capolini color rosso scuro, hanno 4-6 stami ciascuno con le antere allungate, e sono portati da un corto gambo che cresce sui ramoscelli dell’anno precedente. I fiori femminili sono color verde chiaro chiazzato di rosso, con un ovario supero ovato-allungato con lo lungo stilo rosso, curvo, e sono riuniti in capolini portati da ramoscelli ancor più vecchi. L’impollinazione è anemofila e il suo polline allergenico. I frutti maturano a settembre-ottobre e sono acheni che si riuniscono a formare una infruttescenza pendula a forma di pallina che spesso resta sulla pianta tutto l’inverno per poi disperdere i semi e/o cadere la primavera successiva. I semi hanno un apice piumoso e vengono dispersi dal vento. E’ una pianta longeva e dalla crescita rapida.
platano occidentale

Nuova casa della pianta di giardino 10 Semi robinia, Robinia pseudoacacia, veloce! Semi dell'albero di trasporto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,69€


Clima e terreno

frutti platano occidentaleIl Platano occidentale non è presente allo stato spontaneo in Italia, dato che è stato introdotto in Europa dagli Stati Uniti nel XVII secolo e qui si è ibridato spontaneamente con il Platano orientale dando vita al Platano ibrido ben più diffuso in Italia. E’ una pianta rustica, che ama suoli ricchi, argilloso sabbiosi, profondi e ben drenati, in vicinanza dell’acqua, ma che non può tollerare una sommersione per più di due settimane consecutive. Richiede il pieno sole e può tollerare in una certa misura sia la salinità che l’aridità. Non ha problemi nei confronti dell’inquinamento.

Dehner - Fioriera in legno di robinia, Ø 30 cm, altezza 30 cm, colore: naturale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 42,99€


Impianto e tecniche di coltivazione

corteccia platano occidentaleLa propagazione del Platano occidentale avviene per seme senza grosse difficoltà, l’unica accortezza da avere è quella di non far mancare la luce ai semi. I semenzali sviluppano velocemente un apparato radicale diffuso e forte e crescono anche più di 1 metro durante il primo anno di vita. In alternativa è possibile procedere con la propagazione vegetativa a partire da talee prese da esemplari giovani. Se si dispone solo di piante già adulte ottenere la radicazione diventa più complicato, e prevede l’utilizzo di ormoni appositi prima che la talea venga staccata dalla pianta. Il Platano occidentale è un albero adatto a spazi molto ampi, come alberatura stradale o in parchi e giardini di grandi dimensioni e in aree molto soleggiate, ma va sempre considerata la sua tendenza a far cadere i frutti a terra, cosa questa che obbliga a un certo grado di manutenzione in più per mantenere pulita l’area su cui cresce. La sua corteccia è estremamente ornamentale, la forma delle foglie accattivante, i frutti che restano anche in inverno decorativi, il colore del fogliame autunnale piacevole, il portamento generale elegante. Nel complesso, quindi, per chi ha lo spazio adatto a ospitarlo è una pianta che anche considerando la velocità con cui cresce presenta degli indubbi vantaggi. Ideale come esemplare isolato su un prato, oppure circondato da specie arboree e arbustive più basse lungo un viale pedonale. Data la bellezza della sua corteccia e dei frutti che lo rendono un focal point invernale è associabile con altri alberi dalla corteccia particolare, come betulle cornus da ramo e salici.


Parassiti e malattie

Il Platano occidentale è sensibile a oidio, antracnosi, agli attacchi di Neochlamisus platani che comunque non è presente in Italia e a quelli del fungo Ceratocystis fimbriata che causa il Cancro colorato del Platano che porta la pianta alla morte certa nel giro di pochi anni se l’infezione avviene in basso nel tronco. Il legno di piante infettate rimane contagioso per anni, dato che le clamidospore del fungo restano vitali a lungo. Anche gli strumenti usati per potare le piante malate vanno trattati opportunamente per non estendere l’infezione ad altri esemplari ancora sani.


Caratteristiche del legno

Il legno del Platano occidentale viene utilizzato in America per realizzare mobili, e in ebanisteria.


Platano occidentale: Varietà

Tra le varietà di Platano occidentale ricordiamo:

“Bloodgood” adatta a siti e condizioni difficili è resistente all’antracnosi

“Columbia” ad habitus piramidale con foglie profondamente lobate, resiste a oidio e antracosi

“Sutternii” con foglie variegate e corteccia bianca che si sfoglia

“Liberty” foglie a cinque lobi che ricordano un po’ quelle degli aceri americani, resiste a oidio e antracnosi



COMMENTI SULL' ARTICOLO