Carrubo - Ceratonia siliqua

Generalità

Il carrubo appartiene alla famiglia delle Leguminose, al genere Ceratonia ed alla specie siliqua.

È una pianta molto longeva, alta fino a 15 m, a lento accrescimento e con un portamento espanso, infatti la chioma può raggiungere un diametro di 10 m; il fusto è solcato e ramificato.

Nella parte alta della pianta i rami hanno un portamento tendenzialmente assurgente, mentre all’esterno hanno un angolo di inserzione più aperto. Le radici si sviluppano in profondità e sono saldamente ancorate al terreno, così gli alberi resistono al forte vento. Le foglie compaiono in primavera, sono sempreverdi, dure, verdi scure, lunghe mediamente 15 cm ed hanno una durata foto sintetica fino ad un anno e mezzo.

Frutti di Carrubo

SUYIZN, Strumento da taglio professionale per giardinaggio, innesti, taglio e potatura di alberi da frutta, palmare, cesoia con 2 lame extra e 1 attrezzi da giardinaggio ZK64

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,66€


Biologia fiorale e frutti

Le infiorescenze, riunite in gruppi ben distanziati l’uno dall’altro, si formano su rami aventi un’età superiore ai due anni; nei punti in cui sono avvenute le precedenti fruttificazioni si verifica l’induzione delle gemme a fiore.

I fiori sono ermafroditi, maschili o femminili; l’impollinazione è entomofila ed anemofila, nel caso di impianti specializzati la presenza di impollinatori maschili deve essere almeno del 10%. La fioritura del carrubo è molto scalare, in Sicilia si protrae da agosto a novembre; il frutto è una siliqua indeiscente di colore verde, che si sviluppa in primavera maturando verso fine estate, in questa fase il frutto assume una colorazione marrone. Durante l’estate sulla pianta ci sono i fiori ed i frutti contemporaneamente.


  • Pianta carrubo Carrubo è il nome comune della Ceratonia Siliqua, albero sempreverde della famiglia delle Leguminose. Si tratta di un esemplare molto bello, elegante e decisamente ornamentale. Originario dell’Arabia,...
  • Ramo di Ulivo L’olivo appartiene alla famiglia delle Oleaceae comprendente circa 30 generi, tra cui Fraxinus, Jasminum, Phillyrea Syringa, Ligustrum ed Olea. La specie Olea europaea presenta diversi aspetti morfolo...
  • Pianta di melo con frutti La storia del melo è molto antica; sembra che il suo centro d’origine sia localizzato in unaregione montagnosa del Sud-Est della Cina dove, tramite la propagazione delle specie Malus Sieversii, si s...
  • Albero di Pero Il pero appartiene alla famiglia delle Rosaceae, alla sottofamiglia delle Pomoidee ed al genere Pyrus, comprendente una trentina di specie diffuse in tutto il mondo. La specie Pyrus communis è tipica ...

SAFLAX - Set per la coltivazione - Ciliegio di Taiwan - 10 semi - Cerasus campanulata syn. Prunus c.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,75€


Clima e terreno

Il carrubo preferisce climi aridi e semiaridi in quanto dotato di rusticità, resistenza alla siccità ed alle alte temperature, mentre è meglio evitare zone in cui le temperature invernali scendono al di sotto dello zero; la pianta va esposta in pieno sole. È una specie coltivata prevalentemente nei climi mediterranei, la Spagna e l’Italia sono i principali produttori mondiali. Nel nostro Paese il 70% circa della superficie coltivata a carrubo si trova in Sicilia, la restante parte è ripartita tra Puglia, Sardegna ed alcune zone della Campania. Il carrubo cresce bene su terreni poco fertili, calcarei ed addirittura pietrosi, mentre rifugge i suoli troppo compatti ed umidi.


Varietà ed utilizzo del prodotto

Le cultivar di carrubo si distinguono principalmente in base alla dimensione della siliqua.

Le varietà “agriogene” o selvatiche presentano baccelli corti, aventi una lunghezza di 7-10 cm, piccoli (dal peso di 5-10 g) e di una percentuale in peso variabile tra il 15 ed il 25%. Le cultivar “emerogene”, quelle più coltivate, sono dotate di baccelli lunghi 15-20 cm, grossi (dal peso di 18-28 g) e con una percentuale in peso del 10%, per cui hanno un basso rapporto polpa/semi.

Un tempo le carrube venivano utilizzate per l’alimentazione umana, dagli anni ’80 c’è stato un rinnovato interesse legato all’impiego del seme, infatti dall’endosperma si ricavano delle gomme addensanti utilizzate nell’industria alimentare e dolciaria. Dalla polpa delle carrube si ottengono sostanze con basso contenuto in grassi (un surrogato del cacao) che contrastano il vomito e la diarrea; può essere inoltre destinata all’alimentazione del bestiame. In Italia tra le varietà selvatiche si ricorda la Rizzulina, mentre quelle emerogene più importanti sono Latinissima, Racemosa, Amele di Bari, Saccarata, Gibiliana, Moresca e Pasta.

Con le cultivar a fiore ermafrodita come Bonifacio, Tantillo e Greca non si ritiene fondamentale la presenza di impollinatori maschili improduttivi.


Tecniche di coltivazione

La propagazione del carrubo avviene principalmente per seme, in autunno o in primavera si mettono a dimora piantine da seme di 2-3 anni caratterizzate però da un’elevata eterogeneità, per cui si ricorre all’innesto in campo nell’anno successivo all’impianto. Negli impianti specializzati spagnoli l’investimento ad ettaro è di 60-100 piante, con produzioni annuali di 100-130 kg per pianta. Con la potatura di allevamento l’obiettivo è ottenere piante impalcate ad 1,5 m dal terreno, mentre in fase di produzione ci si limita ad interventi straordinari di risanamento e di ringiovanimento. La concimazione è importante soprattutto all’impianto apportando del letame maturo, su piante in produzione si distribuiscono concimi minerali. L’irrigazione negli impianti specializzati si effettua perlopiù in fase giovanile o nel caso di piante coltivate in vaso.

La raccolta viene eseguita mediante la bacchiatura che può danneggiare le infiorescenze presenti contribuendo al fenomeno dell’alternanza di produzione. Il carrubo, essendo una pianta rustica, è abbastanza resistente ai parassiti, qualche danno può essere causato, fra i funghi, dall’oidio e da alcuni insetti (il cecidomide Eumorchalia gennadi ed il lepidottero Myelois ceratoniae).


Carrubo - Ceratonia siliqua: Utilizzo ornamentale

Negli ultimi anni, grazie alla sua valenza estetica, il carrubo è impiegato anche come specie ornamentale in progetti per la realizzazione di aree a verde e di parchi naturali; a tale scopo, ma soprattutto per motivi di gestione e pulizia, sono da preferire le piante a fiori maschili perché non producono baccelli. L’utilizzo del carrubo come specie ornamentale è legato soprattutto alla sua elevata resistenza alla siccità, alla resistenza all’inquinamento atmosferico dei centri urbani ed alla resistenza ai parassiti. Tuttavia il suo impiego nel verde pubblico urbano può essere limitato dalle dimensioni maestose che raggiunge in età adulta e soprattutto a causa del suo robusto apparato radicale che necessita di un raggio di esplorazione di almeno 8-10 m.


  • ceratonia siliqua Il carrubo è un albero sempreverde termofilo, diffuso nel nostro paese soprattutto nel meridione, in particolare nelle
    visita : ceratonia siliqua
  • carrubo albero Questo albero ha bisogno di irrigazioni regolari durante la stagione estiva, in particolare se le precipitazioni sono mo
    visita : carrubo albero
  • carruba frutto In Italia le coltivazioni di carrubo più a nord si trovano in Toscana dove ormai si è naturalizzato. Abbonda in Sicilia
    visita : carruba frutto

COMMENTI SULL' ARTICOLO