Sorbo montano

Generalità

Il Sorbo montano (Sorbus aria) appartiene alla famiglia delle Rosaceae, ed è una pianta legnosa cespitosa nelle situazioni di sottobosco, o al massimo un alberello alto fino a 12- 15 m, a chioma colonnare larga e ramificazione ascendente. Il fusto è eretto e cilindrico. La corteccia è grigia con lenticelle romboidali bianche, inizialmente liscia poi spaccata con l’età. I rami giovani sono prima pubescenti, poi glabri color bruno-rossiccio. Le foglie alterne, imparipennate e picciolate semplici, sono decidue, di forma da ellittica a ovata, lunghe fino a 12 cm e larghe 6 cm, con apice acuto e margini seghettati nella parte mediana e apicale. La pagina superiore inizialmente è verde pallido, pelosa, ma diventa scura e lucida con l’avanzare della stagione. La pagina inferiore è bianca con peluria, caratteristica che provoca un tipico scintillio della chioma della pianta quando viene mossa dal vento in primavera. Le gemme fogliari prima dell'apertura sono avviluppate su sé stesse e rivolte verso l'alto in modo caratteristico, con squame verde-giallastro ciliate. In autunno le foglie che restano sulla pianta fino a ottobre-novembre assumono una bella colorazione dorata sulla pagina superiore, mentre nella pagina inferiore restano argentate, il che unito alla presenza contemporanea dei frutti rossi crea un effetto d’insieme molto gradevole. I fiori ermafroditi compaiono da maggio a giugno, in corimbi, eretti prima e penduli poi, di 5-8 cm. Sono larghi circa 1 cm, bianchi, a cinque petali lunghi 3 mm, con 18-20 stami e un pistillo. I frutti di colore rosso brillante macchiato da lenticelle pallide quando diventano maturi, sono pomi globosi o ovoidali di 1,5 cm di diametro all’incirca, a polpa gialla e farinosa, riuniti in grappoli penduli. Ognuno di essi contiene di norma 2 semi. Sono ricchi di tannino, acido citrico, acido malico e zuccheri. Un tempo venivano usati per cucinare una salsa da accompagnare alla cacciagione o venivano mescolati al pane durante le carestie, oggi vengono per lo più mangiati dagli uccelli ai quali sono molto graditi, anche se possono essere impiegati per preparare marmellate, sciroppi e decotti utilizzati contro le affezioni bronchiali e intestinali. L’apparato radicale del Sorbo montano è fittonante e profondo. L’impollinazione è entomofila, e il polline non è allergenico.
sorbus aria

Vivai Le Georgiche Salix Babylonica (Salice Piangente Della Cina) [H. 250 Cm.]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 57€
(Risparmi 6€)


Clima e terreno

frutti sorbus ariaIl Sorbo montano è una pianta eliofila, diffusa da 0 a 1200-1600 metri sul livello del mare in tutta la penisola italiana, isole comprese, in boschi collinari e montani, e luoghi rocciosi o radure esposte. E’ molto adattabile, ma predilige i substrati calcarei. Tollera senza problemi l’aridità e le basse temperature, quindi può essere considerata pianta rustica di poche pretese, facilmente coltivabile. In Europa infatti è diffuso ovunque tranne che in Scandinavia. Resiste molto bene all’inquinamento.

  • Sorbo domestico carico di frutti Il sorbo appartiene alla famiglia delle Rosacee, alla sottofamiglia delle Pomoidee ed al genere Sorbus, comprendente numerose specie tra cui le più importanti sono il sorbo domestico (Sorbus domestica...
  • Sorbus aucuparia Il Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia) appartiene alla famiglia delle Rosaceae e deve il suo nome al fatto che attraendo l’avifauna con le sue bacche, veniva piantato vicino agli impianti per l...
  • Sorbo Una pianta adulta di sorbo non richiede tante innaffiature, ma si accontenta della pioggia; mentre gli esemplari più giovani hanno bisogno di irrigazioni ogni 20 giorni se il terreno è asciutto. Tutta...
  • Sorbo uccellatori La decorativa pianta fruttifera trae la sua origine da diverse aree del vecchio continente e trova classificazione nel vastissimo e rilevante raggruppamento familiare delle Rosaceae. Questo albero ris...

Vivai Le Georgiche Adansonia Digitata (Baobab Africano) [H. 40-70 Cm.]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 69€
(Risparmi 11€)


Impianto

La propagazione avviene più che altro per seme, a ottobre, oppure tramite margotta. Dopo due o tre anni avviene la messa a dimora, in autunno o primavera, avendo cura di scegliere un terreno poroso e areato, possibilmente non argilloso, preferibilmente lavorato (ma si può aprire anche la classica buca cubica di 40 cm di lato, dato che la pianta non è schizzinosa). Dopo l’impianto è bene operare una sarchiatura o zappettatura dell’area di piantumazione per mantenere la porosità del suolo. La fertilizzazione è necessaria di solito solo al momento della messa a dimora e si preferisce utilizzare lo stallatico maturo.


Tecniche di coltivazione

Il Sorbo montano è una pianta che si presta molto bene a venire utilizzata in giardini informali, in piccoli gruppi o sul fondo di bordure all’inglese, e in siepi miste soprattutto a crescita libera. E’ uno degli alberi prediletti dai naturalisti che vogliano coltivare un giardino che attiri e dia sostentamento alla fauna locale. Anche gli estimatori del giardino biologico apprezzano il Sorbo montano, in grado di contribuire alla varietà e quindi alla buona salute e all’equilibrio generale della microfauna entomologica del giardino o dell’orto, minimizzando l’impiego di antiparassitari naturali. Viene sottoposto a potature per fargli assumere una forma rotondeggiante (anche se non estrema come nel caso del bosso) nei giardini che fanno dell’arte topiaria uno dei focal point di interesse. Può essere guidato nella crescita per assumere posizioni incurvate sino a fargli formare archi per incorniciare panchine o nicchie. In ambito urbano viene utilizzato per le alberature dato il suo bell’aspetto unito alla rusticità e alle minime cure richieste. La potatura è necessaria solo per rimuovere il seccume, dato che la pianta dà il meglio di sé se lasciata sviluppare in autonomia. Non sono necessarie fertilizzazioni sistematiche.


Parassiti

Come tutte le Rosaceae, anche il Sorbo montano è sensibile agli attacchi dell’ascomicete Nectria che provocano il cancro di fusti e rami, con conseguente seccume generalizzato.


Sorbo montano: Caratteristiche del legno

Il legno, che ha impieghi limitati più che altro per le modeste dimensioni del fusto, è di color rosso-bruno con alburno avorio. Duro e tenace, viene comunque usato quando se ne ha la disponibilità per lavori al tornio, per produrre manici di attrezzi, arnesi agricoli e oggetti ornamentali.



COMMENTI SULL' ARTICOLO